Keystone
SVIZZERA
28.10.20 - 19:410
Aggiornamento : 20:03

Provvedimenti contro il coronavirus: «Un passo inevitabile»

I partiti politici sono generalmente soddisfatti per le decisioni prese oggi dal Governo.

IL PLR critica però l'obbligo della mascherina all'aperto, la sinistra chiede compensazioni economiche adeguate. L'UDC si appella alla responsabilità individuale.

BERNA - Diversi partiti hanno accolto tutto sommato positivamente le decisioni odierne prese dal Consiglio federale per la lotta al coronavirus. Per PS, Verdi e PLR si è trattato di un passo inevitabile. L'UDC fa appello alla responsabilità individuale.

Il PLR sostiene chiaramente la maggioranza delle misure annunciate, «anche se si avvicinano al limite di quando accettabile dai liberali», mentre l'obbligo della mascherina all'aperto supera chiaramente questo confine, si legge in una presa di posizione.

Il partito chiede al governo di sostenere le imprese e gli indipendenti. Mentre bisogna fare di tutto per evitare un secondo confinamento, che sarebbe devastante per il mondo del lavoro.

Pur respingendo un secondo confinamento, le misure vengono ben accolte anche dall'UDC, poiché permettono «simultaneamente di proteggere la salute delle persone e di proseguire la vita sociale ed economica». La formazione di destra fa appello alla responsabilità personale dei cittadini: «Tutti devono preoccuparsi di rimanere in salute, in modo da proteggere anche gli altri».

Dal canto suo, il PS è soddisfatto delle misure, ma non capisce perché si esiti sulle compensazioni economiche urgenti «per assicurare la sopravvivenza delle PMI colpite dalla crisi», scrive la formazione di sinistra in un comunicato.

Anche i Verdi chiedono misure economiche immediate: la regolamentazione sui casi di rigore, adottata dal Parlamento, deve entrare in vigore in novembre e non in gennaio come previsto. Oltre a questo, serve un programma di impulsi incentrati su ecologia e socialità per creare gli impieghi del futuro. 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
5 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
5 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
10 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
10 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
12 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
13 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
13 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
14 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
15 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
15 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile