Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
02.06.21 - 12:020

Lavoratori non residenti, bocciata la mozione di Marco Chiesa

Il senatore ticinese chiedeva di riconoscere le deduzioni sociali solo ai residenti e ai "quasi residenti".

Una mossa che avrebbe permesso ai cantoni di frontiera di aumentare le entrate finanziarie. Ma il Consiglio degli Stati ha detto no a larga maggioranza.

BERNA - Le deduzioni sociali concesse ai lavoratori non residenti che sottostanno all'imposizione alla fonte non subirà cambiamenti. Il Consiglio degli Stati ha bocciato oggi - con 33 voti contro 5 - una iniziativa parlamentare di Marco Chiesa (UDC/TI) che ne chiedeva la soppressione.

Riconoscere la deduzione sociale ai soli residenti e ai "quasi residenti" risulta più corretto rispetto alla situazione attuale, sostiene il ticinese nel suo atto parlamentare. La situazione giuridica attuale favorisce infatti i "non residenti" poiché possono beneficiare sia in Svizzera sia nel loro Stato delle deduzioni sociali.

Correggendo questa situazione si permetterebbe ai cantoni di frontiera di aumentare le loro entrate finanziarie. Chiesa propone pertanto una modifiche della Legge federale sull'armonizzazione delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni e della Legge federale sull'imposta federale diretta.

L'iniziativa, ha però sottolineato Erich Ettlin (Centro/OW) a nome della commissione, creerebbe una disparità di trattamento tra le persone che risiedono all'estero e sono in parte imponibili in Svizzera e quelle residenti in Svizzera e in parte imponibili all'estero.

Questa situazione asimmetrica non andrebbe necessariamente corretta, ma se si dovesse farlo il dispendio legislativo sarebbe notevole. Per questo motivo, lo strumento dell'iniziativa parlamentare non viene ritenuto adeguato. È ipotizzabile l'inoltro di una mozione, ha suggerito Ettlin, ma prima di farlo occorre attendere il rapporto dell'Amministrazione federale delle contribuzioni sul tema che dovrebbe essere disponibile ancora quest'anno.

Il Consiglio degli Stati ha poi deciso di archiviare, su proposta del governo, una mozione che chiedeva di fare in modo che le deduzioni generali e sociali dei contribuenti residenti in Svizzera e limitatamente assoggettati all'estero vengano prese in considerazione a pieno titolo.

Secondo l'esecutivo la mozione è irrealizzabile: è infatti alquanto improbabile che uno Stato estero si impegni nell'ambito di una Convenzione per evitare la doppia imposizione (CDI) a concedere deduzioni previste dal diritto svizzero. «La questione delle deduzioni e delle tariffe fiscali non è inoltre armonizzata a livello internazionale per via dei differenti sistemi nazionali e della sua complessità», precisa il governo in nel rapporto che chiedeva l'archiviazione dell'atto parlamentare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
55 min
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
2 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
11 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
13 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
SVIZZERA
22 ore
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
1 gior
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
1 gior
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
SVIZZERA
1 gior
Con l'estate le restrizioni statali non serviranno più
L'ex membro della Task force Marcel Tanner spiega che sarà fondamentale puntare sulla responsabilità individuale
ZURIGO
1 gior
La polizia interrompe un raduno di auto modificate
Sette appassionati sono stati denunciati: le loro vetture presentavano modifiche non autorizzate
BERNA
1 gior
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile