Keystone (archivio)
SVIZZERA
27.09.20 - 18:240
Aggiornamento : 19:07

I jet superano per un soffio la contraerea popolare

I cittadini svizzeri hanno accettato sul filo di lana l'acquisto dei nuovi aerei da combattimento.

La differenza finale tra i no e i sì è stata di sole 9'743 schede.

BERNA - I velivoli da combattimento superano per un soffio la contraerea del popolo svizzero: il 50,2% dei votanti ha accettato di spendere sei miliardi di franchi per rinnovare la flotta a disposizione dell'aeronautica. La differenza fra i sì è i no è stata di solo circa 9'743 schede. «Questo sì risicato non è un assegno in bianco, ma pur sempre un "sì"», ha sottolineato la consigliera federale Viola Amherd. «Accettando il decreto federale, il popolo svizzero ha comunque consentito all'esercito di adempiere i suoi compiti e proteggere la popolazione contro eventuali attacchi aerei. Si tratta di un impegno a lungo termine in favore della sicurezza della Svizzera, della sua popolazione e delle sue infrastrutture». 

Contrariamente a quanto indicato dai sondaggi della vigilia, che davano il sì abbastanza solido (58%), il risultato è stato in bilico tutto il giorno e l'esito finale è giunto solo dopo le 17.00. Stando ai dati provvisori diffusi dalla Confederazione - che differiscono lievemente da quelli sin qui calcolati sommando i dati comunicati dalle cancellerie cantonali - il decreto federale è stato approvato da 1'604'899 persone, mentre i no sono stati 1'595'156. A livello di cantoni la partita è finita in modo molto più netto: 18 a 8.

La geografia del voto mostra uno spaccato fra una campagna favorevole e le città scettiche: grazie anche all'elevata partecipazione (si è attestata al 59%) gli oppositori hanno sperato sino all'ultimo che sul piatto della bilancia avrebbero da ultimo esercitato il loro peso le agglomerazioni. Ma Zurigo alla fine ha deciso il match, schierandosi con il 50,3% nel campo dei fautori dell'acquisto.

Intorno alle autorità e all'esercito si sono mossi compatti i cantoni della Svizzera primitiva (campione assoluto è Nidvaldo, con il 65,7% di sì), realtà come i Grigioni (53,0%) e numerose regioni della Svizzera tedesca. Hanno invece votato contro il Ticino (52,8% di no), insieme ai due Basilea, Friburgo, Vaud, Ginevra, Neuchâtel e Giura (68,6%), che si è mostrata la regione oggi politicamente più lontana dai palazzi del potere bernesi.

Come noto si trattava di autorizzare una spesa massima di 6 miliardi di franchi per acquistare jet destinati a rimpiazzare i 26 F-5 Tiger e i 30 F/A-18 che, a detta dei vertici dell'esercito, stanno diventando o sono già obsoleti. Nel 2014 il popolo si era opposto all'acquisto dei Gripen, che sarebbero peraltro costati la metà: questa volta la scelta del velivolo avverrà solo in un secondo tempo.

Le critiche al progetto sono venute soprattutto da sinistra: gli oppositori hanno parlato di una spesa di 24 miliardi - sull'arco dell'intero utilizzo dei velivoli - assolutamente senza senso. A loro avviso la Svizzera farebbe meglio a prepararsi ad altre minacce quali catastrofi, attacchi cibernetici, pandemie e cambiamento climatico.

Per il campo del sì - che comprendeva tutti i partiti borghesi - le nuove forme di guerra non sostituiscono le vecchie minacce: si trattava di decidere su una politica di sicurezza e sulla neutralità. Il popolo ha dato loro ragione, anche se solo per un soffio.

Secondo il vicepresidente PS Roger Nordmann l'esito risicato del voto mostra comunque che l'esercito ha un problema di credibilità. La consigliera nazionale Regula Rytz (Verdi/BE) non ha esitato a parlare di risultato «sensazionale», viste le promesse. Anche la collega Priska Seiler Graf (PS/ZH) ha detto che la quota di no è insperata.

L'analisi viene condivisa dal fronte avverso, quello a favore del progetto di Consiglio federale e parlamento. «Che non ci si potesse attendere un risultato-bomba in tempi economicamente difficili era chiaro», ha affermato il consigliere nazionale Lorenz Hess. «Ma non avremmo mai pensato che un 58% segnalato dai sondaggi diventasse improvvisamente un 50%».

Pure il presidente della Società svizzera degli ufficiali (SSU) Stefan Holenstein fa autocritica. «La situazione è del tutto inaspettata, speravamo in un risultato molto più netto», ha detto. A suo avviso i promotori non sono riusciti a portare avanti in modo sufficientemente deciso gli argomenti a favore dell'operazione. «I 6 miliardi di franchi hanno evidentemente fatto paura», ha osservato.

Ora parte la fase di valutazione dei velivoli. In corsa vi sono due apparecchi americani - l'F-35 e l'F/A-18 Super Hornet - e altrettanti europei, il Rafale e l'Eurofighter. Ma la strada potrebbe non essere tutta in discesa: per il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) la sconfitta odierna è solo un inizio, e non una fine. L'organizzazione è pronta a lanciare un'iniziativa popolare contro la precisa scelta di un concreto velivolo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tazmaniac 1 anno fa su tio
male, un investimento su una contraerea con i contro....sarebbe stata, se necessario, più utile e più funzionale, vabbè, speriamo non dover mai cercare di utilizzare gli aerei. E dico cercare perchè, in caso di necessità, saranno i primi ad essere liquidati dal nemico, lo sanno anche i sassi, tranne i nostri strateghi militari e buona parte del popolo svizzero...
El Jardinero 1 anno fa su tio
Male, soldi buttati nel water.
pulp 1 anno fa su tio
@El Jardinero Sicuramente meno peggio dei miliardi che regaliamo in giro per il mondo per progetti umanitari che sono farlocchi ancor prima di iniziare.
Tato50 1 anno fa su tio
@pulp A cominciare dall'UE per non parlare dei 340 milioni regalati al Belpaese, prima la Leuthard e un mese fa la Sommaruga per mettere a giorno la loro ferrovia adeguandoli ai criteri di Alptransit e Sempione.
sedelin 1 anno fa su tio
penagia!
pulp 1 anno fa su tio
Bene, anche se come prevedibile quelli del no stanno già starnazzando per fare un altro referendum (e quelli li paghiamo noi tutti…. come accaduto in passato già diverse volte). Comunque é impressionante come leggendo i commenti si capisce quanto poco siano stati approfonditi i temi.
Mat78 1 anno fa su tio
@pulp Quelli che non sanno accettare il verdetto popolare tranne quando vincono? A si, quello rosso-verdi che bisogna rivotare fin che non si vota "giusto"...
Tio1949 1 anno fa su tio
Ce li pattugliamo noi,ma dalle 8-12 /14-17.
Mat78 1 anno fa su tio
@Tio1949 E invece ce li pattuglieremo 24/h visto che l'acquisto è passato...buona giornata e buon rosic!
Mat78 1 anno fa su tio
Vola, aeroplano vola! Prossimo tentativo tra 20 anni. Intanto i nostri cieli ce li pattugliamo ancora noi. Saluti GSoA.
Ben8 1 anno fa su tio
M....
Viperus 1 anno fa su tio
Quelli che hanno voluto questi inutili aerei ora se li paghino da soli.... :-(
bledsoe 1 anno fa su tio
@Viperus Perché non facciamo lo stesso con gli aiuti sociali allora? Sarei d'accordissimo!
pontsort 1 anno fa su tio
@Viperus Quindi chi ha voluto il lupo deve tenerselo in casa?
Evry 1 anno fa su tio
@Viperus Cresci che forse capirai.......
Tato50 1 anno fa su tio
@pontsort Almeno un cucciolo. Poi quando sarà adulto potrà portarlo in Stazione e sceglierà lui da destinazione (spero il Viale ) ;-))
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
12 min
Scontro tra un auto e un treno
È successo nel Canton Berna. Fortunatamente non si registrano feriti
FOTO
ZURIGO
41 min
Entrano in casa, li legano, e fuggono con gioielli e denaro
La polizia è alla ricerca dei malviventi autori di un colpo avvenuto, questa mattina, in una villetta a Oberengstringen.
SVIZZERA
1 ora
Lungo autostrade e ferrovia c'è energia da sfruttare
Con l'installazione d'impianti fotovoltaici sui ripari fonici, si potrebbero ricavare 101 GWh all'anno
BERNA
2 ore
Per cambiare sesso bastano 75 franchi
Una modifica di legge permette di sveltire il cambio nello stato civile.
SVIZZERA
2 ore
Un anno in più di Covid Pass dopo la terza dose
Durante la conferenza stampa di ieri gli esperti avevano erroneamente detto che il pass non sarebbe stato prolungato.
SVIZZERA
12 ore
Terza dose. Con quale vaccino? Da quando? E il certificato?
Domande e risposte sulla vaccinazione anti-Covid di richiamo, approvata oggi da Swissmedic per le persone a rischio
BASILEA
16 ore
Il controllore omicida è al sicuro a Hong Kong
Karim Ouali ha fatto perdere le sue tracce nel 2011. Ora la Cina non vuole estradarlo
GRIGIONI
18 ore
«Vogliamo che venga finalmente rinchiuso»
Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza
FOTOGALLERY
VAUD
20 ore
Tonnellate di spazzatura disseminate sull'A1
Un incidente avvenuto stamattina ha causato la chiusura dell'autostrada fra Nyon e Gland fino alle 18.
BERNA
21 ore
«I contagi continueranno ad aumentare»
Patrick Mathys in merito alla pandemia: «Solo in due cantoni il tasso di riproduzione è ancora sotto l'1»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile