Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
03.07.21 - 13:140
Aggiornamento : 14:49

«Il PLR non deve occuparsi solo di economia»

All'assemblea dei delegati del partito, Petra Gössi ha esortato i suoi a lavorare a tutto campo.

I delegati si sono in seguito espressi sugli oggetti in votazione il 26 settembre: No all'iniziativa del 99%, sì al matrimonio per tutti.

MARTIGNY - La presidente del PLR Petra Gössi ritiene che il partito dovrebbe «lavorare a tutto campo e non preoccuparsi solo di questioni economiche e fiscali». «Il focus troppo ristretto non ci ha reso più grandi negli ultimi 20 anni, ma solo più piccoli. Ha rafforzato UDC e PVL a nostre spese», ha detto oggi la presidente uscente davanti ai delegati riuniti in assemblea a Martigny (VS).

Per Petra Gössi, sono tre le grandi questioni a cui la politica è chiamata in questo momento a dare risposte: come procedere nelle relazioni con l'UE, come plasmare la politica sociale e per la terza età e come attutire le conseguenze della crisi pandemica e creare le basi per la crescita economica e i posti di lavoro.

Bisogna creare condizioni quadro «affinché coloro che hanno il potenziale per farlo possano innovare, senza abbandonare i più deboli» e sostenere «un uso responsabile e umile delle nostre risorse», ha detto Gössi.

Le parole d'addio - La presidente uscente, che lo scorso 14 giugno, dopo cinque anni alla guida del partito, ha annunciato che si dimetterà entro la fine dell'anno, non ha perso l'occasione per dire qualche parola di addio.

«Per i vostri anni di lealtà e sostegno, vi ringrazio dal profondo del mio cuore. È stato ed è un privilegio essere la vostra presidente per qualche mese ancora», ha detto.

Petra Gössi, giurista di 45 anni, lascia la direzione del partito per concentrarsi sulla sua carriera professionale. Il PLR eleggerà un nuovo presidente il prossimo 2 ottobre.

No all'iniziativa del 99% - I delegati del PLR hanno in seguito deciso a larga maggioranza di raccomandare il "no" alla cosiddetta "iniziativa del 99%" della Gioventù socialista, su cui si voterà il 26 settembre.

L'iniziativa «crea una percezione distorta della disuguaglianza», ha detto il consigliere nazionale Beat Walti (ZH). Suggerisce che solo l'1% della popolazione è interessato, ma in realtà molti gruppi sono direttamente o indirettamente interessati, come le PMI, le imprese familiari, le start-up e gli agricoltori.

L'iniziativa popolare "Sgravare i salari, tassare equamente il capitale (Iniziativa 99%)" chiede che i redditi da capitale - dividendi e guadagni da interessi o affitti - che superano una soglia legalmente definita ma non precisata nel testo, siano tassati ad una aliquota 1,5 volte superiore al reddito da lavoro retribuito. L'iniziativa mira a sgravare i piccoli e medi redditi, ovvero il 99% della popolazione.

Sì al matrimonio per tutti - La maggioranza dei delegati del PLR raccomanda invece il "sì" al progetto di legge "Matrimonio per tutti" su cui si voterà il 26 settembre.

«Il progetto si basa essenzialmente sul fatto che lo Stato deve trattare tutte le persone allo stesso modo davanti alla legge», ha detto la consigliera federale Karin Keller-Sutter davanti ai delegati. Non è compito dello Stato giudicare l'orientamento sessuale, ha detto Keller-Sutter.

Una minoranza di delegati ha votato contro il "matrimonio per tutti". Il matrimonio è lo strumento per avere figli, ha detto il consigliere nazionale Jean-Luc Addor (VS): «Il matrimonio tra un uomo e una donna non è la stessa cosa del matrimonio tra persone dello stesso sesso», ha aggiunto.

La modifica del Codice civile, proposta sette anni fa dai Verdi-liberali, permetterebbe alle coppie dello stesso sesso di sposarsi e alle lesbiche sposate l'accesso alla donazione di sperma. Contro la revisione hanno lanciato il referendum comitati apartitici con rappresentanti soprattutto di UDC e Unione democratica federale (UDF).

Innalzamento dell'età pensionabile - I delegati hanno anche discusso di previdenza per la vecchiaia e di sanità. Le loro richieste includono l'innalzamento dell'età pensionabile a 66 anni, la libera scelta della cassa pensione e l'abolizione graduale delle sovvenzioni incrociate dei giovani a favore degli anziani.

I Giovani liberali radicali hanno colto l'occasione per promuovere la loro iniziativa sulle pensioni. Il testo, che ha raccolto ben oltre le 100'000 firme richieste, chiede che l'età pensionabile in Svizzera sia aumentata gradualmente da 65 a 66 anni e poi legata alla speranza di vita.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
2 ore
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
4 ore
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
FOTO
BERNA
8 ore
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
SVIZZERA
10 ore
Il mitico coltellino svizzero spegne 125 candeline
Era il 12 giugno 1897 quando lo svittese Carl Elsener decise di proteggere il modello che diventerà un'icona del paese.
ZURIGO
10 ore
Studenti alla guida dei tram? Il sindacato non ci sta
L'azienda dei trasporti di Zurigo intende in questo modo sgravare i propri dipendenti.
SVIZZERA
11 ore
Ecco in quali Cantoni i cellulari vengono rubati con più frequenza
Il Ticino si piazza in fondo alla classifica stilata da Axa Assicurazioni.
ZURIGO
13 ore
Salvata dal lago, muore in ospedale
Non ce l'ha fatta l'anziana che martedì aveva perso i sensi nel corso di una nuotata al lido di Tiefenbrunnen.
SVIZZERA
14 ore
Tre tonnellate di oro di origine russa sotto la lente
Sono state importate in Svizzera dal Regno Unito lo scorso mese di maggio. Il valore è di 194 milioni di franchi
SVIZZERA
16 ore
«La Svizzera deve investire sulla difesa»
Il capo della Politica di sicurezza del DDPS prevede un deterioramento delle relazioni con la Russia nei prossimi anni.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile