Immobili
Veicoli
Keystone
I delegati ambientalisti si sono ritrovati "online".
SVIZZERA
23.01.21 - 17:310

I Verdi approvano il piano climatico (da casa)

L'assemblea dei delegati ha pure deciso di dire «tre volte no» ai temi in votazione il prossimo 7 marzo.

BERNA - I Verdi hanno accettato il piano climatico del proprio partito oggi nel corso dell'assemblea dei delegati svoltasi online. Sui tre temi in votazione il 7 marzo sono stati decisi tre "no".

Il piano per il clima prevede che la Svizzera abbia un impatto climatico neutrale entro il 2030 e diventi addirittura positiva per il clima dal 2040. Questo dovrebbe avvenire attraverso il divieto di nuovi veicoli che utilizzano combustibili fossili e dei riscaldamenti a olio a partire dal 2025.

Per affrontare e superare la crisi climatica, è necessaria una svolta economica e sociale, secondo i Verdi. Durante il discorso d'apertura dell'assemblea, il presidente di partito Balthasar Glättli ha detto che «l'essere umano è più di quello che ha e costruisce».

I punti chiave possono essere riassunti in «meglio anziché di più» e «essere anziché avere». Anche ai tempi del coronavirus, è importante condividere e dimostrare solidarietà, ha continuato Glättli. Il partito nel suo insieme critica che al momento manchi completamente una via d'uscita dalla crisi pandemica che tenga conto dell'ambiente.

Per quel che riguarda la votazione del 7 marzo, i delegati ambientalisti hanno bocciato tutti i temi previsti: l'iniziativa sul divieto del burqa, la legge sull'identificazione elettronica e l'Accordo di partenariato economico con l'Indonesia.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
45 min
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
BASILEA CITTÀ
2 ore
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
ZURIGO
13 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
16 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
18 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
20 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
20 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
20 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
23 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
1 gior
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile