Keystone
I delegati ambientalisti si sono ritrovati "online".
SVIZZERA
23.01.21 - 17:310

I Verdi approvano il piano climatico (da casa)

L'assemblea dei delegati ha pure deciso di dire «tre volte no» ai temi in votazione il prossimo 7 marzo.

BERNA - I Verdi hanno accettato il piano climatico del proprio partito oggi nel corso dell'assemblea dei delegati svoltasi online. Sui tre temi in votazione il 7 marzo sono stati decisi tre "no".

Il piano per il clima prevede che la Svizzera abbia un impatto climatico neutrale entro il 2030 e diventi addirittura positiva per il clima dal 2040. Questo dovrebbe avvenire attraverso il divieto di nuovi veicoli che utilizzano combustibili fossili e dei riscaldamenti a olio a partire dal 2025.

Per affrontare e superare la crisi climatica, è necessaria una svolta economica e sociale, secondo i Verdi. Durante il discorso d'apertura dell'assemblea, il presidente di partito Balthasar Glättli ha detto che «l'essere umano è più di quello che ha e costruisce».

I punti chiave possono essere riassunti in «meglio anziché di più» e «essere anziché avere». Anche ai tempi del coronavirus, è importante condividere e dimostrare solidarietà, ha continuato Glättli. Il partito nel suo insieme critica che al momento manchi completamente una via d'uscita dalla crisi pandemica che tenga conto dell'ambiente.

Per quel che riguarda la votazione del 7 marzo, i delegati ambientalisti hanno bocciato tutti i temi previsti: l'iniziativa sul divieto del burqa, la legge sull'identificazione elettronica e l'Accordo di partenariato economico con l'Indonesia.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
19 min
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
SVIZZERA
1 ora
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
ZURIGO
4 ore
Nessun controllo dei certificati, piscina chiusa dalla polizia
All'ingresso della struttura coperta erano affissi dei cartelli indicanti che non vi sarebbe stato alcun controllo.
BERNA
7 ore
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
8 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
8 ore
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
9 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
FOTO
SVIZZERA
12 ore
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
14 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
14 ore
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile