Immobili
Veicoli
keystone
BERNA
08.12.20 - 14:570

Domani l'elezione di Parmelin alla presidenza della Confederazione

Per il consigliere federale UDC la sfida sarà importante.

Dovrà infatti farsi carico della gestione della crisi del coronavirus e difendere l'accordo istituzionale con l'Ue.

BERNA  - L'Assemblea federale procederà domani all'elezione di Guy Parmelin alla presidenza della Confederazione per il 2021. Il vodese, 61 anni, assumerà questa carica per la prima volta.

Per il consigliere federale UDC la sfida sarà importante: dovrà farsi carico della gestione della crisi del coronavirus e difendere l'accordo istituzionale con l'Ue.

Spesso mal valutato nelle classifiche di popolarità dei consiglieri federali, Parmelin avrà il compito di ripristinare la fiducia della popolazione gravemente intaccata dalla pandemia. Il vodese non è una persona che pronuncia frasi "assassine" o sfoghi incisivi, la sua autenticità e semplicità dovrebbero quindi aiutarlo. Dovrà anche convincere anche aldilà del "Röstigraben", lui che generalmente si esprime solo in francese.

Il viticoltore di Bursins è cionondimeno conosciuto per essere un uomo di dialogo. Finito in prima fila a causa delle conseguenze della pandemia di coronavirus per l'economia svizzera, Parmelin ha partecipato a numerose tavole rotonde con gli ambienti economici colpiti dalla crisi. La sua velocità di reazione è stata inizialmente elogiata, ma non sono mancate le critiche, in particolare per l'esitazione nel sostenere i cosiddetti casi di rigore.

Da gennaio, un altro compito attende Guy Parmelin: sarà l'"ambasciatore" della Svizzera sulla scena internazionale. La sua scarsa padronanza delle lingue straniere non gli renderà il lavoro più facile.

In questo ruolo, il democentrista sarà chiamato a firmare l'accordo istituzionale quadro con l'UE, qualora questo sarà approvato dal Consiglio federale. Nel caso contrario dovrà farsi carico della ricerca di una nuova soluzione con Bruxelles.

Contrariamente al collega di partito Ueli Maurer, che ha minacciato di dimettersi in caso di firma dell'accordo, Guy Parmelin è sempre rimasto collegiale. Resta da vedere se nelle vesti di presidente cambierà il suo atteggiamento sulle questioni "care" all'UDC.

Il vodese è alla testa del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) dal 2019, più per ordine del suo partito che per scelta personale. Nonostante abbia imposto una visione più conservatrice al DEFR, Parmelin è riuscito, contrariamente al suo predecessore, a ripristinare la fiducia tra i partner sociali, nonché nell'agricoltura.

Nel caso della nuova politica agricola PA22+, il consigliere federale deve però fronteggiare una parte del suo partito che chiede l'archiviazione del progetto. Altri temi "scottanti" attendono Parmelin, come le iniziative sui pesticidi, il controverso accordo di libero scambio con i Paesi del Mercosur o quello con gli Stati Uniti.

Guy Parmelin è stato eletto il 9 dicembre 2015 al posto di Eveline Widmer-Schlumpf, che non aveva sollecitato un terzo mandato. Come molti consiglieri federali prima di lui, il vodese si è "fatto le ossa" in governo alle redini del Dipartimento federale della difesa (DDPS) per poi passare due anni fa, come detto, al DEFR.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
roma 1 anno fa su tio
...no carne, no pesce!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
1 ora
Grave incidente sulla A9: un morto e tre feriti
È successo oggi all'altezza di Chardonne, nel Canton Vaud. In un secondo incidente si registra un ulteriore ferito
SVIZZERA
3 ore
Piloti vaccinati a terra, anche se servirebbero in cabina
Swiss resta ferma sull'obbligo di vaccinazione. E cancella i voli in assenza di personale
SVIZZERA
5 ore
«Influenza per i vaccinati? È un affronto»
L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron
BERNA / SVEZIA
7 ore
Schianto mortale in Svezia: il camion circolava illegalmente
Il mezzo scontratosi con il minibus che trasportava sette giovani svizzeri appartiene a una ditta che estrae minerali.
SVIZZERA
9 ore
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
SVIZZERA
23 ore
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
SVIZZERA
1 gior
«Dose booster? I più giovani preferiscono ammalarsi»
La popolazione non a rischio mostra reticenza rispetto alla vaccinazione di richiamo.
BERNA/LUCERNA/SAN GALLO
1 gior
Stazioni sciistiche prese d'assalto
Il sabato soleggiato ha portato numerosissimi appassionati sulle piste, provocando lunghe code.
SVIZZERA
1 gior
Il Consiglio federale? «Indecisi e assetati di potere, non osano»
Il Presidente dei Verdi, Balthasar Glättli, ha criticato l'inazione del Consiglio federale
SAN GALLO
1 gior
Frena bruscamente, causa un incidente e poi scappa
Il conducente di una Golf ha costretto le auto dietro di lui a frenare, provocando un incidente
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile