Keystone
SVIZZERA
14.09.21 - 12:260

Iniziativa sul paesaggio, il controprogetto non convince tutti

Messo in consultazione a fine aprile, il testo suscita grossi dubbi da più parti.

Per socialisti, Verdi e associazioni ambientaliste non è abbastanza restrittivo, mentre i cantoni vorrebbero un maggior margine di manovra. Il controprogetto è invece sostenuto da il Centro.

BERNA - Il controprogetto all'iniziativa popolare sul paesaggio, messo in consultazione dalla fine di aprile, suscita grossi dubbi. Per PS, Verdi e associazioni ambientaliste non è abbastanza restrittivo. I cantoni vorrebbero un maggior margine di manovra che tenga conto delle specificità regionali.

L'iniziativa "Contro la cementificazione del nostro paesaggio (Iniziativa paesaggio)", depositata lo scorso anno con 104'487 firme valide, intende frenare al di fuori delle zone edificabili la cementificazione di superfici naturali e terreni coltivati. In particolare la revisione proposta della legge sulla pianificazione del territorio (LPT) vorrebbe che il numero di edifici e la superficie che occupano nelle zone non edificabili rimanga invariato. Con questa modifica costituzionale Confederazione e Cantoni saranno direttamente responsabili della tutela del paesaggio e della limitazione delle costruzioni.

Il controprogetto, per stabilizzare il numero di edifici e impianti, prevede principalmente contributi che coprano i costi per la demolizione di strutture inutilizzate ubicate fuori delle zone edificabili. Tali contributi saranno finanziati dai Cantoni con la partecipazione della Confederazione. La proposta governativa dà però anche ai cantoni un maggior margine di manovra che tenga conto delle rispettive particolarità.

Dalla consultazione risulta che la proposta riprende le preoccupazioni chiave dell'iniziativa sul paesaggio e che nessuno si oppone al principio a una migliore separazione delle diverse zone.

Per i promotori dell'iniziativa - Pro Natura, BirdLife, Patrimonio svizzero e la Fondazione svizzera per la protezione e la pianificazione del paesaggio - giudicano però «insufficiente» il progetto governativo.

In particolare, le nuove possibilità di costruzione e conversione concesse ai cantoni al di fuori delle zone edificabili spianerebbero la strada per costruire ancora di più. Peggio ancora, le linee guida elencate renderebbero la costruzione d'impianti in zone non edificabili ancora più attraente di prima. I cantoni potrebbero inoltre aggirare tutte le norme federali sulla conservazione del paesaggio e degli edifici fuori dalla zona edificabile che sono degni di protezione.

Su questa linea d'idee si sono espressi, fra gli altri, anche PS, Verdi, Associazione traffico e ambiente (ATA) e Federazione degli architetti paesaggisti (FSAP).

Al contrario, l'Alleanza del Centro e l'Associazione dei proprietari fondiari si rallegrano del fatto che la revisione legislativa permetta ai cantoni di «sviluppare e attuare soluzioni flessibili e su misura», che consentirebbero di tenere conto delle specificità delle zone montane e rurali.

L'UDC vuole invece che i cantoni abbiano ancora più poteri, ritenendo che il progetto di legge presenti «uno schema altamente centralizzato».

Non soddisfatti sono i governi di Grigioni, Berna, Argovia e il Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB, Schweizerische Arbeitsgemeinschaft für die Berggebiete), che nel testo proposto vedono «un grande potenziale di miglioramento». Approvano, evidentemente, che i cantoni possano creare regolamenti adattati alle specificità regionali, ma ritengono «complicato e costoso» l'approccio legato a un obbligo di compensazione. Non sono ben viste nemmeno la demolizione immediata degli edifici illegali e l'introduzione di un obiettivo di stabilizzazione dell'«impermeabilizzazione del suolo».

L'approccio proposto per la pianificazione e la compensazione richiederebbe sforzi considerevoli in termini di linee guida e pianificazione spaziale, dicono. Inoltre l'obiettivo di stabilità, che si concentra principalmente sul numero di edifici indipendentemente dalle loro dimensioni, permetterebbe di costruire aziende agricole o grandi immobili residenziali senza violare l'obiettivo di stabilità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
8 min
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
1 ora
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
4 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
5 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
8 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
16 ore
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
18 ore
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
VALLESE
18 ore
Il ticket per famiglie che non vale per le famiglie arcobaleno
L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese
GINEVRA
20 ore
Donna uccisa a colpi di pistola
Il corpo è stato trovato questa mattina in un'abitazione di Vandoeuvres, nel Canton Ginevra. Marito in manette
SVIZZERA
22 ore
Certificato dei guariti, una strategia di Berna in vista del voto?
I guariti avranno più facilmente diritto al Covid-pass, e si inizia a parlare di una prossima revoca dell’obbligo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile