AFP
SVIZZERA
27.09.21 - 14:030
Aggiornamento : 16:17

Berset e Maurer nel mirino delle critiche

Sarà un'ora delle domande infuocata quella di questo pomeriggio sotto la cupola di Palazzo federale.

Il consigliere federale dell'UDC viene attaccato dalla sinistra per «le sue posizioni anti collegiali» che avrebbero fomentato la miccia alle proteste dei corona-scettici. Il suo omologo socialista viene invece criticato per la gestione del tentativo di estorsione subito.

BERNA - Più che Palazzo federale, sembra un campo minato. Infervorano infatti le polemiche nei confronti di Alain Berset e Ueli Maurer, che tra pochi minuti, durante la tradizionale ora delle domande al Nazionale, dovranno difendersi dal fuoco incrociato dei loro detrattori.

Il consigliere federale dell'UDC dovrà in particolar modo rispondere a nove interrogazioni del PS in merito al comportamento tenuto lo scorso 12 settembre. Quella domenica Maurer si era infatti presentato a una riunione comunale del suo partito indossando una maglietta dei "Freiheitstrychler", un gruppo della Svizzera centrale che si oppone decisamente alle misure per combattere il coronavirus.

Non solo la maglietta - Ma non solo. Perché sempre quella domenica, durante la riunione tenutasi nell'Oberland zurighese, Maurer avrebbe incitato la folla con parole non propriamente dolci. «Tutte le misure decise a Berna sono prese da un pugno di esperti. Siamo onesti nella seconda parte di questa pandemia lo Stato ha completamente fallito. Non è stata una crisi da coronavirus, ma una crisi governativa».

Un comportamento, questo, ritenuto dalla sinistra «anti collegiale» e che avrebbe fomentato i disordini su Piazza federale. «Il 16 settembre i manifestanti hanno tentato l'assalto violento a Palazzo federale» scrive Samira Marti (PS/BL). «Mentre i fuochi d'artificio venivano lanciati verso l'edificio, la folla inneggiava a Ueli Maurer. Può il Consiglio federale escludere qualsiasi collegamento tra questi eventi?»

«Affare di Stato?» - Quasi a fare da contraltare a questo attacco della sinistra al proprio rappresentante, il gruppo democentrista - tramite il suo leader Thomas Aeschi (Udc/Zg) - vuole fare chiarezza sull'«affare Berset» dopo le ultime rivelazioni di alcuni quotidiani elvetici in merito all'estorsione subita dal Ministro della sanità, alla possibile violazione del segreto d'ufficio e all'utilizzo indebito della limousine di Stato per trascorrere alcuni weekend amorosi la sua amante

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Aargauer 3 sett fa su tio
Ecco…invece di concentrarsi su veri temi a favore della popolazione…i politici (e non solo) si attaccano a queste beghe! Vah beh, é ormai una tendenza a livello globale (almeno negli stati occidentali)! Peccato.
uriah heep 3 sett fa su tio
Abbiamo visto voi della sinistra dove andate a finire con le vostre iniziative e votazioni, ma sia mai un passo indietro 😂😂. Adesso arrivano i giovani socialisti inculcati come non mai con idee Comuniste alla Stalin!! 😩😩poveri noi con questa gioventù quadrata, dove non vede ad un palmo dal naso . CDG sei uno di loro ?
lollo68 3 sett fa su tio
La petizione per la dimissione di Berset ha quasi raggiunto 25'000 firme! La sua formazione non gli permette di gestire questa situazione basta pensare a quando veniva detto che le mascherine non servivano e tutti andavano a fare la spesa senza! Ora invece la mascherina non è più sufficiente nemmeno per andare in un museo! Con la votazione Matrimonio per tutti la popolazione ha dimostrato che è contro qualsiasi discriminazione. Il certificato discriminerà quelli che hanno calcolato il beneficio/rischio a sfavore del vaccino come i giovani, quelli che non possono fare il vaccino e chi vuole la libertà di scelta!
Boh! 3 sett fa su tio
Vabbè dai…. Basta uno sguardo alla vicina penisola per rendersi conto che qui non siamo poi messi così male….
M70 3 sett fa su tio
tanto di cappello a Maurer...un politico che non ha paura di dire la sua .. gli altri tutti pecoroni altro che bene del paese! e per il ticinese è una vergogna!
Gus 3 sett fa su tio
Eppure i due restano lì. Per molto, molto meno la Kopp l'hanno fatta sparire. Ecco la differenza fra Udc e Ps da una parte e Plr dall'altra. Chi fa gli interessi dello stato e chi i propri? In questo caso elogio al Plr
Leonardo-P 3 sett fa su tio
@Gus Elogio a PLR 😂. L’elogio va a gente che ancora ha il coraggio di esprimere la propria opinione senza preoccuparsi minimamente di andare contro il pensiero unico. Tanto di cappello ancora una volta all’UDC e condoglianze ai pecoroni prezzolati restanti.
emib53 3 sett fa su tio
@Gus Devi essere abbastanza giovane per aver solo sentito dire della Kopp, quello che ha fatto, comprensibile da un punto di vista umano, è però inaccettabile da quello politico. Avvertire il marito di una possibile inchiesta non mi sembra eticamente diverso dal dire a un ladro in azione, guarda che sta arrivando la polizia. Non approvo certo Berset e l'uso dell'auto di rappresentanza per scopi privati, ma c' è una netta differenza.
Cdg 3 sett fa su tio
Berset eccellente ministro. Maurer é dell'UDC e quindi non possiamo aspettarci altro......
Leonardo-P 3 sett fa su tio
@Cdg Vedo che le pecore hanno ancora la tosse.
Mattiatr 3 sett fa su tio
@Cdg In Svizzera non esistono né ministri né deputati. Tralasciando ciò direi che nessuno dei due eccelle, anzi entrambi sono promotori di scelte non molto ''etiche'', sopra tutto in ambito pandemico, in particolar modo recenti.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
5 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
6 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
7 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
8 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
8 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
9 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
10 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
GLARONA
12 ore
Omicidio di Netstal, il 27enne ha confessato
L'uomo si era consegnato alla polizia già ieri. Avrebbe ucciso una 30enne sparandole in un parcheggio.
BERNA
13 ore
Drammatico incendio a Leuzigen, morti due bambini
È successo nella notte. Le fiamme sono divampate in un'abitazione. Altre quattro persone sono riuscite a salvarsi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile