Immobili
Veicoli
20min/Dominique Zeier
SVIZZERA
17.09.21 - 13:030
Aggiornamento : 14:02

«I giovani non si potranno più permettere un abbonamento Netflix»

Un'alleanza di partiti giovanili intende lanciare un referendum contro la decisione del Parlamento

Fonte 20 Minuten / Bettina Zanni
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - In futuro le piattaforme di streaming come Netflix, Amazon o Disney dovranno investire il 4% del loro reddito lordo generato in Svizzera nella produzione di film elvetici. Lo ha deciso ieri il Consiglio nazionale, che con 121 favorevoli e 65 contrari si è allineato agli Stati e al Governo federale.

Una decisione che ha fatto esultare l'industria cinematografica elvetica, che parla di «una grande opportunità per la Svizzera». Secondo il presidente dell'Associazione svizzera dei produttori di film ritiene che in questo modo il settore potrà tenere testa alla concorrenza internazionale ed esportare più produzioni.

Ma non tutti gioiscono. Per un'alleanza di partiti giovanili (Giovani liberali, Giovani UDC, Giovani del Centro e Giovani Verdi liberali) si tratta infatti di una sconfitta: all'inizio di settembre, in una lettera aperta avevano criticato la cosiddetta “Lex Netflix”. Secondo loro, aggirerebbe i consumatori e in particolare i bisogni dei giovani. Ecco dunque che l'alleanza intende ora lanciare un referendum contro la decisione del Parlamento.

«Abbonamenti più cari» - Con l'obbligo d'investire in produzioni locali, anche al consumatore toccherà pagare di più, spiega Matthias Müller, presidente dei Giovani liberali. Molte piattaforme hanno un margine di profitto limitato, che si aggira attorno al 4-5%. «Se devono investire il 4% del reddito annuo lordo in produzioni cinematografiche svizzere, i margini si azzerano e quindi i prezzi degli abbonamenti aumenteranno». Müller ritiene quindi che in queste circostanze molti giovani non potranno più permettersi una sottoscrizione a Netflix.

Settore «pieno di soldi» - Inoltre, Müller sostiene che l'industria cinematografica elvetica non abbia bisogno di soldi. «È già piena di denaro» afferma, sottolineando che la SRG SSR sostiene il settore con 32 milioni di franchi. Un budget, questo, che è pure stato aumentato di cinque milioni rispetto agli anni precedenti. E poi: «Il cinema elvetico è e resterà sempre un attore di nicchia. Per i progetti da sogno degli operatori culturali non dobbiamo pagare noi» conclude Müller.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
4 ore
Feriti a bottigliate a Winterthur
Tre persone sono state arrestati per due episodi distinti avvenuti nelle prime ore di domenica
SVIZZERA
6 ore
Gas, un accordo di solidarietà tra Svizzera e Germania
Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin hanno incontrato il vicecancelliere Robert Habeck alla vigilia del WEF
ZURIGO
10 ore
Esplosione in casa, 18enne gravemente ferito
La deflagrazione sarebbe stata causata da una miscela pirotecnica autoprodotta.
SVIZZERA
11 ore
«È sempre più un'influenza stagionale»
C'è chi rivolge lo sguardo al prossimo autunno, esprimendo preoccupazione per l'emergenza di nuove varianti del Covid.
SVIZZERA
13 ore
Quando sei miliardi non bastano
La Confederazione potrebbe dover sborsare un ulteriore miliardo per l'acquisto dei jet da combattimento F-35.
GINEVRA
14 ore
La rissa fra "bande" degenera e partono alcuni spari
I fatti sono avvenuti in un bar del quartiere ginevrino di Plainpalais. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
16 ore
Quegli spinosi miliardi degli oligarchi con i quali non si sa bene che fare
In Svizzera sono 6 (ma c'è chi dice che siano molti, molti di più) e per la legge elvetica non si possono toccare
SVIZZERA
17 ore
Anche il WEF 2022 si tinge di guerra
Al via oggi nella capitale grigionese il summit economico, attesi 50 capi di stato e anche Zelensky e Stoltenberg
SCIAFFUSA
19 ore
L'alcol, l'incidente e la fuga
Il conducente ha perso il controllo dell'auto, urtando una vettura ferma a un semaforo
SVIZZERA
19 ore
L'estate svizzera «potrebbe raggiungere i 40 gradi»
Le previsioni di Thomas Bucheli, caporedattore di SRF Meteo, dopo le temperature "non normali" del mese di maggio.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile