Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
30.11.21 - 19:030
Aggiornamento : 21:40

Inasprimento delle misure: partiti soddisfatti, associazioni un po' meno

Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.

Per Economiesuisse ci si spinge troppo in là, per bar e locali notturni l'obbligo d'indossare la mascherina e di consumare seduti equivale a un divieto della vita notturna.

BERNA - L'inasprimento delle misure per combattere il Covid, presentato oggi dal Consiglio federale, ha suscitato le reazioni positive di PLR, Centro, Verdi liberali e Verdi. I quattro partiti hanno scritto su Twitter che ritengono le misure adeguate, visto l'apparizione della variante Omicron e la conseguente insicurezza.

Il PLR insiste ancora sull'offensiva vaccinale per uscire dalla pandemia e ricorda l'importanza di rispettare le misure sanitarie, come le regole d'igiene e la distanza sociale.

Jürg Grossen, presidente dei Verdi Liberali, chiede l'estensione dell'uso della mascherina, dei test ripetitivi e la reintroduzione del telelavoro, per evitare il confinamento e il sovraccarico degli ospedali.

Stesse richieste da parte di Balthasar Glättli, presidente dei Verdi, favorevole anche all'estensione dell'obbligo di certificato Covid. Glättli trova incomprensibile però che il governo non proponga il ritorno dei test gratuiti. «Sarebbe importante che coloro che sono vaccinati e guariti possano anche essere testati regolarmente», ha scritto.

Anche il presidente dell'Alleanza di centro, Gerhard Pfister, punta sui test gratuiti. Il partito invita i cantoni a prendere una posizione chiara e uniforme, visto che sono responsabili della lotta contro la pandemia.

Da canto suo, il PS chiede ancora una volta che la vaccinazione sia messa a disposizione di tutti gli abitanti del pianeta sospendendo temporaneamente i brevetti sui vaccini. «Il Consiglio federale deve agire in questo settore invece di continuare ad assecondare gli interessi dell'industria farmaceutica», ha detto all'agenzia Keystone-ATS.

L'associazione Impiegati Svizzeri in un tweet ha espresso soddisfazione e ritiene preferibile il telelavoro alle misure da adottare nelle aziende. Se non è possibile lavorare da casa, le mascherine devono essere indossate al chiuso quando sono presenti più persone. Inoltre, secondo Impiegati Svizzeri, le aziende dovrebbero offrire test regolari ai dipendenti.

Per Economiesuisse le proposte del Consiglio federale invece si spingono troppo in là. Il governo dovrebbe riconoscere che i datori di lavoro si assumono le loro responsabilità e non emanare nuovi regolamenti. I concetti di protezione nelle aziende funzionano. Non c'è quindi bisogno di nuove misure di Berna riguardanti l'obbligo di indossare una mascherina o di lavorare a casa, afferma Economiesuisse.

Critici anche i rappresentanti di locali notturni e bar. A loro avviso non c'è motivo di inasprire le misure per la vita notturna poiché le cifre dei contagi dimostrano che gli eventi nei club e nei bar possono essere avvenire in sicurezza con la regola dei 3G (vaccinati - guariti - testati). Secondo Alexander Bücheli, portavoce della Commissione svizzera dei bar e dei club citato in un comunicato, l'obbligo di indossare la mascherina e di consumare seduti equivale a un divieto della vita notturna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Si è aperto il processo a Pierin Vincenz
L'ex-capo di Raiffeisen è accusato di aver occultato 9 milioni, per lui chiesti 6 anni di carcere
BERNA
3 ore
Lotta alla corruzione, la Svizzera perde il podio
Pesano le gravi lacune che la Confederazione presenta in alcuni ambiti.
SVIZZERA
12 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
17 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
17 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
22 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
22 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
22 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
22 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
23 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile