Keystone
SVIZZERA
28.10.20 - 19:410
Aggiornamento : 20:03

Provvedimenti contro il coronavirus: «Un passo inevitabile»

I partiti politici sono generalmente soddisfatti per le decisioni prese oggi dal Governo.

IL PLR critica però l'obbligo della mascherina all'aperto, la sinistra chiede compensazioni economiche adeguate. L'UDC si appella alla responsabilità individuale.

BERNA - Diversi partiti hanno accolto tutto sommato positivamente le decisioni odierne prese dal Consiglio federale per la lotta al coronavirus. Per PS, Verdi e PLR si è trattato di un passo inevitabile. L'UDC fa appello alla responsabilità individuale.

Il PLR sostiene chiaramente la maggioranza delle misure annunciate, «anche se si avvicinano al limite di quando accettabile dai liberali», mentre l'obbligo della mascherina all'aperto supera chiaramente questo confine, si legge in una presa di posizione.

Il partito chiede al governo di sostenere le imprese e gli indipendenti. Mentre bisogna fare di tutto per evitare un secondo confinamento, che sarebbe devastante per il mondo del lavoro.

Pur respingendo un secondo confinamento, le misure vengono ben accolte anche dall'UDC, poiché permettono «simultaneamente di proteggere la salute delle persone e di proseguire la vita sociale ed economica». La formazione di destra fa appello alla responsabilità personale dei cittadini: «Tutti devono preoccuparsi di rimanere in salute, in modo da proteggere anche gli altri».

Dal canto suo, il PS è soddisfatto delle misure, ma non capisce perché si esiti sulle compensazioni economiche urgenti «per assicurare la sopravvivenza delle PMI colpite dalla crisi», scrive la formazione di sinistra in un comunicato.

Anche i Verdi chiedono misure economiche immediate: la regolamentazione sui casi di rigore, adottata dal Parlamento, deve entrare in vigore in novembre e non in gennaio come previsto. Oltre a questo, serve un programma di impulsi incentrati su ecologia e socialità per creare gli impieghi del futuro. 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
«In una crisi, i ricchi non valgono di più»
Immunizzato nonostante non soddisfacesse i criteri: fa discutere il caso del miliardario Johann Rupert
VAUD
8 ore
Focolaio in un albergo vodese
È stato scoperto in una struttura di Villars-Gryon: tredici dipendenti sono risultati positivi al coronavirus
SVIZZERA
9 ore
Scuola reclute azzoppata dall'obbligo di telelavoro
I problemi riscontrati questa settimana sarebbero dovuti al sovraccarico del sistema informatico gestito da Ruag.
SVIZZERA
10 ore
FFP2, chirurgiche, in tessuto: quale scegliere?
Come indossare correttamente la mascherina? E per quanto tempo? Qual è la più efficace?
SVIZZERA
11 ore
Da domani i dati cantonali sul numero di vaccinati
Dovevano già essere disponibili da qualche giorno, ma ci sono stati alcuni problemi tecnici
ZURIGO
11 ore
A Zurigo mascherine obbligatorie dalla quarta elementare
Nelle scuole secondarie, il numero di allievi presenti in aula sarà inoltre dimezzato.
SVIZZERA
12 ore
Le conseguenze della seconda ondata: depressione raddoppiata
La Task Force Covid-19 parla di sintomi depressivi gravi nel 18% degli intervistati e cerca soluzioni
SVIZZERA
14 ore
Dieci giorni di quarantena sono troppi: ecco le tre proposte
Le misure sono in consultazione presso i Cantoni fino a venerdì
SVIZZERA
14 ore
Chi esporta è un po' più ottimista, ora
Le piccole e medie imprese orientate verso l'estero guardano con moderata fiducia a questo primo semestre
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera i nuovi casi sono 2'205, i decessi 47
Nelle ultime 24 ore 28'094 persone si sono sottoposte al tampone: il 7,8% è risultato positivo al Covid-19.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile