Keystone
SVIZZERA
21.09.20 - 18:450

14,4 miliardi per l'infrastruttura ferroviaria, la proposta del Consiglio Nazionale

Che andrà al vaglio degli Stati, i fondi utilizzati per risanare sezioni di binario, ponti, segnali e stazioni

BERNA - 14,4 miliardi di franchi per il mantenimento e l'ammodernamento della rete ferroviaria. È il limite di spesa che il Consiglio nazionale è d'accordo di investire nel periodo 2021-2024, conformemente a quanto chiesto dal Consiglio federale. Altri 300 milioni saranno destinati al traffico merci. Il Consiglio degli Stati deve ancora pronunciarsi.

Il credito di oltre 14 miliardi - approvato oggi con 184 voti contro 7 - verrà impiegato per risanare sezioni di binario, ponti, segnali e stazioni.

I fondi supplementari rispetto al quadriennio in corso - l'incremento è di 1,2 miliardi - serviranno anche per adeguare l'infrastruttura ai requisiti della legge sui disabili e della protezione dell'ambiente e della natura, ma pure per aumentare la disponibilità e la qualità della rete e stabilizzare così il traffico ferroviario.

«L'infrastruttura ferroviaria in Svizzera è in buone condizioni, ma l'aumento dei crediti è necessario per mantenere un elevato livello di qualità», ha rilevato Daniel Brélaz a nome della commissione. A suo avviso, nonostante la situazione finanziaria delicata della Confederazione in seguito alla crisi del Covid-19, una riduzione non si giustifica.

Durante le discussioni una minoranza UDC ha tentato invano di diminuire il limite di spesa di 493 milioni per motivi di politica finanziaria: «Prima o poi, occorrerà parlare di riduzioni budgetarie», ha sottolineato Benjamin Giezendanner (UDC/AG), per il quale occorre reagire rapidamente. Ma la proposta è stata respinta con 139 voti contro 50.

Il plenum ha infatti seguito gli argomenti della consigliera federale Simonetta Sommaruga, secondo la quale tagli in questo ambito non sono immaginabili: «Abbiamo bisogno di questi fondi», ha rilevato la ministra dei trasporti.

Più in dettaglio, circa 7,6 miliardi saranno destinati alle FFS e 5,9 miliardi alle altre imprese ferroviarie, Altri 300 milioni finiranno in una riserva da destinare a spese imprevedibili, come i danni causati da eventi naturali. Nel limite di spesa sono inoltre compresi circa 500 milioni di franchi per la cosiddetta gestione di compiti sistemici, come l'informazione alla clientela e il sistema di controllo della marcia dei treni.

Come detto il Nazionale - con 189 voti contro 3 e 1 astenuto - si è anche detto favorevole a destinare 300 milioni al traffico merci. Questi fondi verranno utilizzati per contributi d'investimento agli impianti privati allo scopo di promuovere il traffico merci su rotaia e il trasferimento su ferrovia del traffico attraverso le Alpi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
1 ora
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
5 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
5 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
5 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
7 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
7 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
7 ore
Glencore, obiettivo emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
9 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
10 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
SVIZZERA
12 ore
Tre regioni italiane saranno zone rosse
Sono Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Zaia: «La Svizzera non riconosce l'unità d'Italia»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile