MILANO / TICINO
12.08.09 - 10:470
Aggiornamento : 22.11.14 - 10:40

Ticinese bloccata tra i profughi: "Voglio tornare a casa"

È la storia di Marusca Schenk, rinchiusa nel Centro d'identificazione ed espulsione di via Corelli

MILANO - Marusca è una ragazza ticinese di 33 anni. È appena uscita dalla prigione milanese di San Vittore, dopo aver scontato una condanna per traffico di stupefacenti. Ma non può tornare a casa sua, a Lugano: essendo svizzera, cioè extracomunitaria, secondo la legge italiana è stata portata al Centro di identificazione ed espulsione di via Corelli, il tristemente noto ex Cpt milanese, teatro di rivolte d'immigrati negli scorsi anni.

Rinchiusa - Come si legge sulla sezione milanese di Repubblica.it, Marusca è rinchiusa insieme alle donne africane e sudamericane senza permesso di soggiorno. Sorvegliata dai militari, Marusca rischia di restare in via Corelli fino alla fine dell'anno. Con il discusso decreto sicurezza, infatti, il Governo italiano ha prolungato da due a sei mesi il periodo di custodia per le persone colpite da provvedimento di espulsione.

L'arresto - Eppure, per Marusca, il viaggio per tornare a casa sarebbe breve, giusto un'oretta di treno. Marusca Schenk era stata fermata il 7 febbraio 2007, a Milano, insieme al fidanzato. A bordo della loro auto erano stati trovati sei chili di eroina, trasportati dal Kosovo via Bari.

In attesa d'espulsione - Lei aveva chiesto di essere rimpatriata per scontare la pena in Svizzera, ma senza risultato. «Al mio avvocato è stato risposto che una convenzione fra i due Stati lo impediva», racconta la donna. La prefettura milanese ha consegnato alla giovane il decreto di accompagnamento alla frontiera “per motivi imperativi di pubblica sicurezza” e ora si trova in via Corelli in attesa dell’esecuzione del provvedimento. "Sembra incredibile, ma in prigione ero più libera rispetto a ora" dichiara Marusca, che a San Vittore poteva godere di permessi premio. Tutt'altra situazione rispetto a quella del Cie.

Pressioni - I parenti della giovane fanno pressione sul consolato svizzero a Milano perché Marusca possa ritornare. Fino ad ora, però, i tentativi dei familiari sono andati a vuoto: «Gli aspetti legali non rientrano nelle nostre mansioni, a occuparsi della questione devono essere gli avvocati», dichiara al quotidiano italiano il vice console Peter Brunold.

Proteste - Da tre giorni un gruppo di reclusi sta attuando uno sciopero della fame, per protestare contro le condizioni di questi centri di identificazione ed espulsione. Il giudice di pace, questa mattina, dovrà convalidare il decreto di espulsione.  «Ho carta d’identità e passaporto svizzeri — dice Marusca Schenk — sono extracomunitaria e voglio essere cacciata dall’Italia, è mio diritto».

I bilaterali – Non ci sono bilaterali che pensano agli svizzeri che escono di prigione. Secondo le leggi italiane, dunque, la situazione di Marusca è perfettamente regolare. A far rumore è il fatto che la "vittima" del sistema sia svizzera, e non di qualche regione della lontana Africa.


Red

Foto d'apertura: La Repubblica

TOP NEWS Ticino
LOCARNO
7 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
9 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
CANTONE
12 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
È la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
12 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
13 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
14 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
15 ore
«Mikron? La loro è irresponsabilità sociale»
L'MPS punta il dito contro il Cantone definendolo complice dei licenziamenti «con la sua politica di sgravi fiscali»
CANTONE
17 ore
La "prova" del tradimento? «Un herpes sulle labbra»
Emergono nuovi particolari dal processo al 56enne che, nel giugno 2017, uccise a colpi di pistola la moglie in un autosilo ad Ascona
CANTONE
17 ore
«Non è possibile quantificare esattamente i tagli»
Il responsabile delle finanze di Mikron ha commentato la notizia dei 25 licenziamenti annunciati ad Agno. Senza sbilanciarsi: «Dipenderà dall'evoluzione delle commesse nei prossimi mesi»
CANTONE
18 ore
«Io la amavo, signor giudice, la amavo»
A processo il 56enne che uccise la moglie in un autosilo di Ascona, nel 2017. Tra lacrime in aula e accuse di tradimenti
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile