Depositphotos (archivio)
SVIZZERA
18.09.20 - 10:570

Il Covid «ha rafforzato» il ruolo delle cure palliative

Il Consiglio federale ha proposto oggi alcune misure per il miglioramento della vita in fase terminale

BERNA - La buona qualità delle cure palliative in Svizzera deve essere assicurata a tutti. Lo ha ribadito oggi il Consiglio federale, intenzionato a migliorare l’assistenza e il trattamento delle persone in fase terminale.

Nonostante le implementazioni positive degli ultimi anni, le offerte di cure palliative, si legge in una nota del Governo, non sono ancora sufficientemente integrate nell’assistenza sanitaria e non tutti i gruppi di pazienti hanno lo stesso accesso a queste offerte.

Obiettivi terapeutici chiari - Nel suo rapporto, il Consiglio federale propone una serie di misure (da attuare in modo coordinato con i Cantoni e gli attori interessati, nel quadro della Piattaforma nazionale cure palliative), fra le quali la necessità di ampliare ulteriormente le condizioni quadro. All’occorrenza, le offerte mobili, ambulatoriali e stazionarie devono essere inoltre sviluppate e messe a disposizione della popolazione in tutte le regioni.

Il ruolo delle cure palliative, sottolinea il Governo, è uscito rafforzato dall'esperienza della pandemia e in futuro, per continuare ad affrontare la stessa dovranno essere considerate maggiormente le esigenze delle persone morenti e dei loro familiari. Gli obiettivi terapeutici andranno stabiliti precocemente - con i pazienti e i loro familiari -, in modo particolare all'interno delle case di cura.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
11 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
SVIZZERA
13 ore
Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale
Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime
SVIZZERA
15 ore
Così Netflix spenna gli svizzeri
Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno
ZURIGO
16 ore
Le cure intense zurighesi sono piene
All'ospedale universitario è stato raggiunto un tasso di occupazione del 98%
SVIZZERA
17 ore
Si apre il mese con oltre 10mila casi e 22 decessi
Tensione a livello ospedaliero: i pazienti Covid occupano ora il 27% dei letti di cure intense.
BASILEA CITTÀ
19 ore
Studente contagiato da Omicron, 100 persone in quarantena
Uno dei primi due casi di Omicron accertati in Svizzera è stato rilevato a Basilea, al ginnasio Kirschgarten.
ZUGO
20 ore
Distrugge uno spartitraffico e scappa
I danni dell'incidente avvenuto ieri sera allo svincolo autostradale di Rotkreuz ammontano a diverse migliaia di franchi
SVIZZERA
21 ore
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
21 ore
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
22 ore
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile