Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
05.10.20 - 13:030

«Niente doppio passaporto per chi ci rappresenta»

Torna alla ribalta la proposta, da parte del consigliere nazionale UDC Andreas Glarner

Con gli attivisti per il clima davanti a Palazzo Federale, Glarner ha puntato il dito contro la sua collega in parlamento, l'ecologista svizzera-turca Sibel Arslan.

BERNA - I binazionali non rappresenterebbero a sufficienza gli interessi della Svizzera e di chi li elegge. Parola di Andreas Glarner, consigliere nazionale argoviese per l'UDC, che vorrebbe escluderli dalle Camere federali, come indicato dallo stesso ieri in un'intervista alla SonntagsZeitung. Un tentativo esperito anche in passato, ma finora andato a vuoto.

«Qua c'è ordine, non come al tuo Paese» - All'origine di questa presa di posizione, non ancora realizzata al momento mediante uno specifico atto parlamentare come annunciato dallo stesso deputato alle colonne del domenicale zurighese, un diverbio con la sua collega in parlamento, l'ecologista binazionale (CH-Turchia) Sibel Arslan di Basilea Città. Diverbio andato in scena davanti a Palazzo federale in occasione della sessione autunnale del Parlamento, quando gli attivista per il clima avevano occupato Piazza federale.

In un video che ha spopolato sui social e sulle pagine online di numerosi portali (qui su 20 Minuten), Arslan e Glarner discutono animatamente in dialetto svizzerotedesco sull'opportunità di quella manifestazione non autorizzata, con Glarner che a un certo punto ricorda alla controparte la necessità di «garantire ordine e stato di diritto, ciò che non esisterebbe nel suo Paese di origine». Un rilievo che la stessa Arslan non ha preso bene, ricordandogli di «essere svizzera tanto quanto lui» e accusandolo di «scorrettezza».

Lui ribatte alla polemica così - Lo scambio di opinioni tra i due consiglieri nazionali ha sollevato molte polemiche, sui media e sui social, con richieste anche di dimissioni dello stesso Glarner. Quest'ultimo ha risposto con l'intervista di ieri in cui promette di battersi affinché i binazionali non possano più farsi eleggere in parlamento.

Finora non è andata - Non è la prima volta che una richiesta del genere finisce sui banchi dei parlamentari. Qualora Glarner dovesse far seguire gli atti alle parole, non gli sarà facile tuttavia coagulare attorno a sé una maggioranza, anche perché vi sono diversi esponenti del suo stesso partito che possiedono la doppia cittadinanza.

L'11 dicembre 2018, il Consiglio nazionale ha respinto a larga maggioranza un'iniziativa parlamentare del ticinese UDC Marco Chiesa volta a proibire la doppia cittadinanza per i membri del governo. Destino simile un anno prima per una mozione della Lega dei Ticinesi con cui si auspicava di limitare il numero di passaporti dei Consiglieri federali, dei parlamentari o dei diplomatici. Nel suo atto parlamentare, il consigliere nazionale ticinese Lorenzo Quadri ricordava che, in Australia, si erano verificate partenze obbligate sia dal Parlamento che dal governo di deputati e ministri binazionali. La Costituzione australiana vieta infatti agli eletti di avere più di una nazionalità per motivi di lealtà allo Stato. Secondo il deputato leghista, la questione doveva porsi anche in Svizzera, come mostrato dall'elezione dell'allora nuovo consigliere federale, Ignazio Cassis (all'epoca in possesso ancora del passaporto italiano).

Nel 2016, sempre il Nazionale aveva risposto "picche" a un'altra mozione simile, inoltrata dall'UDC, in cui si chiedeva di escludere dalla carriera diplomatica i binazionali. Nel 2009, il nazionale aveva bocciato un'altra mozione democentrista che mirava a privare della nazionalità svizzera quei binazionali resisi colpevoli di gravi crimini o colpevoli di approfittare delle prestazioni sociali senza averne diritto (ora è possibile revocare la naturalizzazione ai terroristi, n.d.r).

Doppia cittadinanza dal 1992 - Nel 2005, infine, il Consiglio federale chiedeva di respingere una mozione dell'allora consigliera nazionale Jasmin Hutter (UDC/SG), con cui si voleva vietare la doppia nazionalità, di cui la Hutter criticava il "carattere opportunista". Il governo ricordava che dal 1992 il diritto svizzero ammette la doppia cittadinanza, senza restrizioni. Un adeguamento realizzato dopo che era stato deciso di accordare automaticamente, dal 1. luglio 1985, il passaporto rossocrociato ai figli di coppie binazionali. Attualmente, sottolineava l'esecutivo, quasi un terzo dei matrimoni avviene tra svizzeri e stranieri. Numerose persone acquisiscono dunque inevitabilmente la duplice cittadinanza per filiazione. Inoltre, oltre il 70% degli svizzeri residenti all'estero hanno la doppia cittadinanza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
NEUCHÂTEL
6 min
Brucia una palazzina: quattro feriti
L'incendio è divampato la scorsa notte a Cressier: un ferito versa in gravi condizioni.
VAUD
1 ora
Venduta la villa dell'ex dittatore
La tenuta di Savigny, appartenuta a Mobutu Sese Seko, era stata acquistata all'asta da UBS nel 2016.
SVIZZERA
2 ore
Vaccinazioni: mai così tante dosi contro l'influenza
In Svizzera ne sono state ordinate 1,95 milioni, mentre lo scorso anno erano 1,18 milioni
GRIGIONI
4 ore
Nel fiume col carrello elevatore: operaio ferito
L'incidente si è verificato ieri a Coira nell'ambito di un cantiere su un ponte pedonale
SOLETTA
13 ore
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
17 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
17 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
17 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
19 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
19 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile