SVIZZERA
23.09.08 - 10:330
Aggiornamento : 13.11.14 - 16:24

Alcool, fumo e droghe tra i giovani: svizzeri meglio che nel resto d'Europa, ma le cifre restano alte

Un confronto internazionale dimostra che il consumo regolare di alcol e tabacco da parte dei giovani svizzeri è inferiore alla media degli Stati europei e nordamericani che hanno preso parte all´inchiesta. Nella maggior parte dei paesi, è stato registrato un calo del consumo di tabacco, mentre per quanto riguarda l´alcol è impossibile delineare una tendenza unitaria. L´indagine internazionale Health Behaviour in School-aged Children paragona i tassi di consumo in 41 paesi e tratteggia la situazione deg

BERNA - In Svizzera, dal 2002 il consumo di sostanze stupefacenti dei quindicenni è calato. Nel confronto internazionale, ci troviamo sotto la media, ma non per questo possiamo essere presi a esempio. "Gli  ultimi sviluppi sono positivi, ma non devono mascherare il fatto che  sono sempre troppi gli adolescenti che bevono e fumano", osserva  Michel Graf, Direttore dell´Istituto svizzero di prevenzione  dell´alcolismo e altre tossicomanie (ISPA). Lo studio pubblicato nel  2008 dall´Ufficio regionale europeo dell´Organizzazione mondiale  della sanità e dall´Università di Edimburgo confronta il  comportamento in campo sanitario dei giovani di 41 paesi. La ricerca, svolta sulla base dell´inchiesta internazionale Health Behaviour in  School-aged Children (HBSC) che si tiene ogni quattro anni, prende in considerazione il consumo di alcol, tabacco e canapa tra i ragazzi di 11, 13 e 15 anni. I dati della Svizzera provengono da un sondaggio  condotto nel 2006 nelle scuole dall´ISPA su incarico dell´Ufficio  federale della sanità pubblica e dei Cantoni. 
 
Generalmente sotto la media internazionale

Nel confronto internazionale, il calo del consumo di alcol registrato in Svizzera dal 2002 è notevole. Alla voce ubriachezza occasionale,  la Svizzera si trova ben al di sotto della media: il 23% dei  quindicenni elvetici ha ammesso di essersi già ubriacato almeno due  volte, contro il 33% della media internazionale. I risultati  concernenti il consumo regolare sono meno rallegranti: circa il 22%  degli adolescenti svizzeri beve alcol almeno una volta la settimana,  contro il 26% a livello internazionale.
La diminuzione del consumo di tabacco rilevato in Svizzera è  superiore a quello registrato su scala internazionale. Se nel 2002 il 23% dei giovani svizzeri fumava almeno una volta la settimana contro  il 24% dei coetanei internazionali, nel 2006 il tasso elvetico è  sceso al 15%, mentre quello europeo e nordamericano si è arrestato al 19%.
In Svizzera e in molti altri Stati, anche il consumo di canapa si è  contratto. Circa il 31% degli adolescenti svizzeri ha ammesso di  averne già fumata, un tasso molto elevato se paragonato alla media  del 18% registrata sul piano internazionale. Il 12% dei quindicenni  elvetici, ossia il doppio dei coetanei stranieri, ha consumato canapa nel mese precedente l´inchiesta. 
 
 
Ambiente sociale: famiglia, coetanei, scuola

L´inchiesta HBSC tiene conto anche dell´ambiente in cui vivono gli  adolescenti. Per la Svizzera, l´ISPA ha analizzato il consumo di  sostanze stupefacenti in relazione alla famiglia, ai coetanei e alla  scuola, raccogliendo i dati in un nuovo opuscolo.
Nel 2006, il 78% dei quindicenni ha dichiarato di parlare apertamente con i genitori delle attività del tempo libero e dei loro problemi.  Gli adolescenti i cui genitori sanno come e con chi i figli  trascorrono il tempo libero consumano meno alcol, tabacco e canapa  dei loro coetanei dei quali i genitori sanno poco o nulla. Il fatto  che i genitori siano al corrente di chi frequentano e di che cosa  fanno i figli significa che in famiglia si è instaurata una relazione aperta che può avere un effetto preventivo. Lo stesso vale per i  giovani che non hanno difficoltà a parlare dei loro problemi con la  madre o il padre: "È importante che i genitori siano disponibili al  dialogo e che talvolta insistano se qualcosa li preoccupa. In questo  modo, i figli sanno che possono sempre contare sul loro sostegno",  afferma Sabine Dobler, esperta di prevenzione all´ISPA. Il 24% dei quindicenni non esce mai la sera, il 65% esce fino a tre  volte la settimana, l´11% quattro volte o più. Chi esce più spesso  consuma in prevalenza alcol, tabacco o canapa. Benchè uscendo la 
sera, aumentino potenzialmente le possibilità di consumare sostanze  stupefacenti, è anche importante curare le amicizie. Secondo l´ISPA,  servono dunque chiare disposizioni: "I genitori devono stabilire con  che frequenza, quando e fino a che ora i figli possono uscire la  sera", conclude Sabine Dobler.



 

Commenti
 
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LOCARNO
1 ora

Locarno premia la forza femminile rappresentata da Pedro Costa

È "Vitalina Varela" ad aggiudicarsi il Pardo d'oro della 72esima edizione del Locarno Film Festival. Il Pardino d'oro va a Dejan Barac per "Mama Rosa"

BELLINZONA
4 ore

Il cedro aveva 200 anni, «era sanissimo»

Tuto Rossi posta su Facebook l'immagine di un albero abbattuto. «Poi arrivano sei municipali che aspirano solo alla loro rielezione e approvano la demolizione»

AIROLO / URI
4 ore

Ancora rientri, ancora traffico

Alle 12.30 erano otto i chilometri davanti alla galleria del San Gottardo in direzione nord. Ma c'è anche chi è in partenza

LOCARNO
7 ore

Più barche di quanto permesso

Da alcuni controlli sarebbe emerso il sovraffollamento del sovrautilizzo del molo presso il cantiere nautico Di Domenico

CANTONE / VAUD
19 ore

Espulso per traffico di auto rubate, graziato dal Tribunale federale

Per i giudici la Segreteria di Stato della migrazione non ha considerato il fatto che l’uomo, un cittadino italiano allontanato per 10 anni dalla Svizzera, ha cambiato mestiere e atteggiamento

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile