Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
14.03.21 - 10:460
Aggiornamento : 11:03

Le infrazioni dei mezzi pesanti preoccupano Storni

Presentata un'interrogazione al Consiglio federale a fronte della situazione riscontrata in un recente controllo europeo

BERNA - Recentemente nella prima di 4 campagne europee di controlli (Truck & Bus) 8–15 febbraio sono stati controllati 10 769 camion e 573 autobus rilevando 6735 violazioni, più del 50%; 1375 infrazioni sui tempi di guida e manomissioni cronotachigrafo, 827 per documenti del veicolo o carico non in regola, 771 casi di superamento dei limiti di velocità, 165 per trasporto merci pericolose, 20 casi di alcool o stupefacenti. «Un quadro molto preoccupante» per Bruno Storni, che ha presentato un'interrogazione al Consiglio federale.

Il consigliere nazionale ticinese (PS) fa notare pure che «nel nostro Paese i controlli vengono effettuati dai Cantoni su mandato e finanziamento della Confederazione presso centri di controllo dedicati al traffico pesante, vengono controllati annualmente in totale tra stazionari e mobili circa 90mila veicoli con un tasso di infrazioni tra il 25 e il 30%».

Il problema, per il socialista, è che «oltre ad accrescere il rischio di incidenti abbiamo condizioni di concorrenza sleale nei confronti di
autotrasportatori in regola sia tecnicamente che per le condizioni di lavoro, ma anche nei confronti del trasporto su ferrovia».

Le domande rivolte a Berna:

1. La Svizzera intende partecipare in futuro alle azioni di controllo coordinate promosse a livello europeo?
2. Il numero di infrazioni sui tempi di lavoro e riposo, dimensioni peso e difetti tecnici dell'autoveicolo è importante anche in Svizzera, la Confederazione ha quantificato l'impatto sul mercato (concorrenza sleale) delle frodi di vario tipo nel trasporto merci stradale?
3. Quanti controlli annui sono previsti presso il centro di Giornico?
4. A che punto siamo con la realizzazione dei 5 centri di controllo previsti nella seconda fase?
5. Il piano di intensificazione dei controlli ha portato a una diminuzione delle infrazioni rilevate per rapporto alla situazione precedente?
6. Sono previsti controlli sistematici come al tunnel del Montebianco?
7. Come siamo messi in Svizzera termini di costo delle sanzioni per rapporto ad altri Paesi Europei come ad esempio la Danimarca o i Paesi Confinanti?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
25 min
In Svizzera netto calo dei pazienti Covid in cure intense
In decisa diminuzione i pazienti affetti dal virus in terapia intensiva, che ora occupano il 26,9% dei posti letto.
SVIZZERA
3 ore
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
GINEVRA
4 ore
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
ARGOVIA
4 ore
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA / STATI UNITI
14 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
16 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
16 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
17 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
19 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
19 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile