Keystone
SVIZZERA
21.04.21 - 16:360

Accordo quadro, venerdì l'incontro tra Parmelin e Von der Leyen

L'obiettivo del Consiglio federale è quello di sbloccare una situazione resasi sempre più complicata.

Ai colloqui non parteciperà Ignazio Cassis, benché il consigliere federale ticinese sia il titolare del dossier e abbia portato avanit i negoziati con Bruxelles.

BERNA - Il Consiglio federale è pronto per l'incontro di venerdì tra il presidente della Confederazione, Guy Parmelin, e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen sull'accordo istituzionale, intesa la cui sopravvivenza è in forse.

Sul contenuto del mandato conferito a Parmelin e sull'incontro, da cui si spera di sbloccare l'attuale impasse, il portavoce della Consiglio federale, André Simonazzi, non ha aggiunto nulla, sottolineando ai giornalisti presenti alla tradizionale conferenza sui lavori del governo, che i nodi che dividono le parti sono noti.

Il Consiglio federale ha insomma preparato l'incontro ed è pronto per questi colloqui ai massimi livelli, al quale non parteciperà il consigliere federale Ignazio Cassis, capo della diplomazia elvetica, benché titolare del dossier e in prima fila nei negoziati con Bruxelles.

Oggi, in un commento pubblicato sul "Tages-Anzeiger", l'ex ambasciatore svizzero, Paul Widmer, ha criticato la mancata presenza del ticinese ai colloqui, giudicandolo un affronto contro la Svizzera e lo stesso Cassis, qualora il problema fosse dovuto a questioni di protocollo.

Lo stesso Cassis, in un'intervista concessa alcune settimana fa al "SonntagsBlick", aveva affermato di vedersi a Bruxelles con Parmelin, essendo la persona che meglio conosce i particolari dell'accordo quadro. Ma il Consiglio federale ha deciso diversamente la settimana scorsa. Il ticinese, secondo diversi media, sarebbe isolato in seno all'esecutivo.

Da Bruxelles, in ogni caso, filtrano da settimane indiscrezioni secondo cui la Commissione europea sembra disorientata dall'atteggiamento elvetico. Si rimprovera alla Svizzera mancanza di volontà nel finalizzare l'intesa raggiunta nel 2018. In Svizzera, diversi partiti e i sindacati sono scettici, specie per quanto riguarda aspetti specifici quali gli aiuti di stato, la cittadinanza europea e le misure di protezione del mercato del lavoro.

È di ieri la notizia, basata su un verbale "europeo" fatto pervenire ai media, secondo cui Bruxelles vuole che Berna prenda l'iniziativa e la considera responsabile del possibile fallimento dei negoziati sull'accordo quadro istituzionale.

Il verbale riguarda la riunione tra Stéphanie Riso, vicecapo del gabinetto di von der Leyen, e gli ambasciatori dei 27. La rappresentante dell'esecutivo europeo ha affermato che l'incontro di venerdì prossimo potrebbe fornire nuove impulsi, ma ha pure messo in guardia da aspettative troppo elevate.

Gli ostacoli maggiori per il raggiungimento di un'intesa sono le questioni della protezione dei salari elvetici e la direttiva sulla cittadinanza europea. Per Riso, la Commissione ha manifestato maggiore comprensione dei punti considerati critici dalla Svizzera, ma non vede alcuna concessione malgrado le offerte dell'Ue. A suo avviso, Berna considera l'accordo negoziato nel 2018 semplicemente come un'offerta dell'Ue. Invece per l'Unione, l'accordo risponde già alle preoccupazioni della Confederazione.

L'Ue sospetta in particolare che la Svizzera voglia escludere del tutto dall'accordo la questione della protezione dei salari e la direttiva sulla cittadinanza europea. Agli occhi di Riso, le difficoltà d'accordo sono particolarmente acute in merito ai lavoratori distaccati e all'accesso alle assicurazioni sociali dei cittadini europei residenti nella Confederazione.

Per quanto riguarda la direttiva europea sulla cittadinanza, la Svizzera aveva segnalato che non avrebbe accettato sette punti. Secondo il verbale, questi includono la residenza permanente, il permesso di soggiorno incondizionato di tre mesi e l'accesso alla sicurezza sociale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 5 mesi fa su tio
Cassis per buono o no che sia, doveva partecipare alla riunione, visto che è titolare del dossier in questione. La diplomazia Svizzera parte male in questo caso, e non mi aspetto altro che un'ulteriore genuflessione da parte del Don Chisciotte Parmelain.
Nano10 5 mesi fa su tio
Il presidente della Confederazione più che UDC Ale’ un Uregiatt e papa mola senza P.... 😡
Princi 5 mesi fa su tio
e noi gli paghiamo anche la gita a Bruxelles !!!! povera Svizzera
vulpus 5 mesi fa su tio
Cassis non sarà una cima, ma la presenza dei 2 consiglieri sarebbe già la conferma dell'importanza e della volontà della Svizzera di voler risolvere la quetione. Parmelin andrà in passeggiata a Bruxell, poi dovrà riferire a Chiesa, che dovrà riferire ai Blocher. Non se ne viene fuori: che faccia invece il Boris Johnson, che almeno qualcuno , se fai la voce grossa , ascolterà.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Test gratuiti, i costi superano i quattro milioni al giorno
Parlamento e Consiglio federale sono in disaccordo rispetto alla revoca della gratuità dei tamponi.
FOTO
SAN GALLO
3 ore
Terribile frontale in galleria, morto un automobilista
L'incidente è avvenuto questa notte tra Walenstadt e Murg nei pressi di un cantiere sull'A3.
SVIZZERA
11 ore
E se il 12 settembre diventasse festa nazionale?
Non solo il Primo d'agosto. In Svizzera bisognerebbe introdurre un nuovo giorno festivo. La proposta al governo
FOTO
ZURIGO
13 ore
Pompieri in azione a Zurigo
Intervento in Langstrasse per un incendio sviluppatosi in una cantina
SVIZZERA
14 ore
I dipendenti Swiss non vaccinati saranno lasciati a casa
Gli equipaggi dovranno essere vaccinati. Agli indecisi sarà concesso un periodo di riflessione di sei mesi
SVIZZERA
15 ore
La tappa svizzera del “treno europeo”
Si tratta dell'iniziativa “Connecting Europe Express” volto a promuovere la ferrovia nel continente
SVIZZERA
16 ore
Nessuno dovrebbe avere più di cento milioni di franchi in banca
Dopo la sconfitta dell'Iniziativa 99%, la Gioventù socialista si prepara a lanciare una nuova iniziativa
SVIZZERA
17 ore
Collegialità violata, il Governo opta per il "no comment"
Il presidente Guy Parmelin non ha preso posizione sulle asserzioni del suo collega (anche di partito) Ueli Maurer.
SVIZZERA
17 ore
Strage di Zugo, un minuto di silenzio
Era il 27 settembre di 20 anni fa. Un forsennato armato di un fucile d'assalto uccise 14 politici cantonali
SVIZZERA / FRANCIA
19 ore
Giudice malato, verdetto UBS posticipato
Continua a tenere banco il contenzioso fiscale tra la grande banca elvetica e la Francia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile