Archivio Keystone
SVIZZERA
10.06.21 - 09:330

Sostegno ai media: si va in conciliazione

L'ultimo nodo riguarda la limitazione dell'offerta online della SSR

BERNA - Ci vorrà una conferenza di conciliazione per sciogliere l'ultimo nodo che separa le camere in merito al pacchetto di sostegno ai media del valore di 150 milioni di franchi. Oggi il Nazionale ha deciso di non iscrivere nella legge limiti all'offerta online della SSR (già nella concessione), ma ha ribadito che la quota parte del canone ai privati deve oscillare tra il 6 e l'8%: gli Stati vogliono l'8% almeno.

Oltre a ciò, la validità del sostegno ai giornali con riduzioni sulla spedizione va limitata a sette anni, come stabilito dalla camera dei Cantoni, invece di cinque anni come voleva il Nazionale e dei 10 anni del Consiglio federale.

La conferenza di conciliazione dovrà quindi trovare un compromesso sulla quota parte del canone da destinarsi a radio e tivù private. Secondo la Camera del popolo, la sua versione rappresenta già un incremento considerevole rispetto alla situazione attuale che prevede una somma oscillante tra il 4 e il 6%. L'8% è decisamente troppo anche alla luce dei 150 milioni destinati al settore per sostenere i giornali nella loro transizione digitale e i media online. Agli Stati ora di fare un passo verso il Nazionale.

In particolare, la Camera del popolo ha infine deciso (121 voti a 65) di non iscrivere nella legge i limiti all'offerta online della SSR (già nella concessione), facendo storcere il naso a una minoranza che ha denunciato il rischio che l'ente pubblico faccia concorrenza ai privati in questo settore. Christian Wasserfallen (PLR/BE) - e con lui altri oratori - hanno ventilato un "no" alla legge in votazione finale e il sostegno a un eventuale referendum.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
1 ora
«Volevano uccidermi perché non ho messo una canzone»
Tredici giovani ne hanno aggredito un altro per futili motivi durante la festa del digiuno ginevrino.
SVIZZERA
1 ora
La fine della pandemia? «La prossima primavera»
Gli esperti si dicono d'accordo sul fatto che la stagione invernale sarà difficile. Dipende tutto dalle vaccinazioni
SVIZZERA
8 ore
Ingresso in Svizzera solo con test (o certificato)?
Ecco cosa potrebbe decidere il Consiglio federale nella sua seduta di domani
SVIZZERA
10 ore
Aumentano i vaccinati "riluttanti"
Nei Cantoni rurali il tasso di vaccinazione è più basso. Ma sembra che l'obbligo del pass nei bar stia cambiando le cose
BERNA
10 ore
No Pass: migliaia in piazza a Berna e Bienne
Ancora manifestazioni questa sera contro le nuove misure introdotte dal Consiglio Federale
SVIZZERA
15 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
16 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
SVIZZERA
17 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
17 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
SVIZZERA
18 ore
Nessun decesso nelle ultime ventiquattro ore
Altre 61 persone hanno dovuto ricorrere a un ricovero. Le cure intense accolgono ora il 30,9% di pazienti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile