Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
Parmelin in Parlamento, all'ultima sessione del Consiglio Nazionale.
SVIZZERA
26.12.21 - 09:180
Aggiornamento : 09:49

Di emergenze sistemiche, Covid, e dei limiti del federalismo

Tanta carne al fuoco in un'intervista riassuntiva a Guy Parmelin sul suo anno da presidente della Confederazione

BERNA - Secondo il presidente della Confederazione Guy Parmelin la Svizzera deve analizzare le debolezze del federalismo nei momenti di crisi, in modo da essere meglio attrezzata in futuro. Si tratta ad esempio della collaborazione fra i vari livelli dello Stato.

In un'intervista rilasciata alla SonntagsZeitung, Parmelin ha fatto chiaramente capire che dalla pandemia di coronavirus bisogna trarre insegnamenti.

Federalismo in bilico nella crisi Covid - Il federalismo rimane uno dei pilastri portanti della Svizzera, tuttavia proprio in momenti di crisi il sistema può rivelarsi «complicato», conferma Parmelin.

Un esempio in questo senso sono le situazioni in cui il Consiglio federale deve sottoporre le nuove misure ai Cantoni, con un conseguente rallentamento delle decisioni.

Pandemia e crisi sistemiche - La Svizzera - ha proseguito Parmelin - deve poi pensare anche a possibili scenari peggiori, come quella di due crisi simultaneamente, come ad esempio una pandemia e una carenza di energia elettrica. Quest'ultima è una cosa che potrebbe effettivamente capitare alle nostre latitudini.

Un problema, in generale, potrebbe essere quello delle derrate alimentari: «Al momento si assiste a un rincaro preoccupante di alcuni singoli alimenti», ha detto il presidente, ricordando che la Svizzera è per il 45% dipendente da derrate provenienti dall'estero.

L'accordo quadro - Guy Parmelin, che come noto l'anno prossimo sarà sostituito alla presidenza dal ticinese Ignazio Cassis, ha anche affrontato il discorso delle relazioni con l'Unione europea: secondo lui l'abbandono delle trattative su un accordo quadro non è stato un errore, ma semplicemente pragmatismo. Non sarebbe stato infatti possibile trovare un'intesa.

Il summit Biden/Putin - Dando uno sguardo al suo anno da presidente, Parmelin ricorda l'incontro avvenuto questa estate a Ginevra con il presidente russo Vladimir Putin e quello americano Joe Biden. Una prova che la Svizzera gioca un ruolo importante sulla scena internazionale e un evento che ha rafforzato la posizione elvetica.

Zugo: un commosso ricordo - Fra gli eventi interni, Parmelin ha ricordato invece con emozione la commemorazione del ventennale dell'attentato al Parlamento di Zugo. In tale occasione si è percepito come i sopravvissuti stiano ancora lottando per superare completamente quanto accaduto.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
53 min
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
2 ore
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
3 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
VAUD
3 ore
Non rispetta la precedenza, deceduto un ciclista
Incidente fatale nel canton Vaud. L'intervento immediato dei soccorsi non ha potuto evitare il peggio.
ZURIGO
14 ore
«L'autista mi ha chiesto di fare sesso»
Uber nella bufera dopo lo sfogo su Instagram di un'utente molestata. Le testimoniante di altre quattro donne
SAN GALLO
16 ore
Si schianta in moto, muore 61enne
Incidente fatale questa sera a Eggersriet. La vittima è un cittadino italiano
VALLESE
16 ore
«Tra madre e figlio c'erano tensioni»
Tragedia familiare a Sierre. Il 14enne fermato sarebbe affetto da autismo
BASILEA
18 ore
Roche: tre kit diagnostici per il vaiolo delle scimmie
Sono disponibili nella maggior parte dei paesi e permettono d'identificare questi virus "d'importazione"
BASILEA CAMPAGNA
19 ore
Risolto il mistero del pollice mozzato
Il dito apparteneva a un operaio che se l'era reciso con una smerigliatrice.
BERNA 
21 ore
Berna vuole confiscare il ricco patrimonio di Yuriy Ivanyushchenko
I beni dell'oligarca ed ex parlamentare ucraino in Svizzera ammontano a oltre 100 milioni di franchi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile