Keystone
SVIZZERA
09.06.21 - 08:150

Accordo quadro, è guerra tra imprenditori e sindacati

Il presidente dell'Unione degli imprenditori attacca: «Le parti sociali hanno gli stessi interessi, difendere i salari».

Per Valentin Vogt, l'economia elvetica per tornare a essere più competitiva dovrà rafforzare il libero scambio con i paesi terzi e aumentare le quote dei lavoratori provenienti da quei paesi per alleviare la carenza di personale qualificato.

BERNA - Il presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori (USI) è infastidito dall'atteggiamento ostinato dei sindacati nei negoziati sull'accordo quadro istituzionale tra la Confederazione e l'Unione europea (Ue). Per Valentin Vogt, le parti sociali avrebbero dovuto avere lo stesso interesse, cioè garantire la protezione dei salari.

I sindacati invece volevano chiaramente di più, comprese più restrizioni sul mercato del lavoro, afferma Vogt in un'intervista pubblicata oggi sui giornali in lingua tedesca dell'editore Tamedia. Il presidente dell'USI aggiunge che i sindacati volevano un abbassamento del quorum dei datori di lavoro per i contratti collettivi, la protezione contro il licenziamento per i dipendenti più anziani e altre misure negative per il mercato del lavoro.

Le possibilità di raggiungere un accordo con i sindacati sul diritto del lavoro sono state esaurite, ritiene. E segnala punti problematici come la flessibilizzazione dell'orario di lavoro. Coloro che controllano le loro email a casa dopo il lavoro non possono farlo a causa del diritto del lavoro obsoleto, poiché questo è considerato tempo di riposo, si lamenta.

Vogt sottolinea che i sindacati hanno pubblicamente minacciato di combattere qualsiasi modifica della Legge sul lavoro (LL) con un referendum. Questo deve finire, dice. «Forse un giorno dovremo chiedere alla gente se è giusto che rispondere alle e-mail a casa la sera sia una violazione della legge», aggiunge.

Per quanto riguarda le sfide dell'economia dopo il fallimento dei negoziati sull'accordo quadro con l'Ue, Vogt dice che USI, insieme all'organizzazione delle imprese economiesuisse, sta lavorando a un programma di politica economica.

Anno dopo anno, la Svizzera perde terreno nei confronti internazionali, sostiene Vogt. L'economia deve tornare a essere più competitiva. Si sta quindi considerando un pacchetto di misure. Vogt spiega che questo includerà il rafforzamento del libero scambio con i paesi terzi. Aumentare le quote di lavoratori da questi paesi aiuterebbe ad alleviare la carenza di personale qualificato, dice. Tra le misure previste vi è anche un'aliquota unica per l'IVA.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
M70 4 mesi fa su tio
povera Svizzera..ma prima o poi arriveranno tempi duri anche per i politici e le loro famiglie...e non solo x noi ..
Ro 4 mesi fa su tio
Povera elvezia sai solo creare una popolazione di poveri ignoranti non qualificati. Se poi però sei uno più che qualificato non sperare che trovare lavoro. Ricordati che sei un elvetico e quindi da trattare sempre con i piedi qualificato o no. Complimenti egregio Vogt.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 ore
«Non siamo degli “sboroni dell'auto” senza rispetto»
Nel weekend la polizia zurighese aveva interrotto un raduno di bolidi. Ora prende la parola una co-organizzatrice
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
6 ore
Auto strapiena di marijuana
I doganieri tedeschi hanno intercettato una vettura elvetica su cui erano presenti 53 chili di sostanza stupefacente
SVIZZERA / BRASILE
7 ore
Svizzero rapito e ucciso in Brasile
L'omicidio, avvenuto a Goianésia, sarebbe legato a un debito di circa 2'000 franchi.
SVIZZERA
8 ore
Covid: salgono i casi, ricoverati stabili
I pazienti Covid occupano ora l'1,8% dei posti letto complessivi.
SOLETTA
8 ore
Clienti “influencer” per andare in palestra senza Covid Pass
Lo stratagemma è stato adottato in una struttura solettese, ma è poi stato segnalato alle autorità
BERNA
10 ore
Scontro tra un auto e un treno
È successo nel Canton Berna. Fortunatamente non si registrano feriti
FOTO
ZURIGO
10 ore
Entrano in casa, li legano, e fuggono con gioielli e denaro
La polizia è alla ricerca dei malviventi autori di un colpo avvenuto, questa mattina, in una villetta a Oberengstringen.
SVIZZERA
11 ore
Lungo autostrade e ferrovia c'è energia da sfruttare
Con l'installazione d'impianti fotovoltaici sui ripari fonici, si potrebbero ricavare 101 GWh all'anno
BERNA
12 ore
Per cambiare sesso bastano 75 franchi
Una modifica di legge permette di sveltire il cambio nello stato civile.
SVIZZERA
12 ore
Un anno in più di Covid Pass dopo la terza dose
Durante la conferenza stampa di ieri gli esperti avevano erroneamente detto che il pass non sarebbe stato prolungato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile