verdi del ticino
BERNA
12.01.21 - 15:150
Aggiornamento : 18:43

Verdi: «Una Svizzera "neutrale" per il clima entro il 2030»

L'obbiettivo? Un "bilancio climatico positivo" a partire dal 2040

I costi di investimento per la conversione? Circa 15 miliardi di franchi entro il 2030

BERNA - I Verdi puntano a una Svizzera «neutrale dal punto di vista climatico» entro il 2030 e con un «bilancio climatico positivo» a partire dal 2040. Per raggiungere questi obbiettivi propongono una riduzione del 50% delle emissioni interne di CO2, in particolare vietando nuovi veicoli e sistemi di riscaldamento con combustibili fossili dal 2025.

Il partito ha presentato oggi in una conferenza stampa online il suo nuovo piano a favore del clima. Secondo il documento, a partire dal 2040 la Svizzera dovrebbe fornire un contributo netto alla riduzione delle emissioni nocive. Per essere "positivi dal punto di vista climatico" dal 2040 in poi, le emissioni di CO2 devono essere azzerate entro il 2030, poi si dovrebbe iniziare con la rimozione di CO2 dall'atmosfera.

Ridurre le emissioni - Ci sono due metodi per rimuovere il CO2: uno naturale e uno tecnico. La soluzione naturale prevede il rimboschimento e la manutenzione delle foreste e delle campagne. Il metodo tecnico consiste invece nel separare il CO2 e immagazzinarlo, naturalmente in modo sicuro e senza pericoli per l'ambiente.

Prima però è necessario ridurre le emissioni nocive con una maggiore efficienza energetica e puntando sulle energie rinnovabili. Il documento di lavoro dei Verdi prevede l'installazione di impianti solari su edifici nuovi ed esistenti. Altri strumenti già noti sono la rapida ristrutturazione energetica degli edifici, l'introduzione della tassa di mobilità o l'aumento del prezzo della vignetta autostradale.

Necessari cambiamenti sociali ed economici - Il Piano climatico 2050 del Consiglio federale comporta un ritardo di circa 15 anni rispetto alla proposta dei Verdi, ha dichiarato il consigliere nazionale zurighese Bastien Girod. La pecca della proposta governativa è che non prevede un cambiamento della società e dell'economia, che riveste invece un'importanza vitale per il partito. Il piano può avere successo solo se il consumo e la piazza finanziaria diventeranno più sostenibili e più responsabili. La base di questa trasformazione sociale deve essere "frugalità e qualità della vita", scrive il partito nel documento.

I costi di investimento per la conversione, circa 15 miliardi di franchi entro il 2030, sono elevati, ma risultano ancora «a buon mercato» se paragonati alla spese per affrontare la crisi di Covid o per l'esercito, sottolineano i Verdi.

L'azione volontaria non basta - Il presidente del partito, Balthasar Glättli, ha criticato il comitato economico, che proprio oggi ha consegnato alla Cancelleria federale le oltre 110'000 mila firme raccolte per il referendum contro la legge sul CO2. La legge è un primo passo nella giusta direzione, ma ci vuole molto di più, ha detto. Purtroppo gli avversari si affidano ancora alla «favola dell'azione volontaria» che permetterebbe di contrastare meglio le conseguenze del cambiamento climatico.

Il piano presentato oggi dai Verdi e intitolato "Per un bilancio climatico positivo in Svizzera" contiene obiettivi più ambiziosi nei settori dei trasporti, degli edifici e della piazza finanziaria rispetto alla prima versione pubblicata in estate. A partire dal 2025, ad esempio, non dovrebbero più essere autorizzati veicoli e nuovi sistemi di riscaldamento a combustibile fossile. Inoltre la piazza finanziaria dovrà adeguare le attività agli obiettivi dell'Accordo sul clima di Parigi.

TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
19 min
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
3 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
4 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
5 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
7 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
7 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
7 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
7 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
9 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
11 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile