Keystone
SVIZZERA
27.11.20 - 09:500
Aggiornamento : 10:26

La pandemia ancora al centro dei lavori parlamentari

La sessione invernale delle Camere federali si aprirà con l'elezione dei nuovi presidenti, tutti dell'UDC.

Il bernese Andreas Aebi guiderà i dibattiti al Nazionale, lo svittese Alex Kuprecht quelli agli Stati. Guy Parmelin dovrebbe essere eletto presidente della Confederazione.

BERNA - La crisi pandemica terrà ancora banco dal 30 novembre al 18 dicembre durante la sessione invernale delle Camere, appuntamento che si terrà tra severe misure di sicurezza nella speranza che l'esercizio non debba essere interrotto a causa del coronavirus.

In caso di assenza di più parlamentari, il Nazionale ha elaborato una proposta per introdurre, se necessario, il voto da remoto. Gli Stati hanno già respinto un'idea del genere.

Tuttavia, accanto al problema delle fideiussioni solidali e degli affitti, i parlamentari dovranno trattare anche il preventivo 2021, e la legislazione sul tabacco, come anche l'accordo istituzionale con l'Unione Europea che sarà oggetto di una sessione straordinaria il 16 e 17 dicembre.

La sessione sarà anche l'occasione per eleggere i nuovi presidenti dei due rami del parlamento e il presidente della Confederazione. Due rappresentanti dell'UDC guideranno i dibattiti in parlamento: Andreas Aebi di Berna al Consiglio nazionale e Alex Kuprecht di Svitto al Consiglio degli Stati.

Parmelin presidente, Cassis vice - Mercoledì 9 dicembre, il consigliere federale Guy Parmelin, anche lui democentrista, dovrebbe essere eletto presidente della Confederazione. È la prima volta che il sessantunenne occuperà questa carica. Il ticinese Ignazio Cassis (PLR) dovrebbe accedere alla vicepresidenza del Consiglio federale.

Contrariamente alle attese, non ci sarà invece l'elezione del nuovo Procuratore generale della Confederazione: la Commissione giudiziaria non ha trovato candidati idonei alla successione di Michael Lauber. Il concorso è quindi stato riaperto, sperando che in primavera il parlamento possa finalmente pronunciarsi.

Preventivo 2021 - Tradizionale appuntamento della sessione invernale, i dibattiti sul bilancio incominceranno già il 1° dicembre al Consiglio nazionale. Il Consiglio federale stima uscite per 78,3 miliardi di franchi, il 3,9% in più rispetto al 2020, soprattutto a causa delle misure legate alla pandemia.

Qualora la sessione dovesse essere interrotta, è previsto un bilancio d'emergenza che dovrebbe consentire all'amministrazione di lavorare senza ambasce.

Affitti ed esercito - Le Camere dovranno decidere se concedere o meno aiuti per gli affitti dei negozianti in difficoltà che hanno dovuto chiudere in primavera a causa della pandemia. I due rami del parlamento non si sono ancora messi d'accordo: gli Stati sono contrari a una soluzione calata dall'alto che consentirebbe ai gestori di pagare solo il 40% del dovuto.

Le camere avranno anche dare la loro approvazione all'impiego dell'esercito in favore degli ospedali in difficoltà a causa della crisi. Diversi Cantoni hanno già fatto richiesta in tal senso. I militi messi a disposizione saranno al massimo 2'500.

Crediti Covid e accordo quadro - La legge sui crediti garantiti dalla Confederazione per le imprese colpite dalla crisi sarà finalizzata nel corso della sessione. Le camere dovranno decidere se allungare a 8 anni il periodo di rimborso e fissare il tasso d'interesse a 0.

L'accordo istituzionale con l'Ue sarà all'ordine del giorno di una sessione straordinaria fissata per l'ultima settimana. Saranno discusse due mozioni dell'UDC: una chiede chiarimenti sull'intesa con Bruxelles, l'altra di accantonarlo.

Ricerca e tabacco - Ma oltre all'indefettibile preventivo e ai dossier Covid che richiedono risposte urgenti, il Parlamento dovrà anche concludere le discussioni su altri dossier corposi, come la partecipazione della Svizzera al "Orizzonte 2021-2027", anch'esso legato all'UE. Il punto all'ordine del giorno riguarda il finanziamento di 6,154 miliardi. Il mandato negoziale per il rinnovo dell'accordo bilaterale Svizzera-UE su questo pacchetto sarà presentato al Parlamento in un secondo tempo.

La Camera del Popolo dedicherà non meno di quattro giorni all'esame della legge sul tabacco, che mira in particolare a proteggere i giovani dalla pubblicità di questo tipo di prodotti. La commissione competente ha rielaborato il progetto della Camera dei Cantoni in una versione meno rigida.

Il Consiglio Nazionale esaminerà anche la prescrizione di cannabis per scopi medici. Cercherà anche di appianare le divergenze sulla prima parte delle misure per contenere l'aumento dei costi sanitari.

Alloggi a prezzi accessibili - A seguito del voto di febbraio sull'iniziativa per l'edilizia abitativa a prezzi più accessibili, i deputati discuteranno a tale proposito di un credito di 1,7 miliardi volto ad agevolare la costruzione di edifici di pubblica utilità.

Il Consiglio degli Stati tratterà tre iniziative parlamentari della destra, così come una mozione della commissione, destinate a modernizzare la legislazione sugli affitti. La politica agricola per il 2022, che ha subito una battuta d'arresto, è inserita nell'agenda dei "senatori".

Il Consiglio degli Stati affronterà anche l'iniziativa popolare che intende combattere i prezzi maggiorati praticati in Svizzera e il suo contro-progetto indiretto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
14 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
14 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
15 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
16 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
19 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
19 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
22 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
22 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
22 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile