deposit
SVIZZERA
25.11.20 - 13:390

Più donne ai vertici di aziende e istituti parastatali

Il Consiglio federale ha deciso di portare la quota di rappresentanza di entrambi i sessi dal 30 al 40%.

Nuovi valori di riferimento anche per la rappresentanza linguistica.

BERNA - In futuro ci dovranno essere più donne negli organi direttivi superiori di imprese e istituti parastatali. Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale, che ha portato la quota di rappresentanza di entrambi i sessi dal 30 al 40%.

Le nuove prescrizioni, che entreranno in vigore il prossimo primo gennaio, riguardano poco meno di una trentina di aziende e istituti, ad esempio La Posta, FFS, ma anche RUAG, Svizzera Turismo, SSR SRG e il settore dei Politecnici federali.

Le imprese e gli istituti parastatali dovranno raggiungere questa quota minima al più tardi entro la fine del 2023, indica un comunicato governativo, precisando che nel sottoporre le proposte per l'elezione di un nuovo membro negli organi direttivi superiori, «i Dipartimenti sono tenuti a commentare eventuali scostamenti dai valori di riferimento e dalla quota posta come obiettivo».

La percentuale imposta è superiore a quella prevista per le imprese quotate in borsa (che si attesta al 30%), sottolinea il governo.

Maggior rappresentanza linguistica - Il Consiglio federale ha inoltre stabilito che deve essere garantita anche un'equa rappresentanza delle comunità linguistiche e ha modificato i valori di riferimento di esse: attualmente sono infatti in vigore i valori emersi dal censimento federale della popolazione del 2010. Tuttavia, spiega l'esecutivo, negli ultimi dieci anni "la ripartizione delle lingue nazionali nella popolazione residente permanente in Svizzera è cambiata".

A partire dal prossimo primo gennaio, i valori di riferimento sono dunque stati adeguati come segue: tedesco 62,2% (attualmente si attesta al 65,5%), francese 22,9% (da 22,8%), italiano 8,0% (da 8,4%) e romancio 0,5% (da 0,6%).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 min
«42 reazioni avverse al vaccino»
Il dato è stato comunicato da Swissmedic: in Svizzera per ora sono state vaccinate quasi 170'000 persone.
SVIZZERA
39 min
Altro calo dei contagi in Svizzera
Nelle ultime 24 ore sono pure state ospedalizzate 92 persone.
FOTO
GRIGIONI
1 ora
Uno schianto in mezzo alla bufera
Uno scontro frontale sul Passo del Bernina ha provocato il ferimento di una donna ieri sera.
SVIZZERA
3 ore
Quel box di sterilizzazione dell'aria che provoca danni a occhi e pelle
Richiamati i prodotti della Yves Swiss. Il problema si presenta solo sui vecchi modelli
BASILEA CITTÀ
3 ore
Protesta contro le banche, prosciolti gli attivisti di UBS
A luglio 2019 occuparono l'ingresso della banca. Ma il mese scorso UBS ha ritirato le denunce penali
SVIZZERA
3 ore
Quasi 170'000 svizzeri sono già stati vaccinati
Ticino esempio virtuoso: siamo sopra la media nazionale con 2,92 vaccinati ogni 100 abitanti (10'275 persone in totale)
SVIZZERA
5 ore
Covid e mercato immobiliare, il rischio bolla si sgonfia
Nell'ultimo trimestre del 2020 l'indice RERI si è fissato a 3,5 punti
FRIBURGO
6 ore
Il minicircuito del piccolo astro del motocross deve essere raso al suolo
Il padre di Ryan Oppliger è infuriato. La pista allestita in casa non piace alle autorità.
SVIZZERA
7 ore
La Svizzera teme le donne col burqa
Il 63% dei cittadini intende accettare l'iniziativa che chiede il divieto di dissimulazione del volto
SVIZZERA
14 ore
«In una crisi, i ricchi non valgono di più»
Immunizzato nonostante non soddisfacesse i criteri: fa discutere il caso del miliardario Johann Rupert
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile