Immobili
Veicoli
20min/Simon Glauser
Nella foto (a sinistra) la presidente della Gioventù socialista, Ronja Jansen.
SVIZZERA
27.09.21 - 17:370
Aggiornamento : 28.09.21 - 00:05

Ecco un'iniziativa che chiama i ricchi a pagare per il cambiamento climatico

Dopo la sconfitta dell'Iniziativa 99%, la Gioventù socialista si prepara a lanciare una nuova iniziativa

BERNA - «Ci siamo messi in gioco per vincere. Non ce l'abbiamo fatta, siamo delusi». Così la presidente della Gioventù socialista, Ronja Jansen, ha commentato il risultato scaturito ieri dalle urne: il 64,9% dei cittadini ha infatti respinto l'iniziativa “Sgravare i salari, tassare equamente il capitale” (meglio nota come Iniziativa 99%). 

Ma il partito giovanile non demorde e si prepara a lanciare una nuova iniziativa volta a tassare i ricchi, stavolta per “rimediare” al cambiamento climatico. La Gioventù socialista ci sta lavorando già da quando lo scorso giugno i cittadini hanno bocciato la legge sul CO2. La proposta si chiamerà “Make the rich pay for climate change” e prevede che nessuno debba avere più di cento milioni di franchi sul proprio conto. In sostanza, i ricchi saranno chiamati a pagare per il cambiamento climatico attraverso le tasse, finanziando per esempio riduzioni sul trasporto pubblico, l'energia fotovoltaica o fonti energetiche alternative.

Al momento, come spiega Jansen a 20 Minuten, si stanno discutendo i dettagli per una possibile attuazione. Fatto sta che l'obiettivo è di sottoporre il testo dell'iniziativa alla cancelleria federale nel corso dei prossimi mesi e di dare il via alla raccolta di firme durante la prossima primavera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
STATI UNITI/CINA
32 min
«Se Taiwan viene invasa interverremo militarmente»
Il presidente americano Biden ha lanciato un messaggio a Pechino. Che risponde per le rime
SAN GALLO
4 ore
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
5 ore
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
5 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
8 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
9 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
11 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
12 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
ARGOVIA
13 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
SVIZZERA
15 ore
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile