Keystone (archivio)
SVIZZERA
10.06.21 - 14:340

Per accedere a documenti ufficiali si continuerà a pagare

Il Consiglio degli Stati si è opposto al progetto di gratuità universale per 21 voti a 16.

Secondo la maggioranza la pratica in vigore permetterebbe di evitare richieste immotivate.

BERNA - L'accesso a documenti ufficiali non deve essere gratuito per principio. Il Consiglio degli Stati oggi ha detto no (21 voti a 16 e tre astenuti) all'entrata in materia su un progetto in questo senso del Nazionale, dove ora fa ritorno il dossier.

Il progetto fa seguito a un'iniziativa parlamentare depositata dalla deputata Edith Graf-Litscher (PS/TG), con la quale si chiedeva una modifica delle base legali così da permettere di consultare documenti ufficiali senza dover pagare. Eccezioni sarebbero previste nel caso in cui le spese amministrative fossero sproporzionate rispetto all'interesse pubblico. Attualmente, la legge sulla trasparenza dà a ognuno la possibilità di richiedere documenti di questo genere. Tale accesso è però soggetto a pagamento.

Nel 97% dei casi, ha affermato a nome della maggioranza della commissione preparatoria Heidi Z'graggen (Centro/UR), le domande di consultazione sono gratis. A suo avviso, un problema sul tema pertanto nemmeno si pone. La pratica in vigore permette di evitare richieste senza fondamento. Una gratuità per principio invece potrebbe sbloccare una valanga di domande, con un conseguente grosso lavoro amministrativo, hanno fatto notare gli scettici.

Gli emolumenti non sono legati alle mansioni burocratiche, bensì variano in funzione del dipartimento al quale ci si rivolge, ha controbattuto Lisa Mazzone (Verdi/GE). Stando alla "senatrice" ecologista, vi sono quindi differenze arbitrarie, senza scordare che, ad esempio per piccoli media, queste tasse possono dissuadere dall'intraprendere un'inchiesta giornalistica. Dalla sua parte si è schierata anche la consigliera federale Karin Keller-Sutter, ma la Camera dei Cantoni non si è fatta persuadere, rifiutandosi di entrare in materia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
6 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
9 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
10 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
12 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
13 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
13 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
14 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
15 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
17 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
18 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile