Keystone
Moritz Leuenberger
SVIZZERA
29.04.21 - 08:330

Accordo quadro: nel Partito socialista chiesto un dibattito interno

Alcuni illustri membri - fra i quali anche l'ex consigliere federale Moritz Leuenberger - hanno scritto alla presidenza.

Nonostante «un nucleo ideologico comune», le divergenze sull'argomento sono diverse.

BERNA - Ventisei membri del PS, in una lettera inviata alla presidenza del partito, chiedono un dibattito interno sull'accordo quadro con l'UE. Tra i firmatari figurano l'ex consigliere federale Moritz Leuenberger e diversi consiglieri di Stato.

«L'accordo istituzionale pone una delle questioni politiche più importanti di questo decennio», scrivono i firmatari della lettera, evocata ieri sera al "10vor10" della televisione svizzero-tedesca SRF e di cui Keystone-ATS dispone di una copia.

Nella missiva viene fatto notare che in seno al PS esistono posizioni diverse sull'argomento: i sindacati sono contrari all'accordo quadro perché temono ripercussioni sulla protezione dei salari, altre correnti ritengono invece ch'esso contribuisce alla tutela dei salari, in particolare a medio e lungo termine.

I firmatari ricordano che i membri del PS condividono «un nucleo ideologico comune», ossia solidarietà e giustizia, che si traducono con protezione efficace dei salari, posti di lavoro sicuri e servizio pubblico affidabile. Il divergenze riguardano la questione se l'accordo istituzionale permetta o no di raggiungere questi obiettivi.

«Sarebbe per noi incomprensibile che il PS non discutesse questa questione centrale e seppellisse l'accordo istituzionale accanto all'UDC, a porte chiuse all'interno del Consiglio federale o nelle commissioni parlamentari». I firmatari chiedono quindi «un dibattito impegnato, vivace e rispettoso» all'interno del PS ma anche con la popolazione.

Gli autori della lettera ricordano i rischi di un fallimento dei negoziati: «Un'emarginazione della Svizzera a livello europeo sarebbe fatale sia sul piano della politica interna che esterna».

La Svizzera rischierebbe di essere svantaggiata nei settori della ricerca, della formazione e per l'accesso al mercato comunitario. A livello interno, c'è il rischio che le cosiddette "riforme dell'economia di mercato" riprendano quota, come avvenuto dopo il "no" allo Spazio economico europeo.

Oltre a Moritz Leuenberger, hanno firmato la lettera anche il presidente del governo di Basilea-Città Beat Jans, i consiglieri di Stato Jacqueline Fehr (ZH), Fredy Fässler (SG) e Peter Peyer (GR), nonché ex consiglieri nazionali e di Stato ed ex alti funzionari. Tutti sono tedescofoni e nessuno siede attualmente alle Camere federali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Il telelavoro rende obsoleto l'abbonamento per i mezzi pubblici
Per molti impiegati il rientro in ufficio sarà parziale. Varrà ancora la pena acquistare un titolo mensile o annuale?
SVIZZERA
9 ore
I giovani non si vaccinano: «È colpa dell'Ufficio federale della sanità»
Critiche piovono all'indirizzo dell'UFSP da parte di alcuni esperti: «La comunicazione versi i giovani va migliorata»
SVIZZERA
14 ore
Quasi 3000 casi di effetti indesiderati a causa del vaccino
Si tratta essenzialmente di casi definiti "non seri". Le persone colpite superavano i 60 anni.
SVIZZERA
15 ore
La Svizzera punta ancora di più sull'energia rinnovabile
Il Consiglio federale adotta il messaggio sulla legge federale per un approvvigionamento elettrico sicuro
SVIZZERA
16 ore
In Svizzera sempre meno contagi: 173 nelle ultime ventiquattro ore
Sono stati effettuati 26'573 test Covid, con un tasso di positività dello 0,7%
SVIZZERA
17 ore
Indennità per altri sei mesi
Il Consiglio federale ha deciso di prorogare fino al 31 dicembre il diritto all'Ipg
SVIZZERA
17 ore
«La Svizzera è il paese più ipocrita del mondo»
L'artista Ai Weiwei è il più noto tra gli oppositori di Pechino. Lo abbiamo intervistato
SVITTO
19 ore
Motociclista 26enne muore in un incidente
È successo nel Canton Svitto. Il giovane ha perso il controllo del mezzo
FOTO
ARGOVIA
21 ore
Precipita un velivolo turistico: un ferito grave
A bordo dell'aereo c'era soltanto il pilota. L'incidente si è verificato nel Canton Argovia
SOLETTA
22 ore
Falso allarme bomba a bordo di un treno
Un convoglio che circolava tra Berna e Zurigo è stato fermato a Däniken e perquisito. In manette un 49enne
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile