LUGANO
25.05.05 - 13:540
Aggiornamento : 13.10.14 - 13:48

I soci della Società Salvataggio di Lugano si preparano

LUGANO - Ogni anno la stagione estiva porta negli stabilimenti balneari migliaia di persone e famiglie alla ricerca di un’abbronzatura ma anche per un momento di refrigerio nelle acque delle piscine. Altre, amanti della natura scelgono i bellissimi specchi d’acqua di fiumi avvolti da enormi sassi levigati nel tempo dallo scorrere dell’acqua, o in rive selvagge dei nostri laghi.
Se negli stabilimenti balneari, pubblici o privati, i bagnanti sono sorvegliati da persone istruite con corsi di salvataggio e pronto soccorso dalle Società di salvataggio, ciò non avviene sulle rive selvagge dei laghi o fiumi.
Qui un soccorso è affidato al caso ed in particolare se sono presenti persone capaci e coscienti nell’azione che stanno intraprendendo, senza mettere in pericolo la propria vita. Annualmente le statistiche svizzere, come quelle del nostro cantone confermano, come gli infortuni avvengono proprio in acque libere (laghi e fiumi). Molti sono i fattori, dall’errata valutazione del luogo alla bassa temperatura dell’acqua e altre concause fisiche del bagnante.

La Società Salvataggio di Lugano, da oltre 50 anni è attiva nella prevenzione ed azioni di soccorso di ogni genere agli utenti del lago Ceresio. Per questo può contare su 65 soci brevettati che da giugno a fine agosto prestano servizio di picchetto con presenza sul lago i fine settimana e giorni festivi, inoltre un gruppo di questi ultimi garantisce una copertura sull’arco delle 24 ore, tutto l’anno. Sabato 21 maggio gli stessi si sono ritrovati per la giornata conclusiva di preparazione e ripetizione delle diverse procedure per garantire un servizio celere e professionale a tutti gli utenti del lago. Gestione di un allarme, conoscenza del materiale in dotazione, ripetizione ed aggiornamenti delle tecniche si soccorso ed in particolare esercizi specifici dei vari settori, caratterizzato ogni anno, nei mesi d’aprile e maggio la preparazione di una squadra, che si basa unicamente sul volontariato degli stessi, servizi e attività che di regola sono poco appariscenti ai bagnati ed al pubblico in generale, che ne sente parlare e ne viene a conoscenza solo quando un incidente è già avvenuto.

Dati: 70 soci attivi compresi - 13 Piloti - 18 monitori di salvataggio - 22 Subacuei - 5 istruttori subacquei - 35 Operatori 2 Natanti veloci di soccorso e prevenzione.

In occasione di questa giornata, sono stati insigniti del diploma di fedeltà per anni di servizio i seguenti soci: Franco Righetti (47 anni), Guido Menghetti (46), Ado Mernzoni (41), Gherda Villa (40), Enrico Riva e Ferruccio Staub (35), Aureliano Bianchi (34), Luca Bagutti e Megy Menghetti (31), Dante Rimediotti (30).
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Scappano dai postriboli per il coronavirus
Il panico per la pandemia non risparmia i locali a luci rosse. Cala la clientela e le ragazze si prendono una “pausa”
FOTO E VIDEO
CANTONE
2 ore
Coronavirus: uno sguardo nelle tendine per il triage
Lo scopo? Evitare i contatti tra eventuali contagiati e altri pazienti
CANTONE
3 ore
«Ecco perché la gente ruba le mascherine»
Panico da Coronavirus, il sociologo Sandro Cattacin critica le autorità: «Sbagliato fermare carnevali ed eventi».
CANTONE/ITALIA
4 ore
L'odissea di una famiglia ticinese a Malpensa
Cancellato il volo per le Canarie, senza rimborso. «Faremo causa»
CANTONE
10 ore
Nuova notizia fake, si scherza con la salute di tutti
Sono stati diffusi alcuni nostri articoli volutamente modificati. Seguite solo i canali ufficiali
FOTO E VIDEO
VACALLO
14 ore
Rapina a un distributore di benzina
È accaduto in via del Breggia. I tre malviventi si sono dati alla fuga
CANTONE
15 ore
Quindici aziende "lasciano a casa" per il virus
Telelavoro "coatto" per evitare contagi. La lista delle aziende si allunga. L'indagine Aiti
CANTONE
17 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
LUGANO-MILANO
19 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
LUGANO
22 ore
Lavoratori a casa per il virus: «Chiamano preoccupati»
Alcune aziende in Ticino hanno iniziato a mettere "in isolamento" i lavoratori. Unia: «Diverse sollecitazioni»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile