TICINO
05.12.11 - 09:520
Aggiornamento : 25.11.14 - 02:19

Studenti ticinesi meno intelligenti di quelli svizzeri, ma più di quelli europei

Il DECS fornisce i risultati della più recente indagine PISA. Ticinesi ancora ultimi in Svizzera

BELLINZONA - Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) – attraverso la Divisione della scuola – annuncia che sono disponibili i risultati a livello regionale dell’indagine PISA (Programme for International Student Assessment) basata sul campione di allievi del 9° anno scolastico (ciò che corrisponde alla fine della scuola dell’obbligo).

I risultati internazionali del test PISA 2009 indicano come la Svizzera si situi al di sopra della media OCSE nei tre settori esaminati (lettura, matematica, scienze naturali). Il test si riferisce all’esito delle prove sostenute dagli allievi quindicenni . La prova principale riguardava la lettura: la media degli allievi residenti in Svizzera è stata di 501 punti mentre quella dei paesi dell’OCSE di 493. Per la matematica la media svizzera è stata di 534 (OCSE 497) mentre per le scienze naturali di 517 punti (OCSE 501).

I dati disponibili consentono un confronto fra le tre regioni linguistiche e fra i cantoni che hanno partecipato all’indagine (complessivamente 13 , Ticino compreso). L’indagine ha interessato in questi cantoni gli allievi dell’ultimo anno di scuola dell’obbligo. Quindi in Svizzera hanno partecipato al test PISA gli allievi del nono anno scolastico e in Ticino gli allievi di IV media . Complessivamente sono stati coinvolti ca. 15.800 allievi di cui ca. 1100 in Ticino.

Per la lettura – ambito principale del test PISA 2009 - la Svizzera francese (506 punti) e la Svizzera tedesca (502) precedono gli allievi della Svizzera italiana (485 punti). A detta dei ricercatori lo svantaggio di ca. 20 punti è considerato di entità ridotta e, in parte, motivato dalla più giovane età degli allievi ticinesi rispetto agli allievi degli altri cantoni (15,1 anni per il Ticino, contro i 15,9 anni della Svizzera).
In matematica la Svizzera tedesca ottiene 539 punti, la Svizzera francese 530 e la Svizzera italiana 518 . La media ticinese (518) è superiore a quella dell’OCSE (497). Per le scienze naturali: la Svizzera tedesca ha una media di 523 punti, la Svizzera francese di 500 e la Svizzera italiana di 493. In questa prova, come pure in quella di lettura, l’esito degli allievi ticinesi è leggermente inferiore alla media OCSE.

Il confronto dei risultati PISA 2009 con i dati PISA 2000 conferma una sostanziale stabilità delle prestazioni in lettura per gli allievi ticinesi; per la matematica invece si registra un leggero miglioramento (+ 9 punti) rispetto ai dati del 2003, mentre in scienze naturali vi è una contenuta diminuzione (- 8) in rapporto al 2006.

L’analisi dettagliata dei risultati in lettura mette pure in evidenza come in Svizzera la relazione tra la condizione sociale e le prestazioni in lettura degli allievi riveste ancora un ruolo determinante ed è molto variegata. Il Ticino è uno dei cantoni in cui l’effetto dell’ambiente sociale, economico e culturale è meno rilevante. Anche la differenza dei risultati conseguiti tra gli allievi autoctoni e quelli che parlano a domicilio una lingua diversa dall’italiano è assai contenuta in Ticino (7 punti di variazione), mentre è molto più forte nella Svizzera tedesca (62 punti) e nella Svizzera francese (47 punti). Analoga tendenza si registra nei risultati conseguiti in base al sesso: le ragazze ottengono un esito migliore in tutti i cantoni e in Ticino la variazione tra i risultati delle ragazze e dei ragazzi è più contenuta rispetto al resto della Svizzera.

Da queste prove emerge in termini generali come la differenza di prestazione tra gli allievi più forti e quelli più deboli risulti piuttosto contenuta in Ticino e, generalmente, inferiore rispetto ai cantoni della Svizzera tedesca.

I dati dell’indagine PISA 2009 saranno ulteriormente approfonditi da parte del Dipartimento e dei servizi preposti all’insegnamento per valutare i possibili miglioramenti da apportare all’organizzazione scolastica e ai piani di studio, oggetto attualmente di riesame anche nel contesto dell’implementazione del Concordato HarmoS, delle metodologie d’insegnamento, della formazione iniziale e continua del personale insegnante ecc.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Escursionisti che mettono i bastoni fra le ruote dei bikers
Ostacoli e trappole piazzati sui Monti di Claro: la convivenza fra i vari fruitori dei sentieri non è sempre semplice.
CHIASSO/LUGANO
4 ore
Anche in treno si viaggia un po' stretti
Pendolari stipati su un convoglio dimezzato. Le Ffs: «Può capitare, ma esistono diverse alternative»
CANTONE
6 ore
Mascherine, è iniziata la guerra dei prezzi
A gennaio, la domanda di FFP2 è aumentata notevolmente. Ma non in Ticino
LUGANO
7 ore
Cade dalla scalinata, finisce in ospedale
L'incidente si è verificato sulla strada che transita sul Ponte del diavolo.
CANTONE
11 ore
Delitto di Muralto: 30enne a processo per assassinio
È stato rinviato a giudizio il cittadino germanico che era stato fermato a seguito dei fatti del 9 aprile 2019
CANTONE
13 ore
Negli ospedali ci sono meno di 200 pazienti col coronavirus
Le autorità sanitarie cantonali segnalano altri 58 contagi e 6 nuovi decessi
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Salt: «Problema tecnico risolto»
I primi disagi erano stati riscontrati attorno alle 15 di ieri. Il guasto è stato sistemato in tarda serata
FOTO E VIDEO
AIROLO
13 ore
Tampona un camion fermo sull'A2: è gravissimo
L'incidente è avvenuto questa mattina nei pressi dell'area di servizio di Stalvedro.
VIDEO
CANTONE
14 ore
In moto anche d'inverno: attenzione a ghiaccio e temperature!
Il TCS: «La guida di una due ruote esige, come per l'auto, una prudenza e un'attenzione permanente»
VIDEO
SEMENTINA
17 ore
«Gira poca gente, affari giù del 50%»
Crisi Covid: stare a casa equivale a usare poco l'auto. Sconforto tra i benzinai. Lo sfogo del 35enne Davide Ciaburri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile