Archivio Keystone
SVIZZERA
24.09.21 - 11:550

Assorbenti meno cari e IVA per la vendita online dall'estero

Il Consiglio federale ha approvato oggi il messaggio per la modifica della relativa legge

BERNA - In futuro, anche le piattaforme estere che vendono online a nome di terzi dovranno pagare l'IVA, mentre le agenzie di viaggio estere ne saranno esentate se organizzano viaggi organizzati in Svizzera. Sono alcune delle novità presenti nel messaggio alle camere approvato oggi dal Consiglio federale, in cui si propone anche un'imposizione ridotta (dal 7,7% al 2,5%) per gli assorbenti.

Queste tre novità sono state inserite nel disegno volto a modificare la Legge sull'IVA che dovrà essere trattato dal parlamento e che rispondono ad altrettanti desideri espressi dal legislatore, si legge in una nota governativa odierna.

Eccetto l’imposizione delle piattaforme, tutte le misure proposte hanno ripercussioni esigue sulle entrate, precisa l'esecutivo. La riforma produce maggiori entrate annue, stimate approssimativamente ad alcune decine di milioni di franchi. Questa stima non prende tuttavia in considerazione la diminuzione delle entrate, non quantificabili, risultanti dalla modifica concernente i sussidi. L’attuazione del progetto comporterà un fabbisogno di personale aggiuntivo per l’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) di otto posti a tempo pieno.

Piattaforme estere - Per quanto attiene ai siti web che agiscono come fornitori di prestazioni per le forniture da essi facilitate, se non dovessero rispettare i loro obblighi fiscali, l’AFC potrà ordinare la distruzione degli invii delle imprese e delle piattaforme di vendita per corrispondenza svizzere ed estere. Il motivo di questa novità: parificare le piattaforme che operano dalla Svizzera a quelle estere che finora non erano assoggettate all'IVA.

Attualmente, le piattaforme on line come AliExpress, Wish e JD sfuggono infatti all'IVA poiché dal punto di vista della legislazione fiscale essi non figurano come venditori diretti, bensì come intermediari.

Igiene intima - Come ricordato, ai prodotti destinati all’igiene mestruale sarà applicata l’aliquota ridotta, precisa il governo. L'imposizione ridotta riguarderà, tra l'altro, assorbenti interni ed esterni, nonché proteggi slip.

Con questa sua scelta, il Consiglio federale realizza una mozione presentata al Consiglio nazionale che si ispira a quanto sta accadendo nell'Unione europea. Lo scopo? Non penalizzare ingiustamente le donne. Il parlamento aveva stimato minori entrate 10 ai 15 milioni di franchi su un totale di 22 miliardi.

Cultura e cure mediche - Il progetto governativo contempla anche l'esenzione dall'IVA per la partecipazione attiva a manifestazioni culturali, come avviene già per la tasse di iscrizione a manifestazioni sportive, e anche per le indennità versate dalle casse malattia a reti di medici per le prestazioni delle cure coordinate connesse a cure mediche.

Il progetto prevede inoltre che i fondi versati da una collettività pubblica, da essa designati come sussidi, siano considerati tali anche ai fini dell’IVA.

Fallimenti seriali - Per contrastare i fallimenti a catena, d’ora in poi l’AFC potrà esigere che gli organi incaricati della gestione degli affari prestino garanzie per le imposte, gli interessi e le spese dovute dalla loro impresa, se diverse imprese che hanno gestito precedentemente hanno dichiarato fallimento su un breve arco di tempo.

PMI - Inoltre, per le piccole e medie imprese il progetto prevede l’adesione volontaria al rendiconto annuale. L’AFC avrà anche la facoltà di esentare le imprese estere dall’obbligo di designare un rappresentante fiscale in Svizzera se l’adempimento degli obblighi procedurali è garantito in altro modo.

Infine, sarà introdotto un assoggettamento generale all’imposta sull’acquisto del trasferimento di diritti di emissione, certificati e attestati di riduzione delle emissioni, garanzie di origine dell’elettricità e di diritti, attestati e certificati analoghi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 min
Trasporti al Nazionale, preventivo 2022 agli Stati
Ecco l'odierno programma dei lavori alle Camere federali
Berna
1 ora
Quarantena in vista, prenotazione cancellata
A soffrire particolarmente sono i comprensori sciistici che lamentano una pioggia di soggiorni annullati
SVIZZERA
11 ore
Cresce la lista nera: dentro altri quattro Paesi
La disposizione segue il rilevamento della variante Omicron nelle rispettive nazioni.
SVIZZERA
11 ore
Minaccia Omicron, il Governo si ritrova d'urgenza
Dopo l'emergenza della nuova variante e il boom di casi, domani pomeriggio saranno discussi eventuali cambi di marcia.
SVIZZERA
15 ore
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
15 ore
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
16 ore
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
16 ore
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
17 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
18 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile