Keystone
SVIZZERA
09.06.21 - 13:030
Aggiornamento : 18:32

AVS 21: donne in pensione a 65 anni

La misura permetterà di sgravare l'AVS di 1,4 miliardi di franchi nel 2030

BERNA - L'età pensionabile per le donne va aumentata a 65 anni. Dopo il Consiglio degli Stati, oggi anche il Nazionale ha approvato, con 124 voti contro 69, tale innalzamento previsto dalla cosiddetta riforma AVS 21. I dibattiti sono ancora in corso.

Aumentare a 65 anni l'età pensionabile per le donne permetterà di sgravare l'AVS di 1,4 miliardi di franchi nel 2030, ha sostenuto Thomas de Courten (UDC/BL) a nome della commissione. Nei primi anni di applicazione delle nuove disposizioni, le donne che andranno in pensione riceveranno una compensazione, ha aggiunto il basilese.

Ruth Humbel (Centro/AG) ha sottolineato che oggi già esiste una solidarietà tra uomini e donne in seno all'AVS: «Gli uomini versano di più e le donne ricevono di più». Differenze esistono a livello di categorie professionali ed è per questo che occorrono miglioramenti significativi per i settori a basso reddito in seno al Secondo pilastro, ha affermato l'argoviese.

Anche con un'età pensionabile di riferimento a 65 anni, le donne, per via della loro speranza di vita più elevata, riceveranno una rendita due anni più a lungo degli uomini, ha aggiunto Isabelle Moret (PLR/VD), che ha però condizionato il suo sì a misure compensatorie sufficienti.

Per l'UDC il progetto non corrisponde né a un risparmio sui costi né uno smantellamento. «Si tratta di salvare e risanare l'AVS», ha sottolineato Albert Rösti (UDC/BE). Anche le generazioni future devono potere beneficiare di questa assicurazione sociale, ha precisato.

«Alla luce delle disparità salariali ancora esistenti, è incomprensibile far lavorare fino a 65 anni le donne», ha replicato Yvonne Feri (PS/AG). Se per ottenere l'AVS le lavoratrici devono sgobbare un anno in più, ciò equivale a una diminuzione delle rendite, ha aggiunto l'argoviese.

Le rendite delle lavoratrici sono inferiori del 40% a quelle degli uomini se si tiene conto del Primo e del Secondo pilatro. «Perché allora avviare una riforma che punisce ancora di più le donne, già oggi penalizzate?», si è chiesto Pierre-Yves Maillard (PS/VD). Nel decidere l'aumento dell'età pensionabile non si è tenuto conto di alcuni elementi, come l'impatto sulla disoccupazione e il lavoro di babysitting effettuato dalle nonne 64enni, che causerebbe spese supplementari per 800 milioni di franchi per le famiglie, ha aggiunto il vodese.

L'aumento dell'età di pensionamento avverrà in quattro tappe. Tuttavia, rispetto al Consiglio federale e al Consiglio degli Stati che considerano le prime nove classi d'età, il Nazionale ha previsto misure di compensazione più generose solo per le prime sei classi di età delle donne interessate dall'aumento dell'età di pensionamento.

Secondo il modello adottato, nella maggior parte dei casi le donne che desiderano anticipare la pensione fino a tre anni vengono penalizzate in maniera minore rispetto a quanto proposto dal Consiglio federale. Le donne che invece lavorano fino all'età di riferimento legale dovrebbero ricevere un supplemento alla pensione: 150 franchi al mese fino a un reddito medio determinante di 57'360 franchi, 100 franchi per un reddito di 71'700 franchi e 50 franchi per un reddito più alto, ha spiegato il relatore commissionale Philippe Nantermod (PLR/VS).

Secondo la maggioranza tale modello è più generoso, più equo e, al contempo, più mirato per i bassi redditi. Il suo modello corrisponde a un volume di compensazione del 40%, mentre quello del Consiglio federale raggiunge il 33% e quello del Consiglio degli Stati il 22%.

I dibattiti, sospesi alle 13 per la pausa pranzo, riprenderanno alle 15. Restano da discutere in particolare le disposizioni concernenti la flessibilizzazione delle rendite e il finanziamento della riforma (aumento dell'IVA ed eventuale contributo della BNS).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
GINEVRA
3 ore
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
ARGOVIA
3 ore
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA / STATI UNITI
12 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
14 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
15 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
15 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
17 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
18 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
19 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile