keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
SVIZZERA
06.10.21 - 07:420

«Impossibile» un'alternativa agli F-35

La consigliera federale Viola Amherd: «Siamo in un processo con scadenze fisse e questo potrebbe creare problemi legali»

BERNA - La ministra della difesa Viola Amherd ha nuovamente difeso la decisione del Consiglio federale di acquistare il jet da combattimento statunitense F-35. A suo parere è impossibile scegliere un altro aereo, come chiesto da un'iniziativa di sinistra.

«Siamo in un processo di approvvigionamento con scadenze fisse e questo potrebbe creare problemi legali», ha detto Amherd in un'intervista trasmessa ieri sera sui siti in lingua tedesca del gruppo Tamedia. Il sito web dei promotori dell'iniziativa inoltre lascia supporre che si opporrebbero anche ad un aereo europeo. «Sono contrari all'acquisto di qualsiasi jet da combattimento», secondo la consigliera federale vallesana. Il testo dell'iniziativa prende di mira l'F-35, ma chiede anche che il bilancio dell'esercito sia ridotto di conseguenza in caso di vittoria alle urne. «In altre parole, se l'iniziativa venisse accettata, non ci saranno soldi per un altro jet», secondo Amherd.

Il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSoA), il PS e i Verdi hanno lanciato a fine agosto l'iniziativa "Stop F-35", volta a impedire l'acquisizione di 36 aerei dal produttore americano Lockheed Martin per 5 miliardi di franchi.

Gli altri offerenti respinti dal Consiglio federale alla fine di giugno erano il gruppo europeo Airbus con l'Eurofighter, il gruppo americano Boeing con l'F/A-18 Super Hornet e il gruppo francese Dassault con il Rafale.

Alla domanda perché l'esecutivo federale non ha utilizzato la commessa per i caccia per ottenere il sostegno europeo e migliorare le difficili relazioni della Svizzera con l'UE, Amherd ha risposto che la valutazione tecnica era chiaramente a favore dell'F-35. «La Confederazione sta investendo molti soldi dei contribuenti». «Non possiamo comperare un aereo più costoso e tecnicamente meno avanzato», ha continuato. Se ci fossero state due offerte di uguale valore, sarebbero entrate in gioco considerazioni politiche, ha aggiunto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
aleddgg 2 mesi fa su tio
Giusti! Non ci sono mai soldi per niente!!! Problemi con le assicurazioni sociali ecc ecc... ma poi per il militare si spendono milioni e milioni, e onestamente mi chiedo pure perché manco fossimo uno stato a rischio guerra.... siamo il più sicuro con bunker capaci di ospitare l’intera popolazione e oltre, senza contare che basta il crollo di diversi punti per impedire l’accesso in diverse zone...
emib53 2 mesi fa su tio
C'è pure da immaginare una fregatura con gli accordi di compensazione come al tempo degli FA18 che, mi risulta, sono stati una minima frazione dell'importo speso e di quanto concordato. Spesa inutile, sono d'accordo, ma si sa, i nostri militari, spalleggiati da una ampia area politica, scalpitano per avere nuovi giocattoli e Natale è vicino.
vulpus 2 mesi fa su tio
La signora i problemi se li è creati lei. Se da una parte abbiamo necessità di acquisire questi velivoli, prima di una scelta tecnica, vista la situazione andava fatta una scelta politica. Abbiamo dei problemi con i rapporti con l'Europa: e allora si scelga una cooperazione con l'Europa : tecnologia europea, produzione europea, manutenzione europea : cosa c'era di meglio come merce di scambio, visto che l'accordo è caduto? Le caratteristiche tecniche? Ma suvvia , per quello che serviranno sono più che sufficenti quanto hanno proposto dalla Svezia, alla Germania, alla Francia. Purtroppo anche quì si procede nella ricerca del massimo, poi ci si accorge che il costo è troppo elevato come acquisto e manutenzione, senza dimenticare la dipendenza digitale dall'America. Si faccia un passo indietro, altro che firmare preaccordi.
seo56 2 mesi fa su tio
Ma va!!!
Suissefarmer 2 mesi fa su tio
la pace, viene garantita con la pace. la guerra, con l'arsenale bellico. si spendono cifre che potremmo aiutare il mondo intero ad andare a scuola e mangiare. vergogna. vergogna. vergogna
NonilTicineseMedio 2 mesi fa su tio
mah non sono un esperto in jet da combattimento, ma il MiG-35 ed il SU-35 sembrano ottimi competitor al F-35, pur costando un terzo del F-35 e mantenendo pure un costo di manutenzione inferiore. Rimane il fatto che tutti questi jet sono top di gamma le cui performance sono così elevate che (ad esempio) le loro corrispettive velocità massime non sono raggiungibile senza fuoriuscire dall spazio aereo svizzero, a mio parere dei jet del genere sono inutili, ma dato che dovranno comunque essere acquistati, poteva forse essere cosa buona valutare pure il MiG-35 ed il SU-35, avere più opzioni é sempre cosa buona. Inoltre la giustificazione di comprare gli F-35 rispetto agli Eurofighter é ridicola, hanno prezzi praticamente identici mentre i costi di manutenzione sono leggermente migliori per l'Eurofighter. Per quanto riguarda le capacità in volo, ammetto che F-35 é oggettivamente migliore, rimane comunque che stiamo cercando il pelo nell'uovo eh, in ogni caso questi jet non verranno usati nemmeno al 30% delle loro capacità, senza poi contare che beh, per l'impiego che avranno, cioé proteggere un paio di aerei presidenziali durante il WEF, tutte le offerte considerate (e non) faranno un ottimo lavoro.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
10 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
10 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
11 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
13 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
15 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
16 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
18 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
18 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
18 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile