Immobili
Veicoli
Keystone (archivio)
SVIZZERA
16.11.21 - 12:140

Iniziativa sui ghiacciai, via libera al controprogetto

Il Parlamento può mettersi all'opera per formulare una sua proposta che non prevede il divieto delle energie fossili.

Anche il Consiglio federale ha già formulato un controprogetto indiretto.

BERNA - Il Parlamento può mettersi all'opera per stendere un controprogetto indiretto, ossia a livello di legge, all'iniziativa popolare per i ghiacciai. La commissione dell'ambiente degli Stati (CAPTE-S) ha infatti approvato l'idea della sua omologa del Nazionale per 7 voti a 4 e 2 astensioni.

La proposta del controprogetto indiretto è formulata da un'iniziativa parlamentare elaborata dalla CAPTE-N secondo cui la Svizzera dovrebbe azzerare le emissioni nocive per il clima entro il 2050, senza tuttavia prevedere il divieto delle energie fossili.

In una nota odierna dei servizi parlamentari, per la CAPTE-S il vantaggio del controprogetto indiretto - che potrebbe essere realizzato più rapidamente rispetto a una modifica costituzionale - consiste nel voler sancire a livello di legge un obiettivo climatico chiaro che comprenda un percorso di riduzione. Se la CAPTE-N intende stabilire anche misure concrete (spetterà infatti a quest'ultima dare forma concreta al testo di legge, n.d.r), la CAPTE-S si aspetta che queste siano concepite in modo da riuscire a ottenere il sostegno della maggioranza e la maggiore accettazione possibile.

La CAPTE-S si esprimerà in un secondo momento in merito al controprogetto diretto del Consiglio federale e all'iniziativa popolare stessa.

Il controprogetto indiretto
L'iniziativa, depositata il 27 novembre 2019 dall'Associazione svizzera per la protezione del clima, chiede che a partire dal 2050 la Svizzera non emetta più gas serra di quanto i serbatoi naturali e tecnici di CO2 ne possano assorbire. Contemporaneamente non dovrà in linea di principio più essere possibile immettere sul mercato combustibili e carburanti di origine fossile. Deroghe sarebbero possibili per le applicazioni per le quali non esistono alternative tecniche.

La CAPTE-N, che ha deciso di elaborare un controprogetto indiretto per 15 voti a 9, condivide la prima parte dell'iniziativa. Quanto ai combustibili fossili, desidera però sancire a livello di legge che il consumo di tali vettori energetici venga ridotto per quanto sia possibile sotto il profilo tecnico e sostenibile sotto il profilo economico.

Oltre a ciò, poiché l'obiettivo delle emissioni a saldo netto zero è possibile soltanto sottraendo attivamente e in modo durevole anidride carbonica - CO2 - dall'atmosfera, la Confederazione dovrebbe incoraggiare i progetti di ricerca e sviluppo che vanno in questa direzione.

Il controprogetto diretto del Governo
Il controprogetto indiretto proposto dalle due commissioni si aggiunge il controprogetto diretto, ossia a livello costituzionale, del Consiglio federale, presentato l'11 agosto scorso.

Il disegno del governo prevede d'iscrivere nella Carta fondamentale il saldo netto pari a zero delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2050; al pari delle due commissioni, non intende però vietare di principio i combustibili fossili.

Per l'esecutivo, su alcuni aspetti l'iniziativa si spinge troppo lontano. Oltre alla sostenibilità sociale, nel suo progetto l'esecutivo intende considerare maggiormente la situazione particolare delle regioni discoste e di montagna, meno ben servite dai trasporti pubblici rispetto alle aree urbane.

Il controprogetto diretto del Consiglio federale stabilisce inoltre che la sicurezza nazionale non possa essere compromessa: per gli interventi di protezione e di salvataggio, esercito, polizia e servizi d'intervento devono poter fare ricorso, in caso di necessità, ai carburanti fossili. Deroghe devono essere possibili se le tecnologie alternative non sono sostenibili dal punto di vista economico e sociale o se sono disponibili solo in misura insufficiente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Campagna vaccinale: nuove raccomandazioni
Le autorità sanitarie hanno aggiornato le raccomandazioni nell'ambito della campagna vaccinale.
SVIZZERA
1 ora
Omicron non cede: i nuovi casi sono 37'992
Sono 138 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SAN GALLO
2 ore
Rubano un'auto, provocano un incidente e fuggono
Due dei tre presunti protagonisti dello scontro di Oberuzwil sono già stati arrestati dalla polizia.
SVIZZERA
4 ore
I Paesi dell'Africa australe fuori dalla lista nera
La SEM toglierà il blocco d'ingresso che era in vigore dal mese di novembre per contrastare la diffusione di Omicron.
GRIGIONI
5 ore
Ucciso un lupo, si avvicinava troppo all'uomo
Per le autorità grigionesi era "un pericolo potenziale per l'essere umano"
ZURIGO
6 ore
Una nuova variante può riportarci al punto di partenza?
Per l'epidemiologo Jürg Utzinger sono corrette le manovre del Consiglio federale decise da qui a marzo.
SVIZZERA
7 ore
Tre giorni di lavoro, salario pieno: ecco come prepararsi a una crisi sanitaria
È quanto propone un consulente professionale lucernese. Ma è una soluzione «troppo costosa»
SVIZZERA
9 ore
Divieto di sperimentazione sugli animali? Si rafforza il fronte dei contrari
Resta alto il consenso per l'iniziativa contro la pubblicità per il tabacco, secondo il sondaggio di 20 minuti e Tamedia
FOCUS
GINEVRA/LUGANO
9 ore
Gli affari della "principessa" con un piede in Ticino
La figlia dell'ex dittatore kazako Nazarbayev ha dato nell'occhio, dopo le proteste nel paese d'origine
VALLESE
21 ore
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile