Immobili
Veicoli
Depositphotos (lisafx)
SVIZZERA
11.09.21 - 12:310
Aggiornamento : 13:48

Il Centro dice sì al matrimonio per tutti: «Si adatti il diritto alla realtà»

Favorevole una larga maggioranza. Respinta invece dall'assemblea del partito l'iniziativa “99%”

ZUGO - Sì al matrimonio per tutti, no all'iniziativa di 99%: sono le indicazioni di voto scaturite dall'assemblea dei delegati dell'Alleanza del centro - che, lo ricordiamo, nasce dall'unione del PPD svizzero al PBD - riunita oggi a Zugo. Il primo oggetto è stato sostenuto da una larga maggioranza dei 230 presenti, mentre il secondo ha raccolto un'opposizione quasi unanime.

Riguardo alla modica del Codice civile volta ad aprire il matrimonio alle coppie omosessuali i delegati hanno seguito l'argomentazione di della consigliera nazionale friburghese Marie-France Roth Pasquier, stando alla quale si tratta solo di adattare il diritto alla realtà. A suo avviso il matrimonio favorisce la stabilità della famiglia, con benefici effetti a cascata anche per i figli.

L'iniziativa “Sgravare i salari, tassare equamente il capitale“ va invece respinta - ha sostenuto Sarah Bünter, che lascerà la presidenza della sezione giovanile - perché, fra le altre cose, rende più difficile le successioni aziendali delle piccole e medie imprese, indebolendo la piazza economica elvetica.

Dopo che i vertici del partito si erano espressi per il no alla proposta di modifica costituzionale avanzata dall'Associazione svizzera infermieri (ASI) in assemblea non sono mancati gli appelli a sostenere l'oggetto, a partire da quello della consigliera nazionale lucernese Ida Glanzmann-Hunkeler. Nella votazioni il no ha comunque prevalso, ma di pochi voti, ragione per la quale i delegati hanno deciso di lasciare libertà sul tema.

A larga maggioranza è stata invece accolta la legge Covid: un delegato ha chiesto che anche su questo oggetto il partito evitasse di esprimersi in modo netto, visto che sulla questione della vaccinazione ciascuno dovrebbe poter decidere individualmente. La sua idea è stata però chiaramente bocciata. È passata la posizione che il certificato Covid - al centro delle discussioni - sia uno strumento per far fronte allo sviluppo della pandemia, come detto da Lukas Engelberger, consigliere di stato di Basilea Città e presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS).

Nessuna chance ha infine avuto la proposta di scegliere i giudici a sorte: il capogruppo alle Camere federali Matthias Bregy ha ammesso che il sistema attuale non è perfetto, ma a suo avviso è ancora il migliore per garantire che tutte le forze politiche siano rappresentate in un collegio giudicante.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
13 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
13 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
17 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
17 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
18 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
18 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
19 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
21 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
1 gior
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile