Keystone
Il co-presidente del PS Cédric Wermuth
SVIZZERA
28.04.21 - 08:130

Accordo quadro: il PS propone concessioni sulla cittadinanza Ue

Le misure di accompagnamento non vanno invece indebolite, secondo il co-presidente Cédric Wermuth

BERNA - Mantenere la posizione sulle misure di accompagnamento e cedere sulla cittadinanza europea: è quanto propone il PS per sbloccare l'accordo-quadro con l'Unione europea.

«Se vogliamo salvare l'accordo, la ricetta è semplice. Dobbiamo cedere sulla direttiva sulla cittadinanza europea», afferma il co-presidente del PS Cédric Wermuth in un'intervista pubblicata oggi sui giornali in lingua francese di Tamedia. Wermuth ha aggiunto che, naturalmente, questo «ci costerà qualcosa» ma che «in sostanza, questa richiesta di Bruxelles è legittima» perché una persona che lavora in Svizzera deve essere trattata in modo equo, il che include l'assistenza sociale o la protezione sociale.

Per quanto riguarda la protezione dei salari, Wermuth ha ribadito la posizione del suo partito, che «non si è mossa di un millimetro»: le misure di accompagnamento sono il fondamento della protezione dei salari e della libera circolazione e non bisogna indebolirle. Wermuth ha detto che il PS sostiene ancora l'accordo e che si batterà per assicurare che sia «equo e non avvantaggi solo il business».

Valutare le alternative - Interrogato sulla sfiducia del PS, un tempo partito eurofilo, verso l'UE, il consigliere nazionale ha sottolineato che «ciò che stiamo combattendo qui è l'alleanza tra i neoliberali di Berna e Bruxelles». Il PS continuerà a «lottare per un'integrazione europea che vada oltre le questioni di mercato» e che per il partito «nessuna opzione è tabù, compresa l'adesione».

L'accordo quadro è attualmente bloccato e la proposta di cedere sulla cittadinanza europea pur restando fermo sulle misure di accompagnamento è «l'ultima via per trovare un accordo giusto ed equilibrato», dice Cédric Wermuth. Pur essendo consapevole che un fallimento dei negoziati avrà conseguenze difficili, è convinto che «gli interessi di entrambe le parti sono abbastanza grandi per ricominciare a discutere». E sollecita «una seria valutazione delle alternative».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZUGO
6 sec
Strage in Parlamento, sono passati 20 anni
Il 27 settembre del 2001 Friedrich Leibacher uccisa 14 persone, poi si tolse la vita.
SVIZZERA
18 min
Gli scettici puntano al Nazionale
I movimenti d'opposizione alle norme anti-Covid starebbero preparandosi alle elezioni del 2023
LUCERNA
8 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
10 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
BERNA
15 ore
Partecipazione al voto superiore alla media degli ultimi anni
Tra i meno diligenti anche il Ticino, fermo sotto il 48%.
BERNA
15 ore
«Chi si ama e vuole sposarsi deve poterlo fare»
Sul Matrimonio per tutti «i cittadini hanno votato chiaramente», ha detto Karin Keller-Sutter.
BERNA
16 ore
Un alpinista muore allo Schreckhorn
L'uomo si trovava in alta quota per un'escursione in solitaria
Berna
17 ore
Donne viste come materassi del sesso nell'esercito
Diversi casi sono approdati davanti al tribunale militare secondo cui «non c'è spazio per determinati comportamenti»
SAN GALLO
20 ore
36enne accoltellato, fermati due presunti colpevoli
Gli agenti hanno trovato l'uomo ferito in un appartamento.
BERNA
20 ore
Sì al "matrimonio per tutti", no al 99 per cento
Approvata l'iniziativa sulle coppie omosessuali (64 per cento). Respinta la tassazione dei capitali (67%)
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile