keystone-sda.ch (JEAN-MARC CREVOISIER)
Ignazio Cassis e Guy Parmelin fuori dal Palazzo di vetro delle Nazioni Unite.
STATI UNITI / SVIZZERA
22.09.21 - 19:590

Parmelin e Cassis, promozione per la Svizzera a New York

Oltre all'Assemblea generale dell'Onu ci sono stati bilaterali e riunioni di varia natura

NEW YORK - Il viaggio alla 76esima Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York è stato utile, secondo il presidente della Confederazione Guy Parmelin. Nel suo primo discorso in tale veste all'Assemblea, il responsabile del Dipartimento federale dell'economia (DEFR) ha scelto uno stile un po' personale e ha spiegato ciò che la Svizzera ha da offrire nel quadro dell'ONU.

Per quanto riguarda il cambiamento climatico, il superamento della crisi del Covid-19 e la garanzia di sistemi alimentari sostenibili, è necessario l'aiuto della Svizzera con le sue competenze nell'organizzazione e nell'educazione, ha detto Parmelin ai rappresentanti dei media a New York questa mattina (ora locale).

Il ministro elvetico dell'economia ha sottolineato che è necessario lavorare insieme a livello internazionale per uscire dalla crisi provocata dal SARS-CoV-2. Il protezionismo ostacola l'economia mondiale, e si è visto fin dall'inizio della pandemia, ha sottolineato.

«Dapprima il problema erano le mascherine, poi i respiratori che tutti volevano comprare, poi la distribuzione dei vaccini: ciò mostra che la catena di approvvigionamento internazionale non deve essere interrotta, altrimenti tutti hanno un problema», ha detto il presidente della Confederazione. Una delle carte vincenti della Svizzera, ha aggiunto, è che è altamente specializzata e quindi a volte ha un elemento decisivo nelle catene di approvvigionamento.

Parmelin ha anche colto l'occasione della sua presenza presso la sede delle Nazioni Unite per incontri bilaterali. Per esempio con Iván Duque, presidente della Colombia, Paese al quale - ha detto - la Svizzera sta dando un contributo «storico» al processo di pace ma anche economicamente.

Il consigliere federale ha pure incontrato la presidente moldava, Maia Sandu. La situazione politica nel paese dell'Europa sud-orientale senza sbocco sul mare è ancora molto fragile dopo le elezioni. La Svizzera intende sostenere il paese ex sovietico economicamente e con programmi educativi. Circa un terzo della popolazione giovane sta lasciando la Moldavia, il che ha conseguenze drammatiche, ha puntualizzato.

Interrogato sul ruolo del Consiglio federale nella crisi del coronavirus, Parmelin ha detto di avere l'impressione che l'esecutivo abbia sempre avuto in mente l'interesse generale. Ma a volte è stato difficile mantenere l'equilibrio tra salute, economia e libertà, ha notato. «Il Consiglio federale vuole tornare alla normalità il più presto possibile, ma solo se è sicuro che non ci saranno ricadute», ha aggiunto.

Parmelin era accompagnato all'ONU a New York dal ministro degli esteri Ignazio Cassis, che si è espresso a favore di un seggio svizzero nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel 2023 e 2024. Le prospettive sono buone: solo Malta e la Svizzera sono candidate per i due posti che si libereranno nel gruppo dei paesi dell'Europa occidentale e altri. Finora non ci sono altri in competizione.

Cassis ha anche partecipato a una conferenza sul processo di pace in Libia. Le elezioni si terranno lì il 24 dicembre. «Queste elezioni sono indispensabili per l'ulteriore processo di pace in Libia», ha detto il responsabile della diplomazia elvetica.

Insieme alla omologa svedese Ann Linde, Cassis ha presieduto una conferenza dei donatori per lo Yemen, dove i tentativi di raggiungere una pace al momento non stanno realmente andando avanti, ha detto. L'aiuto umanitario - ha aggiunto - rimane la preoccupazione più importante per il paese colpito dalla guerra civile.

E in questo senso, a margine dell'Assemblea generale dell'ONU, il ministro ticinese ha detto che la Confederazione aumenterà di un milione di dollari il contributo per l'aiuto umanitario nello Yemen.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Messi in quarantena per sbaglio
Viaggiatori che non provenivano da paesi a rischio hanno ricevuto un messaggio d'isolarsi ed evitare contatti
SVIZZERA
11 ore
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Ginevra
11 ore
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
SVIZZERA
13 ore
Nuove misure anti-Covid: la soddisfazione di bar e club
Il Consiglio federale «ci ha ascoltati» si legge in un comunicato, che parla di «segnale importante» per il settore
SVIZZERA
15 ore
Ecco le nuove misure decise dal governo
Nuove restrizioni contro il Covid: è iniziata la conferenza stampa da Palazzo Federale. Segui la diretta
SVIZZERA
15 ore
I contagi in Svizzera rimangono sotto i 10mila
A livello nazionale il 75,03% della popolazione over 12 è completamente vaccinato
SVIZZERA/GERMANIA
15 ore
La Svizzera è nella black-list tedesca
La decisione di Berlino: quarantena di dieci giorni per i non vaccinati in arrivo dalla Confederazione
SVIZZERA
16 ore
Vaccinazione anti-Covid gratuita anche nel 2022, frontalieri compresi
Il Consiglio federale ha stabilito che le spese continueranno a essere assunte dall'assicurazione sanitaria obbligatoria
SVIZZERA
16 ore
L'obbligo di quarantena mette in ginocchio il turismo
L'appello del direttore dell'aeroporto di Zurigo: «Il Consiglio federale deve aggiustare rapidamente il tiro»
VALLESE
18 ore
Vuoi un vigneto in Vallese? Basta un franco
L'uva non è più redditizia e i coltivatori se ne disfano a prezzi simbolici
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile