Keystone
SVIZZERA
11.04.21 - 08:350

Accordo quadro: Cassis presto a Bruxelles con Parmelin

«Nessun altro consigliere federale conosce il dossier come lo conosco io», ha sottolineato il ticinese.

Un eventuale piano B in caso di fallimento? «Solo dopo aver esaminato ciò che l'UE è pronta a concedere».

BERNA - Il ministro degli esteri Ignazio Cassis prevede di recarsi a Bruxelles insieme al presidente della Confederazione Guy Parmelin per i colloqui conclusivi riguardanti l'accordo quadro tra Svizzera e Ue. «Nessun altro consigliere federale conosce il dossier così bene come me», sostiene il ticinese in un'intervista pubblicata oggi dal settimanale "SonntagsBlick".

Attualmente «non ha senso parlare di una delegazione», afferma Cassis, che suppone tuttavia di essere presente ai negoziati accanto al presidente della Confederazione.

Ora, però, si tratta innanzitutto di trovare il giusto percorso politico, aggiunge il ticinese. La segretaria di Stato Livia Leu ha condotto sei tornate di discussioni sostanziali e il Consiglio federale sta attualmente analizzando i risultati di questi chiarimenti. Poi il governo farà il punto della situazione.

Non si può sapere quanto durerà questa fase, dice Cassis. Solo al termine di questa discussione sostanziale si deciderà chi andrà a Bruxelles. Un'ipotesi è quella che anche la ministra della giustizia Karin Keller-Sutter debba far parte della delegazione.

Secondo il ticinese, lo spazio di manovra a livello politico è maggiore di quello dei segretari di Stato. «I negoziati di solito iniziano a livello tecnico e finiscono con una decisione politica», afferma Cassis.

Il consigliere federale non si esprime su un possibile piano B in caso di fallimento dell'accordo. Come ha più volte detto «ogni negoziazione ha come possibile esito un successo o un mancato successo. Chi negozia duramente deve anche aspettarsi un fallimento». Un eventuale piano B potrà essere discusso solo dopo aver esaminato «ciò che l'UE è pronta a concedere».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
42 sec
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto da turismo ha sconfinato nella sua carreggiata
SVIZZERA
1 ora
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
SVIZZERA
11 ore
«Il contact tracing è nel caos»
Col calo delle temperature, i contagi tornano ad aumentare. Ora è fondamentale individuare i luoghi di contagio
GINEVRA
15 ore
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
SVIZZERA
16 ore
La pandemia fa salire i prezzi dei ristoranti
Prima i lockdown, poi il certificato Covid: in Svizzera il calo del fatturato si fa sentire sul costo di un pasto fuori
ZURIGO
17 ore
Irruzione al raduno di bolidi
La polizia ha controllato 160 auto di grossa cilindrata a Dübendorf questa notte, 12 persone denunciate
ZURIGO
19 ore
Due accoltellamenti, fermati otto giovani
È il bilancio di due episodi avvenuti sabato sera nel Canton Zurigo
TURGOVIA
21 ore
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
21 ore
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
21 ore
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile