Keystone
Nel canton Uri si vota sul potenziamento della rete ciclabile
GINEVRA
27.09.20 - 08:000

Pioggia di votazioni cantonali a Ginevra e Uri

Molti quesiti per gli abitanti dei due cantoni, dal salario minimo alle ciclabili. Altri nove alle urne.

GINEVRA - Gli svizzeri si esprimono oggi su cinque temi federali, ma, in alcuni cantoni, l'impegno richiesto ai votanti è ancora più alto. Come a Ginevra, dove alle votazioni di portata nazionale si sommano cinque quesiti cantonali. O nel vicino canton Uri, che interroga i suoi cittadini su sei oggetti locali.

A Ginevra tra salario minimo e parcheggi - I ginevrini si esprimono oggi su due iniziative popolari, due referendum obbligatori e uno facoltativo.

La prima proposta, denominata "Zero perdite: Garantire le risorse pubbliche, le prestazioni e la creazione d'impieghi", chiede di agire in favore della riduzione della concorrenza fiscale intercantonale mantenendo in particolare il livello d'imposizione e rafforzando la progressività delle imposte. La seconda, "23 franchi sono il minimo", prevede d'istituire un salario minimo orario di 23 franchi l'ora per tutti i settori. Il Gran Consiglio ha bocciato entrambe le iniziative senza opporre loro alcun controprogetto.

Altro tema è la reintroduzione della presidenza del Consiglio di Stato su base annuale dopo che, nel 2012, era stata decisa una presidenza della durata di una legislatura. Altri oggetti sono la compensazione dei posteggi soppressi in centro città (si chiede che non sia più obbligatoria) e il finanziamento dell'Istituto di mantenimento, aiuto e cure a domicilio (IMAD).

Nel canton Uri imposte, bici e sciopero - Gli urani votano invece su cinque modifiche legislative e un credito. Due temi riguardano direttamente la mobilità lenta, in particolare l'uso della bicicletta. La modifica della legge sui sentieri vuole creare la base legale per la pianificazione di sentieri per mountain bike. Ai cittadini si chiede inoltre di approvare un credito di 7,7 milioni di franchi per lo sviluppo del concetto cantonale di piste ciclabili con ulteriori 19 tratte di 9,1 chilometri complessivi.

Altri temi sono la compensazione e la distribuzione del carico amministrativo in materia d'imposizione fiscale tra Cantone e Comuni, l'aumento delle indennità per la formazione destinate alle famiglie e l'aggiornamento delle norme sul diritto allo sciopero.

A Zurigo i Comuni chiamano alla cassa il Cantone. Si vota su una maggiore partecipazione di quest'ultimo alle spese per la socialità e sul cofinanziamento delle strade comunali attraverso il fondo cantonale per le strade.

A Lucerna un'iniziativa popolare chiede che i nuovi inquilini siano obbligatoriamente informati sulla pigione pagata dagli affittuari precedenti. Il titolo: "Giusti fin dall'inizio, grazie a una pigione precedente trasparente!". 

Nel Canton Svitto una modifica della legge sulla scuola prevede che possano essere create delle classi speciali per allievi particolarmente dotati. 

Nel Canton Nidvaldo si votano modifiche di legge per adattare l'imposizione fiscale cantonale e comunale alla Riforma fiscale e finanziamento dell'AVS approvata a livello federale nel maggio del 2019.

A Soletta i cittadini si esprimono su un credito di 6,9 milioni di franchi per lo spostamento del centro cantonale per il controllo dei veicoli a motore da Olten a Wangen b. Olten e sull'introduzione del mandato come strumento legislativo a livello di Consigli comunali.

A Basilea Campagna si vota sul potenziamento della rete stradale, già approvato dal Gran Consiglio. Strade sul menù anche dei cittadini di Appenzello esterno con la richiesta di credito per l'area intorno alla stazione di Herisau. Ci si esprime anche sulle misure di attenuazione delle conseguenze delle revisioni fiscali del 2019 e 2020.

Organizzazione delle direzioni scolastiche e modifica della legge dell'energia in agenda nel canton Argovia. Voto su un credito di 39'800'000 franchi per edifici governativi nel canton Turgovia.   

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Mascherina al chiuso «anche con la distanza»
La raccomandazione arriva dalla task force della Confederazione
BERNA
3 ore
Quarantena per i viaggiatori, tutto ciò che c'è da sapere
Adeguato il valore soglia che regola gli Stati per i quali c'è l'obbligo di quarantena.
VAUD
7 ore
Prilly, spara alla moglie e poi si suicida
La donna è stata ricoverata al CHUV. Le sue condizioni sono tali da metterne in pericolo la vita
SVIZZERA
10 ore
I cybercriminali hanno approfittato parecchio della pandemia
Nel primo semestre dell'anno al Centro nazionale per la cybersicurezza sono giunte oltre 5'000 segnalazioni.
SVIZZERA
10 ore
Coronavirus: Roche vuole produrre centinaia di milioni di test rapidi al mese
Analizzano un campione di saliva e non richiedono personale specializzato per la somministrazione.
SVIZZERA
11 ore
«Dobbiamo fare tutti la nostra parte contro il coronavirus»
Il consigliere federale risponde alle domande dei colleghi di 20 Minuten e dei lettori
SVIZZERA
13 ore
«È adesso il momento cruciale»
Isabelle Moret lancia un appello a tutti: «Solo con la solidarietà potremo superare la crisi».
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera altri 287 ricoveri e 31 morti
Il virus continua a circolare molto: ben il 26.6% dei 35'230 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo
SVIZZERA
14 ore
Contro i blocchi del 5G Swisscom è pronta ad andare in tribunale
La società giudica illegali le moratorie contro la nuova rete: «Sono inaccettabili».
SVIZZERA
15 ore
Uccidono i germi ma «sono potenzialmente pericolosi per occhi e pelle»
Alcuni sanificatori UV dell'azienda svizzera Pearl sono stati richiamati, la nota della Confederazione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile