Keystone
SVIZZERA
28.10.20 - 19:410
Aggiornamento : 20:03

Provvedimenti contro il coronavirus: «Un passo inevitabile»

I partiti politici sono generalmente soddisfatti per le decisioni prese oggi dal Governo.

IL PLR critica però l'obbligo della mascherina all'aperto, la sinistra chiede compensazioni economiche adeguate. L'UDC si appella alla responsabilità individuale.

BERNA - Diversi partiti hanno accolto tutto sommato positivamente le decisioni odierne prese dal Consiglio federale per la lotta al coronavirus. Per PS, Verdi e PLR si è trattato di un passo inevitabile. L'UDC fa appello alla responsabilità individuale.

Il PLR sostiene chiaramente la maggioranza delle misure annunciate, «anche se si avvicinano al limite di quando accettabile dai liberali», mentre l'obbligo della mascherina all'aperto supera chiaramente questo confine, si legge in una presa di posizione.

Il partito chiede al governo di sostenere le imprese e gli indipendenti. Mentre bisogna fare di tutto per evitare un secondo confinamento, che sarebbe devastante per il mondo del lavoro.

Pur respingendo un secondo confinamento, le misure vengono ben accolte anche dall'UDC, poiché permettono «simultaneamente di proteggere la salute delle persone e di proseguire la vita sociale ed economica». La formazione di destra fa appello alla responsabilità personale dei cittadini: «Tutti devono preoccuparsi di rimanere in salute, in modo da proteggere anche gli altri».

Dal canto suo, il PS è soddisfatto delle misure, ma non capisce perché si esiti sulle compensazioni economiche urgenti «per assicurare la sopravvivenza delle PMI colpite dalla crisi», scrive la formazione di sinistra in un comunicato.

Anche i Verdi chiedono misure economiche immediate: la regolamentazione sui casi di rigore, adottata dal Parlamento, deve entrare in vigore in novembre e non in gennaio come previsto. Oltre a questo, serve un programma di impulsi incentrati su ecologia e socialità per creare gli impieghi del futuro. 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
3 ore
«Non posso lasciare morire mio figlio»
Danyar ha una rara malattia ereditaria. I medici gli hanno dato tre anni di vita. Ma c'è una possibilità di salvezza.
SVIZZERA
4 ore
La "puntura svizzera" ci guarirà dal Covid?
Il trattamento made in Switzerland finanziato da Novartis: al via la fase di test clinici
VALLESE
8 ore
Incidente aereo: «È stato impressionante»
Tragedia sfiorata oggi pomeriggio in Vallese. E le foto sono a dir poco suggestive
SVIZZERA
9 ore
Il virus rende difficili le vacanze invernali
Il settore turistico elvetico è confrontata con un calo delle prenotazioni: -19% a Natale e -18% a febbraio
SVIZZERA / MONDO
10 ore
Ne uccide di più la sigaretta che il virus
Lo rivela la Lega Polmonare Ticinese nel mese della prevenzione e della promozione della salute polmonare.
ZURIGO
11 ore
Incriminato per un delitto di 23 anni fa
Già in prigione per una brutale rapina, l'uomo dovrà rispondere dell'uccisione di una 87enne a Küsnacht.
FRIBURGO
11 ore
«I residenti sono sempre più depressi e si lasciano morire»
Il grido d'allarme è stato lanciato dalle EMS del canton Friburgo.
ZURIGO
11 ore
A incendiare la chiesa è stato un 15enne
Il minore è stato arrestato. Danni per decine di migliaia di franchi
SVIZZERA
11 ore
Berset ricattato, inchiesta sull'Mpc
L'autorità di vigilanza vuole capire se la Procura federale ha agito correttamente
SVIZZERA
13 ore
Il Covid-19 rallenta pure l'HIV
Con la chiusura di club e bar, ad esempio, le persone hanno avuto meno possibilità di incontrarsi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile