Keystone
SVIZZERA
21.10.20 - 14:300
Aggiornamento : 15:00

Premi di cassa malati, il Governo presenta la sua soluzione

Per il Consiglio federale l'iniziativa "per premi meno onerosi" non tiene conto dei costi, ma solo dei sussidi.

Per questo motivo propone di vincolare il contributo dei Cantoni ai loro costi sanitari lordi. Altrimenti i Cantoni non avrebbero alcun incentivo a risparmiare.

BERNA - Il Consiglio federale respinge l’iniziativa popolare «Al massimo il 10 per cento del reddito per i premi delle casse malati (Iniziativa per premi meno onerosi)», opponendole un controprogetto indiretto e proponendo che la parte cantonale versata per la riduzione individuale dei premi (RIP) sia vincolata ai costi sanitari lordi. Nella sua riunione odierna, ha avviato una procedura di consultazione concernente una modifica della legge sull’assicurazione malattie (LAMal).

L’iniziativa chiede che i premi dell’assicurazione malattie obbligatoria non superino il 10% del reddito disponibile. A tale scopo la RIP dovrebbe essere finanziata per almeno due terzi dalla Confederazione e il resto dai Cantoni. Il Consiglio federale riconosce che i premi dell’assicurazione malattie gravano sul bilancio delle economie domestiche. Tuttavia si oppone all’iniziativa, perché questa si concentra unicamente sul finanziamento dei sussidi, senza tenere conto del contenimento dei costi sanitari. Per migliorare il finanziamento delle riduzioni dei premi, il Consiglio federale propone un controprogetto indiretto che prevede di vincolare il contributo dei Cantoni ai loro costi sanitari.

Contributo minimo dai cantoni - Le riduzioni dei premi sono finanziate dalla Confederazione e dai Cantoni. Questi ultimi sono tenuti dalla legge ad accordare una RIP agli assicurati di condizioni economiche modeste. Nel 2019 ne beneficiava più del 27% di questi ultimi, ossia 2 milioni di persone. Nel corso degli ultimi anni, alcuni Cantoni hanno ridotto il loro contributo, creando una grande disparità tra i sussidi accordati. Nel 2010, i Cantoni contribuivano ancora per il 50% alla RIP. Nel 2019 questo tasso si è ridotto al 43%, mentre nello stesso periodo il
premio medio dell’assicurazione malattie è aumentato in media del 3,2% all’anno.

Il calcolo - Il controprogetto del Consiglio federale prevede che ogni Cantone versi un contributo minimo vincolato ai suoi costi sanitari lordi. Questo contributo minimo corrisponde a una percentuale dei costi lordi cantonali calcolati addizionando i premi dell’assicurazione malattie pagati dagli assicurati del Cantone con le partecipazioni ai costi da loro versati. Se i premi pagati dagli assicurati di un Cantone rappresentano in media più del 14% del loro reddito disponibile, il Cantone in questione dovrà destinare un importo equivalente al 7,5% dei costi sanitari lordi per ridurre i premi degli assicurati. Nel caso in cui i premi rappresentano al massimo il 10% del reddito disponibile, la percentuale minima sarà al massimo del 4%. Se i premi rappresentano in media tra il 10 e il 14% del reddito disponibile, l’importo da versare da parte del Cantone raggiungerà il 5% dei costi sanitari lordi.

Con il controprogetto, i Cantoni con i costi sanitari più elevati e nei quali il carico dei premi che grava sulle economie domestiche è maggiore, globalmente dovranno pagare di più dei
Cantoni che hanno costi più bassi. Pertanto i Cantoni saranno incentivati a limitare l’aumento dei costi sanitari. Per contro, il contributo federale rimarrebbe immutato al 7,5% dei costi sanitari lordi.

Nessun incentivo a risparmiare - Il Consiglio federale deplora in particolare il fatto che la Confederazione si ritroverebbe a dover sussidiare la maggior parte della RIP, mentre è risaputo che i costi sanitari sono fortemente influenzati dalle decisioni cantonali. È il caso, per esempio, della pianificazione ospedaliera o delle tariffe di alcuni professionisti della salute. In questo senso, l’iniziativa non crea sufficienti incentivi al contenimento dei costi sanitari. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
fgreto 4 mesi fa su tio
Non se ne puó più !!!! Basta per favore Basta fate qualcosa con queste casse malati ogni anno la stessa musica BASTA .
seo56 4 mesi fa su tio
Questa volta ha ragione il Governo!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
2 ore
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
ARGOVIA
2 ore
Cadavere trovato un anno fa in una grotta: «Fu omicidio»
Il corpo, ritrovato senza vita il 5 aprile 2020 vicino a Brügg, apparteneva a un 24enne zurighese scomparso nel 2019.
SVIZZERA
3 ore
Una pandemia di donne arrabbiate
In Svizzera il Covid ha colpito l'occupazione femminile. Ma le relazioni coniugali ne hanno beneficiato
SVIZZERA
4 ore
«Vogliono zittire la scienza»
I Verdi lanciano un appello in difesa della task-force Covid
SVIZZERA
4 ore
Sunrise e UPC mantengono i nomi, e ora regalano abbonamenti e laptop
Sunrise e UPC hanno deciso di non eliminare i propri marchi nonostante la fusione. Offerte, vantaggi e regali
SVIZZERA
6 ore
L'immagine della Svizzera «scalfita» dalla pandemia
Lo sostiene Nicolas Bideau, direttore di Presenza Svizzera. Ma aggiunge che il paese è equipaggiato per questa sfida
SVIZZERA
6 ore
La crisi del cioccolato svizzero
La produzione è in calo. E anche noi ne mangiamo meno: per la prima volta dal 1982 consumi sotto i 10 chili a testa
SVIZZERA
6 ore
Bene cibo e hi-tech, male il resto
Il commercio al dettaglio ha sofferto nel mese di gennaio, con alcune eccezioni. I dati dell'UST
SVIZZERA
6 ore
Anche i giocattoli colpiti dalla crisi del coronavirus
Nel 2020 Franz Carl Weber ha perso 2 milioni di franchi. È però stato registrato un aumento delle vendite online
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile