SVIZZERA
01.06.14 - 11:290
Aggiornamento : 20.11.14 - 14:18

Nessun trattamento di favore alla Svizzera dopo le Europee

L'ondata euro-scettica non cambia i rapporti tra Unione europea e Confederazione, secondo l'ambasciatore dell'UE a Berna Richard Jones

BERNA - Nessun trattamento di favore alla Svizzera dopo le recenti elezioni europee caratterizzate da una forte avanzata dei partiti euroscettici: lo afferma, in un'intervista alla "SonntagsZeitung", l'ambasciatore dell'UE a Berna Richard Jones.

 

Non vedo segnali in questa direzione, spiega il diplomatico, ribadendo che l'esito del voto del 9 febbraio sull'immigrazione di massa e l'attuazione di un sistema di quote basato sulla preferenza nazionale sono incompatibili con la libera circolazione delle persone.

 

All'interno dell'UE vi è dibattito su come i singoli paesi debbano applicare la libera circolazione, sottolinea Jones: si discute in particolare sulle norme volte a regolamentare l'accesso alla rete di protezione sociale, ma il principio stesso della mobilità non viene messo in questione, nemmeno dopo le elezioni per il rinnovo dell'europarlamento. "Non vi sono indizi", quindi, che la Svizzera possa beneficiare di eccezioni.

 

Le relazioni bilaterali tra Bruxelles e Berna, afferma ancora l'ambasciatore, necessitano di fondamenta stabili e solide e dopo il 9 febbraio tale problematica "dal nostro punto di vista è diventata ancora più urgente". Per questo motivo i paesi membri hanno dato mandato alla Commissione di negoziare. Ma una cosa è chiara "un accordo istituzionale ha senso solo se vengono mantenute la libera circolazione e le rimanenti intese bilaterali".

 

Sul tema, sempre sulle pagine della "SonntagsZeitung", si esprime anche l'imprenditore Peter Spuhler, ex consigliere nazionale UDC e CEO di Stadler Rail, azienda specializzata nella produzione di convogli ferroviari. "Sulla via bilaterale il popolo dovrà pronunciarsi ancora, una volta per tutte". Ma prima di organizzare una votazione bisognerà attendere i risultati dei negoziati tra Svizzera e UE. Quanto all'esito delle elezioni europee, e contrariamente al parere di Jones, Spuhler ritiene che "con l'avanzata degli euroscettici, la nostra situazione è leggermente cambiata". "Forse beneficeremo di alcune concessioni".

 

Ats

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Raiffeisen, nuove strutture per voltare pagina
Le singole banche potranno fare sentire maggiormente la loro voce presso la sede centrale. Ogni banca disporrà di un voto nelle future assemblee generali
VAUD
8 ore
In Romandia arriva il “tutor” e il web s’infiamma
La polizia ha annunciato la messa in servizio di un radar che controlla la velocità su una porzione della semi-autostrada tra Orbe e Vallorbe (VD)
SVIZZERA
12 ore
Se fai il macchinista ti diamo 10mila franchi in più
Per far fronte alla carenza di macchinisti, le FFS hanno lanciato una campagna di promozione. Che prevede ad esempio un ritocco verso l'alto della busta paga durante la formazione
FOTO E VIDEO
GINEVRA
13 ore
Attivisti per l'ambiente bloccano il terminal dei jet privati
«Vogliamo denunciare questo mezzo di trasporto assurdo», urlano a gran voce. «Un aereo privato emette CO2 per passeggero venti volte superiori a quelle di un normale aereo di linea»
SVIZZERA
15 ore
Presidenza del Nazionale, nel 2022 toccherà ai Verdi
È quanto hanno deciso ieri i capigruppo in Parlamento dei differenti partiti. Saranno i popolari-democratici a saltare il turno
ARGOVIA
16 ore
Tredici ladri arrestati, uno è scomparso nel Reno
Circa 130 agenti hanno collaborato al fermo di alcuni presunti scassinatori. A Frick gli occupanti di un'auto sono fuggiti tuffandosi nel Reno. Di uno di loro si sono perse le tracce
SVIZZERA
18 ore
Deceduto l'ex ambasciatore Benedict de Tscharner
Nato nel 1937, ha svolto una lunga carriera diplomatica che lo ha portato a Vienna e Bruxelles e infine a Parigi, dove ha rappresentato la Svizzera dal 1997 al 2002
SAN GALLO
1 gior
Auto contro un Piranha dell'esercito
I dieci militari sono rimasti illesi, mentre l'85 a bordo del veicolo è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni
SVIZZERA
1 gior
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BERNA
1 gior
«L'economia svizzera rallenterà»
Ne hanno preso atto i partiti di governo (Udc, Plr, Ppd e Ps) in un incontro tenutosi oggi nella capitale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile