Ti-Press
Bar e ristoranti potrebbero comunque venir chiusi in caso di necessità.
SVIZZERA
12.04.21 - 13:520
Aggiornamento : 16:19

Legge Covid-19: «Un no metterebbe in pericolo gli aiuti»

Il Consiglio federale invita il popolo a bocciare il referendum in votazione il prossimo 13 giugno.

«La sua riuscita bloccherebbe solo gli aiuti, ma non le chiusure imposte per contenere la pandemia».

BERNA - La legge COVID-19, in votazione il prossimo 13 giugno, permette di sostenere finanziariamente le persone e le imprese colpite dalla crisi. Se venisse bocciata gli aiuti della Confederazione, di cui hanno assoluto bisogno più di 100'000 imprese e oltre un milione di persone, sarebbero a rischio, sottolineano Consiglio federale e Cantoni lanciando la campagna a sostegno del testo.

La legge COVID-19, votata dal Parlamento federale il 25 settembre 2020, è il «nostro strumento principale per attenuare le conseguenze sociali ed economiche della pandemia», ha detto il presidente della Confederazione Guy Parmelin in conferenza stampa. Moltissime persone e aziende subiscono le ripercussioni negative del virus e delle misure restrittive. «Ne siamo ben coscienti e per questo abbiamo adottato una serie di aiuti per un ammontare totale di 35 miliardi di franchi», ha aggiunto il ministro dell'economia.

La legge è la «chiave di volta» che ci permette di mantenere imprese e impieghi anche in questa situazione. Costituisce la base legale per il versamento delle indennità per lavoro ridotto, delle indennità di perdita di guadagno agli indipendenti e gli aiuti per i casi di rigore a ristoranti, alberghi, imprese che organizzano eventi, agenzie di viaggi e altri settori come la cultura, lo sport e i media, ha proseguito Parmelin.

Misure restrittive possibili anche con bocciatura - Le misure restrittive invece non figurano nella Legge Covid-19, ma in quella sulle epidemie, accettata in votazione nel 2013 con circa il 60% di consensi. Una bocciatura alle urne il 13 giugno quindi non impedirebbe al Consiglio federale di continuare a combattere la diffusione della pandemia con provvedimenti come la chiusura di negozi e ristoranti o il divieto di manifestazioni.

Un "no" porrebbe fine alle misure di sostegno dal 25 settembre e creerebbe un vuoto giuridico che richiederebbe mesi per esser colmato. La situazione attuale suscita rabbia a impazienza, ed è comprensibile, ma non è una ragione «per buttare il bambino con l'acqua sporca», ha concluso il presidente della Confederazione.

Alain Berset ha ricordato che all'inizio della crisi il Consiglio federale ha avuto la possibilità di «agire rapidamente» grazie alla Legge sulle epidemie. Il testo però non contempla una base legale per il sostegno finanziario ai settori e alle persone in difficoltà a causa della crisi. È la Legge Covid-19 che ha permesso di aiutare finanziariamente ristoranti, club sportivi, associazioni culturali, indipendenti e lavoratori ed ha quindi permesso di evitare fallimenti e la perdita di posti di lavoro, ha detto.

Test gratuiti e certificato vaccinale grazie alla Legge-Covid - Le legge in votazione il 13 giugno costituisce anche la base legale per garantire l'assistenza sanitaria durante la pandemia, ad esempio tramite acquisti di materiale medico o deroghe per l'omologazione di medicamenti per malati gravi. È grazie a questo testo che la Confederazione ha potuto assumere i costi dei test e potrà creare un certificato vaccinale coordinato a livello internazionale, essenziale per il ritorno alla normalità, ha precisato ancora il ministro della sanità. La vaccinazione invece non è contemplata nel testo. «Un sì in votazione permette quindi di proseguire il sostegno all'economia e ai lavoratori, di avere test gratuiti e un certificato vaccinale, ma non influenza in nessun modo le misure e le chiusure», ha concluso Berset.

Cantoni in difficoltà in caso di "no" - Il consigliere di Stato grigionese Christian Rathgeb, presidente della Conferenza dei governi cantonali, ha sottolineato che la Legge Covid fissa pure una ripartizione chiara dei costi fra Confederazione e Cantoni. È illusorio pensare che i Cantoni possano in qualche modo compensare un'eventuale mancanza di aiuti federali, ha aggiunto sottolineando che le conseguenze negative della crisi si vedranno soprattutto quest'anno. «Ne abbiamo tutti abbastanza di questo virus, ma bocciando la legge colpiamo il bersaglio sbagliato», ha detto.

Il 13 giugno rappresenta un votazione cruciale sia per la Confederazione che per i Cantoni, ha aggiunto il vicepresidente della Conferenza dei governi cantonali, il neocastellano Alain Ribaux. Le misure di sostegno federali e cantonali si completano e il sistema funziona abbastanza bene. «Non ci guadagneremmo niente a ricominciare tutto da capo». Un no non farebbe che penalizzare persone già messe a dura prova dalla crisi, come i disoccupati, che perderebbero le indennità supplementari, o gli indipendenti che non potrebbero ricevere sostegni. «Il rischio è che sempre più persone diventino precarie e che si assista a un'esplosione dei beneficiari di assistenza sociale», ha concluso Ribaux.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 6 mesi fa su tio
Se si permette alle persone di lavorare non sono necessari sussidi e il mercato si regola con le proprie leggi.
Talos63 6 mesi fa su tio
I referendisti chiedono di bocciare questa legge e poi sono i primi a chiedere alla confederazione sussidi per evitare i fallimenti delle aziende e delle persone... La coerenza è un optional?
pillola rossa 6 mesi fa su tio
@Talos63 Se si potesse lavorare non ci sarebbe bisogno di sussidi. Varrebbero le leggi di mercato. Ora invece è lo stato che decide chi deve fallire e chi più può continuare.
Talos63 6 mesi fa su tio
I referenziati chiedono di bocciare questa legge e poi sono i primi a chiedere alla confederazione sussidi per evitare i fallimenti delle aziende e delle persone... La coerenza è un optional?
seo56 6 mesi fa su tio
Solo un ignorante o un irresponsabile può, solo pensare di votare NO!
pillola rossa 6 mesi fa su tio
Stop ricatti!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 min
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
2 min
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
21 min
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
2 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
2 ore
La luce in fondo al Covid? Ci sono cinque "se"
Il capo della Conferenza dei direttori sanitari Engelberger è ottimista. Ma restano dei punti di domanda
SVIZZERA
3 ore
Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema
In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»
VALLESE
4 ore
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto ha sconfinato nella sua carreggiata, colpendolo
SVIZZERA
5 ore
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
SVIZZERA
15 ore
«Il contact tracing è nel caos»
Col calo delle temperature, i contagi tornano ad aumentare. Ora è fondamentale individuare i luoghi di contagio
GINEVRA
19 ore
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile