Keystone
SVIZZERA
14.04.21 - 17:020

Accordo quadro: data e delegazione ancora da stabilire

L'ha chiarito il portavoce del Consiglio federale André Simonazzi.

BERNA - Ci sarà senz'altro un incontro a livello politico tra il Consiglio federale e la presidenza Ue in merito all'accordo istituzionale tra Berna e Bruxelles, ma data e composizione della delegazione non sono ancora definite.

Lo ha dichiarato oggi al termine della seduta governativa il portavoce del governo, André Simonazzi, che non ha confermato le illazioni degli scorsi giorni riportate dai media, ossia che il presidente della Confederazione, Guy Parmelin, avrebbe fatto il viaggio fino in Belgio assieme al collega Ignazio Cassis e, forse, anche in compagnia di Karin Keller-Sutter.

La data del 23 di aprile per i colloqui col Consiglio federale confermata dall'Ue, ha spiegato Simonazzi, significa solo che quel giorno è prenotato per questo incontro, ma non che si tratta di una scadenza ormai definitiva. Insomma, nei prossimi giorni, come promesso dal vice cancelliere della Confederazione, ne sapremo di più sia sulla data esatta sia sulla composizione della delegazione governativa.

Per quanto riguarda l'accordo istituzionale, o quadro, tra la Svizzera e l'Unione europea, rimangono aperti ancora alcune elementi come gli aiuti di Stato, le misure fiancheggiatrici - ossia la protezione del mercato del lavoro e dei salari - e la direttiva sulla cittadinanza europea.

Le resistenze da parte elvetica, provenienti da diversi partiti e dai sindacati, hanno convinto il Consiglio federale a chiedere chiarimenti all'Ue. L'Ue ha più volte sostenuto di essere pronta a parlarne, ma non a rinegoziare l'accordo.

L'11 aprile scorso, in un'intervista concessa al settimanale "SonntagsBlick", il ministro degli esteri Ignazio Cassis aveva dichiarato di volersi recare a Bruxelles insieme col presidente della Confederazione Parmelin per i colloqui conclusivi riguardanti l'accordo quadro tra Svizzera e Ue. «Nessun altro consigliere federale conosce il dossier così bene come me», aveva sostenuto il ticinese.

La segretaria di Stato Livia Leu ha condotto sei tornate di discussioni sostanziali e il Consiglio federale sta attualmente analizzando i risultati di questi chiarimenti, aveva sottolineato Cassis. Poi il governo farà il punto della situazione.

Non si può sapere quanto durerà questa fase, aveva puntualizzato il capo della diplomazia elvetica. Solo al termine di questa discussione sostanziale si deciderà chi andrà a Bruxelles. Secondo il ticinese, lo spazio di manovra a livello politico è maggiore di quello dei segretari di Stato. «I negoziati di solito iniziano a livello tecnico e finiscono con una decisione politica», aveva affermato Cassis.

Il consigliere federale non si è espresso su un possibile piano B in caso di fallimento dell'accordo. Come ha più volte detto al settimanale, «ogni negoziazione ha come possibile esito un successo o un mancato successo. Chi negozia duramente deve anche aspettarsi un fallimento». Un eventuale piano B potrà essere discusso solo dopo aver esaminato «ciò che l'UE è pronta a concedere».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
11 ore
Code a mai finire e trasporti al collasso, la Confederazione è preoccupata
Per Michael Töngi, consigliere nazionale dei Verdi, la soluzione è il mobility pricing, anche in favore
SAN GALLO
12 ore
Cervelat con un chiodo: «I bambini potevano farsi male»
Un'esca crudele per animali è stata trovata in un parco giochi. La polizia: «Non è la prima volta»
BERNA
15 ore
I "no pass" riempiono la Bundesplatz
Migliaia di manifestanti si sono rinuniti oggi pomeriggio davanti a Palazzo Federale
VAUD
16 ore
UDC in assemblea: tre "no" e una risoluzione contro le città di sinistra
Marco Chiesa ha poi scoccato alcune critiche al Consiglio federale, sulle restrizioni e sull'energia
ZURIGO
18 ore
Investito sulle strisce, non ce l'ha fatta
Un 77enne ha perso la vita in seguito alla collisione con una vettura
SAN GALLO
21 ore
Un gatto fa schiantare la Maserati
Sfortunato incidente questa notte nel canton San Gallo
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
1 gior
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
1 gior
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
1 gior
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
1 gior
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile