BERNA
20.07.08 - 18:100
Aggiornamento : 02.11.14 - 00:16

Politecnici: prosegue diatriba su spartizione fondi

BERNA - La disputa dello scorso anno sulla ripartizione dei fondi federali tra i due politecnici di Losanna e Zurigo ha lasciato strascichi. Secondo il presidente del Consiglio dei politecnici Fritz Schiesser, ci sono ferite che stentano a guarire. In un'intervista pubblicata oggi sulla "NZZ am Sonntag", Fritz Schiesser - entrato in funzione sei mesi fa quale presidente del Consiglio dei politecnici (PF) dopo quasi 18 anni come Consigliere agli Stati per il PLR glaronese - ha riconosciuto che la ripartizione dei fondi tra le due scuole è un compito assai laborioso ed esigente. Tuttavia, se ancora si sentono gli echi della polemica dello scorso anno, Schiesser si è detto pronto ad un nuovo inizio.

Già in aprile aveva annunciato che un nuovo sistema di suddivisione dei fondi è in fase di studio e dovrà essere pronto per il 2011, anno in cui verrà rinnovato il "Mandato di prestazioni del Consiglio federale nel settore dei PF". Fino ad allora, durante il mandato in corso (2008-11), i soldi verranno distribuiti secondo le vecchie modalità, sebbene l'anno scorso il più grosso dei due politecnici, quello di Zurigo, si fosse sentito svantaggiato, e si era lamentato presso il Consigliere federale Pascal Couchepin.

"Non ci potranno essere meccanismi di ripartizione semplici", prevede Schiesser. "Resteranno sempre margini di apprezzamento, che saranno attribuiti dal Consiglio dei politecnici". A suo avviso, il fatto che i due presidenti dei PF partecipino al Consiglio, non è fonte di problemi, dal momento che la maggioranza dei membri è indipendente dalle istituzioni.

L'ex-parlamentare non considera l'eventualità di una fusione dei PF, e sostiene invece l'autonomia delle due scuole, Losanna e Zurigo: "hanno due culture differenti, e in politica ho sperimentato quanto è arricchente conservare le due culture". Secondo Schiesser, entrambi i politecnici devono essere tra le migliori scuole al mondo. Alla domanda, se ciò sia anche economicamente sostenibile, risponde: "Questo lo vedremo nei prossimi anni (...) La Svizzera dovrebbe esserne capace."



ATS
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
8 min
Mettono in scena un incidente per truffare l'assicurazione
Quattro persone sono finite in manette. Una di loro deve rispondere pure di falsità in documenti
CANTONE
2 ore
I divorzi sono in aumento, soprattutto in Ticino
È quanto si evince dai dati provvisori per il 2019 dell'Ufficio federale di statistica
FOTO
ITALIA / CONFINE
2 ore
Coronavirus, quarto morto in Italia
Scaffali dei supermercati di nuovo pieni, ma latitano i disinfettanti. E c'è chi manifesta in dogana
LUGANO
5 ore
Le trappole del finanziamento facile
La trappola delle cauzioni per ottenere denaro che non arriverà mai.
FOTO
BELLINZONA
15 ore
Un corteo da record: oltre 25.000 spettatori
La tradizionale sfilata, cuore del carnevale Rabadan, è stata baciata dal sole. Podio tutto biaschese tra i carri
LUGANO
18 ore
La paura dei treni affollati. «Io lavorerò da casa»
L’effetto Coronavirus si fa sentire anche in alcune aziende ticinesi.
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
21 ore
È iniziato il mitico corteo del 157esimo Rabadan
Fra Guggen, gruppi e carri un pomeriggio di festa (e baciato dal sole) in quel di Bellinzona
BELLINZONA
21 ore
Quanta adrenalina, prima del super corteo
È il momento clou del carnevale Rabadan. Il backstage delle ore che lo hanno preceduto
CANTONE
21 ore
Coronavirus: «Nessun caso sospetto in Ticino. Ma siamo pronti»
Lo riferisce il DSS. Domani il gruppo di coordinamento allargato deciderà se attivare nuove misure
CHIASSO
23 ore
Volevano entrare in Svizzera con 225 chili di hashish. Arrestati
Le manette sono scattate per due cittadini stranieri. Entrambi residenti all'estero
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile