Keystone
SVIZZERA
16.08.21 - 15:190

Una squadra di vicepresidenti «per unire, non dividere»

Il candidato unico alla presidenza del PLR ha illustrato le sue priorità.

Vuole guidare il partito con una squadra di quattro vicepresidenti, con l'obiettivo di avere una maggior coesione.

BERNA - Thierry Burkart vuole «riaccendere il fuoco liberale« e unire, non dividere. Sono queste le prime parole dell'unico candidato alla successione di Petra Gössi a capo del PLR. Il consigliere agli Stati argoviese vuole guidare il partito con una squadra di quattro vicepresidenti.

«Mi trovo davanti a voi con grande gioia e umiltà. Sapendo che grande compito dobbiamo affrontare», ha detto oggi Burkart in conferenza stampa a Berna. «Ho riflettuto molto sulla domanda per questo ruolo e ho un grande rispetto per questo compito».

Quattro vicepresidenti - L'avvocato 45enne ha chiesto anche una ristrutturazione della direzione del partito, con il numero di vicepresidenti che passerà da due a quattro: oltre agli attuali vicepresidenti, il consigliere agli Stati Andrea Caroni (AR) e il consigliere nazionale Philippe Nantermod (VS), Burkart propone che siano eletti nella direzione pure la "senatrice" Johanna Gapany (FR) e il consigliere nazionale Andri Silberschmidt (ZH).

«Voglio che questa candidatura sia chiaramente intesa come quella di una squadra», ha spiegato Burkart ai media, promettendo una «forte voce» liberale. Tuttavia, ha ammesso, ciò richiede anche che il partito rimanga unito. «Unificare il partito sarà un grande compito di leadership per la nostra squadra», ha sottolineato l'argoviese.

Poiché Caroni e Silberschmidt erano membri della commissione cerca, Burkart ha dovuto aspettare che il lavoro del comitato fosse completato prima di poterli avvicinare: pertanto, ha spiegato il 45enne argoviese, la «squadra finale si è riunita solo negli ultimi giorni e quindi non posso ancora presentare un programma completo del partito».

Opinioni diverse - L'unico candidato alla presidenza del PLR non ha voluto definire l'orientamento del partito: «Le posizioni del partito sono determinate negli organi designati a questo scopo. Sarà qui che mi farò sentire», ha spiegato, citando tra i temi chiave l'energia, la migrazione e anche le assicurazioni sociali.

La Svizzera ha bisogno di una voce liberale e solo il PLR può fornirla, ha affermato Burkart, secondo il quale il partito deve offrire soluzioni a lungo termine, costruttive e ponderate.

Sulla politica europea, però, Burkart stesso ha contribuito alla spaccatura del partito con la sua dichiarazione iniziale a favore della rottura dei negoziati sull'accordo quadro con l'UE. A differenza del partito, si è anche opposto alla legge sul CO2. A questo proposito, il "senatore" argoviese ha detto che il partito deve ora cercare un nuovo inizio. «Si tratta di riconoscere che tutti noi abbiamo avuto un ruolo nel passato, ma ora ci concentriamo sul futuro e diamo forma al partito».

Ci saranno sempre opinioni diverse nel partito liberale-radicale, ha detto. «Il punto è riconoscere questi diversi atteggiamenti all'inizio e cercare il consenso. Allora troveremo una posizione unitaria», ha detto Burkart, precisando che ci sono anche molte questioni sulle quali il partito si mostra unito. Negli ultimi mesi, tuttavia, le differenze sono venute alla ribalta.

Burkart ha anche commentato la futura politica climatica del PLR: «Sosteniamo l'accordo di Parigi sul clima. Per raggiungere questi obiettivi, abbiamo bisogno di una nuova legge sul CO2», ha detto, sottolineando però che le misure non dovranno essere sostenibili solo ecologicamente, ma pure socialmente. «Dobbiamo aderire al principio dei costi reali e cercare soluzioni ad ampio raggio», ha aggiunto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
1 ora
«Vogliamo che venga finalmente rinchiuso»
Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza
FOTOGALLERY
VAUD
3 ore
Tonnellate di spazzatura disseminate sull'A1
Un incidente avvenuto stamattina ha causato la chiusura dell'autostrada fra Nyon e Gland fino alle 18.
BERNA
5 ore
«I contagi continueranno ad aumentare»
Patrick Mathys in merito alla pandemia: «Solo in due cantoni il tasso di riproduzione è ancora sotto l'1»
SVIZZERA
5 ore
Covid, 1'491 casi e 9 decessi in Svizzera
In diminuzione i pazienti ricoverati in cure intense a causa del virus, che occupano ora l'11,6% dei posti letto.
SVIZZERA
6 ore
La Svizzera è sempre più calda
Temperature superiori ai 25 gradi per 80 giorni sul Ticino meridionale, e tra 40 e 60 giorni sull'Altopiano
SVIZZERA
6 ore
Via libera alla terza dose
L'ok di Swissmedic alla somministrazione in Svizzera per i preparati Moderna e Pfizer/BioNTech
SVIZZERA
7 ore
"Svizzero" per errore, non ha più diritto alla nazionalità
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un giovane che a torto e a lungo è stato considerato cittadino elvetico.
SVIZZERA
8 ore
Il Covid ha dimezzato l'uso dei trasporti pubblici
All'inizio del 2021 si percorreva una media di 3,6 chilometri al giorno, il 52% in meno rispetto all'anno precedente
SVIZZERA
8 ore
La ripresa turistica è legata a vaccino e pubblicità
L'esempio degli Emirati Arabi Uniti, dove con l'85% degli over 12 vaccinati si torna a viaggiare... anche in Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Aiuto sociale: nessuna esplosione nonostante la pandemia
Lo scorso anno è stato registrato un incremento dello 0,5%.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile