Keystone (archivio)
SVIZZERA
01.09.21 - 10:560

Berna boccia l'iniziativa sul paesaggio: «Crea incertezze giuridiche»

Il Consiglio federale ha invece deciso di sostenere il controprogetto indiretto elaborato dagli Stati.

BERNA - L'iniziativa popolare "Contro la cementificazione del nostro paesaggio (Iniziativa paesaggio)" crea incertezza giuridica e deve essere respinta. Lo raccomanda il Consiglio federale, che sostiene invece il controprogetto indiretto elaborato da una commissione della Camera dei cantoni. Oggi ha trasmesso al Parlamento un messaggio in questo senso.

Depositata lo scorso anno con 104'487 firme valide, l'iniziativa intende porre un chiaro freno alla cementificazione delle superfici naturali e dei terreni coltivati all'esterno delle zone edificabili, conferendo ai Cantoni la responsabilità diretta della protezione della natura e del paesaggio.

Secondo il testo, lanciato da Pro Natura, BirdLife Svizzera, Patrimonio svizzero e dalla Fondazione svizzera per la protezione e la pianificazione del paesaggio, il numero di edifici e la loro superficie nelle zone non edificabili dovrebbe rimanere invariato.

Il Consiglio federale accoglie favorevolmente l'orientamento dell'iniziativa, e in particolare il rafforzamento del principio di separazione proposto, così come l'auspicata limitazione del numero di edifici e della loro superficie per frenare la continua perdita di terreno coltivo, precisa in una nota. Ritiene tuttavia che il testo lasci aperte importanti questioni relative all'attuazione, e in particolare come l'auspicato obiettivo debba essere concretamente raggiunto.

Questi punti fondamentali dovrebbero perciò essere chiariti a livello legislativo, senza che dal testo dell'iniziativa si possano desumere direttive chiare al riguardo, prosegue l'Esecutivo, aggiungendo che non è neppure sufficientemente chiaro se le diverse disposizioni giuridiche in vigore, in particolare quelle che concernono le prescrizioni vigenti in materia di agricoltura non dipendente dal suolo, siano compatibili con l'articolo costituzionale proposto. Insomma, per il Consiglio federale in caso di "sì" all'iniziativa, il quadro giuridico in materia di costruzioni al di fuori delle zone edificabili rimarrebbe incerto per un lungo periodo di transizione.

La decisione di non appoggiare l'iniziativa era già stata presa il 18 dicembre 2020, ricorda il Governo, che ha pure rinunciato a proporre un suo controprogetto e preferisce appoggiare quello messo a punto dalla Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia del Consiglio degli Stati (CAPTE-S), che è in consultazione fino al 13 dicembre.

Il controprogetto mira a stabilizzare il numero di costruzioni al di fuori delle zone edificabili dando ai Cantoni un maggior margine di manovra, tenendo conto delle rispettive particolarità. Alcuni elementi della revisione della legge sulla pianificazione del territorio (LPT) integrano e concretizzano le richieste di fondo dell'iniziativa sul paesaggio.

Per stabilizzare il numero di edifici e impianti si prevedono, principalmente, contributi che coprano i costi per la demolizione delle strutture ubicate fuori delle zone edificabili. I contributi sarebbero finanziati dai Cantoni con la partecipazione della Confederazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
SteveC 1 mese fa su tio
Sono anni che se ne parla ma al momento la cementificazione continua, uno scempio dopo l’altro, solo ed esclusivamente guardando il profitto
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
52 min
Auto strapiena di marijuana
I doganieri tedeschi hanno intercettato una vettura elvetica su cui erano presenti 53 chili di sostanza stupefacente
SVIZZERA / BRASILE
1 ora
Svizzero rapito e ucciso in Brasile
L'omicidio, avvenuto a Goianésia, sarebbe legato a un debito di circa 2'000 franchi.
SVIZZERA
2 ore
Covid: salgono i casi, ricoverati stabili
I pazienti Covid occupano ora l'1,8% dei posti letto complessivi.
SOLETTA
2 ore
Clienti “influencer” per andare in palestra senza Covid Pass
Lo stratagemma è stato adottato in una struttura solettese, ma è poi stato segnalato alle autorità
BERNA
4 ore
Scontro tra un auto e un treno
È successo nel Canton Berna. Fortunatamente non si registrano feriti
FOTO
ZURIGO
4 ore
Entrano in casa, li legano, e fuggono con gioielli e denaro
La polizia è alla ricerca dei malviventi autori di un colpo avvenuto, questa mattina, in una villetta a Oberengstringen.
SVIZZERA
5 ore
Lungo autostrade e ferrovia c'è energia da sfruttare
Con l'installazione d'impianti fotovoltaici sui ripari fonici, si potrebbero ricavare 101 GWh all'anno
BERNA
6 ore
Per cambiare sesso bastano 75 franchi
Una modifica di legge permette di sveltire il cambio nello stato civile.
SVIZZERA
6 ore
Un anno in più di Covid Pass dopo la terza dose
Durante la conferenza stampa di ieri gli esperti avevano erroneamente detto che il pass non sarebbe stato prolungato.
SVIZZERA
17 ore
Terza dose. Con quale vaccino? Da quando? E il certificato?
Domande e risposte sulla vaccinazione anti-Covid di richiamo, approvata oggi da Swissmedic per le persone a rischio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile