Keystone
LE REAZIONI
07.03.21 - 15:080
Aggiornamento : 16:10

Economiesuisse: «Avremmo preferito un sì più chiaro»

L'accordo di libero scambio con l'Indonesia è stato promosso dal popolo, ma di strettissima misura.

Il fautore del referendum Willy Cretegny: «Avevamo già vinto prima ancora del voto dando il via al dibattito sugli accordi di libero scambio». Regazzi: «In futuro bisognerà essere più sensibili alle questioni ambientali».

di Redazione
Keystone-Ats

BERNA - Il risultato stretto della votazione sull'accordo di libero scambio con l'Indonesia non è quello che economiesuisse sperava. Un «sì chiaro e netto» sarebbe stato un forte segnale per le imprese che hanno bisogno di accesso al mercato globale, ha detto Monika Rühl.

I cittadini hanno votato per l'intesa con l'Indonesia, ma si è trattato anche di un voto per il libero scambio come strumento della politica economica estera elvetica, ha stimato la presidente della direzione di economiesuisse ai microfoni della RTS. «Abbiamo bisogno di un accesso al mercato globale», ha sottolineato.

«Bisognerà continuare ad adattarsi», ha detto, spiegando che si devono prendere sul serio le preoccupazioni della popolazione per l'ambiente e i diritti umani. Questa attenzione si è vista proprio nell'accordo con l'Indonesia, ha concluso.

«Comunque soddisfatti» - Willy Cretegny, fautore del referendum contro l'Accordo di partenariato economico con l'Indonesia è invece comunque soddisfatto dai risultati delle urne. Nonostante il sempre più probabile "sì" della maggioranza dei cittadini, la lotta è tutt'altro che finita. Secondo lui, il «comitato per il no ha infatti già vinto prima ancora del voto», poiché ha dato il via al dibattito sugli accordi libero scambio.

«Si tenga conto dei molti "no"» - La consigliera nazionale Christine Badertscher (Verdi/BE) è rimasta positivamente impressionata dal "sì" arrivato solo di misura alle urne per l'accordo con l'Indonesia. Ora l'idea è fare pressione per un'applicazione sostenibile. «L'alta quota di cittadini contrari deve essere presa in considerazione», ha detto all'agenzia Keystone-ATS. Il risultato risicato dimostra che bisogna investire nella sostenibilità. I Verdi cercheranno di imporre criteri più severi per l'importazione di olio di palma. «Questi accordi in futuro probabilmente saranno sempre portati davanti al popolo», ha detto Badertscher, confermando che gli ecologisti indiranno un referendum contro l'intesa con gli stati Mercosur, il mercato comune dell'America del sud.

«Il "sì" risicato fa riflettere» - Il comitato per l'accordo di libero scambio con l'Indonesia è soddisfatto, tuttavia il risultato risicato «fa riflettere», ha detto a Keystone-ATS il ticinese Fabio Regazzi (Alleanza del Centro). «Si è sempre soddisfatti quando si vince», ha sottolineato il consigliera nazionale, ammettendo tuttavia che il risultato è particolarmente stretto, considerando che gran parte dello spettro politico e degli ambiti economici erano favorevoli. In futuro bisognerà quindi «fare più attenzione e essere più sensibili» alle questioni ambientali e delle condizioni di lavoro. Non va però dimenticato che si tratta di accordi economici, e non è possibile «imporre tutto ciò che si vuole».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Didimon 6 mesi fa su tio
E così continua la mano dello sfruttamento della Svizzera. Beffardi nelle parole per convincere la gente.. Ma non hanno capito, dove accordi... Unilaterali.. Con unidecisioni...
ciapp 6 mesi fa su tio
mai contenti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
SVIZZERA
23 min
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
1 ora
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
2 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
3 ore
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
ZURIGO
3 ore
Un uomo trovato morto per strada
Le forze dell'ordine zurighesi presumono si tratti di omicidio e cercano testimoni.
ARGOVIA
4 ore
Esce di strada e scappa, 17enne riconsegna il patentino
Il giovane, in preda ai fumi dell'alcol, disponeva di una licenza per allievo conducente, ma non era accompagnato.
SVIZZERA
5 ore
«La Svizzera offrì 1,25 milioni per liberarci»
Daniela Widmer è tornata a parlare del sequestro di cui fu vittima nel 2011 mentre si trovava in Pakistan col fidanzato.
FOTO
TURGOVIA
5 ore
Si tuffano nel Reno e non riemergono più
Una donna di 23 anni e un uomo di 28 risultano dispersi da ieri sera.
SVIZZERA
5 ore
Crisi cardiache: per paura del virus si muore a casa
Il picco è stato raggiunto durante il primo lockdown. Una situazione che rischia di ripetersi
SVIZZERA
22 ore
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile