Archivio Keystone
SVIZZERA
17.09.20 - 18:400

Legge Covid-19, ok all'aiuto agli indipendenti, ma non c'è intesa sui criteri

Per il Nazionale le aziende dovrebbero ricevere un sostegno solo se erano redditizie prima della crisi

BERNA - Affrontando a livello di divergenze la legge Covid-19, norma che dovrà consentire anche in futuro al Consiglio federale di adottare decisioni per mitigare le conseguenze della pandemia, il Consiglio nazionale ha ribadito che gli indipendenti devono essere aiutati, non trovando però ancora un'intesa con gli Stati sui criteri da applicare.

Per il Consiglio degli Stati, un'azienda può avere diritto a un sostegno finanziario solo se il suo fatturato annuo è inferiore del 60% rispetto alla media pluriennale. Occorre inoltre tenere conto della situazione patrimoniale complessiva.

Il Nazionale vuole una definizione più ampia dei casi di rigore. Questi devono essere determinati secondo criteri quali la diminuzione del fatturato e il rischio d'insolvenza. E le aziende dovrebbero ricevere un aiuto solo se erano redditizie prima della crisi.

A giustificazione di questa soluzione, Manuela Weichelt-Picard (Verdi/ZG) ha sostenuto che le giovani aziende non possono presentare alcuna media pluriennale circa il fatturato. Per questo non dovrebbe essere prevista alcuna percentuale nella legge. «Iscrivere una cifra fissa nella legge è un criterio troppo rigido», si è detto d'accordo a nome della commissione preparatoria Philippe Nantermod (PLR/VS).

Il plenum ha però accolto le condizioni che danno diritto a un sostegno per quelle persone costrette a ridurre l'attività a causa delle misure restrittive contro il Covid. Potranno ricevere le indennità di perdita di guadagno solo se avranno subito una perdita di reddito di almeno il 60% rispetto agli anni dal 2015 al 2019. Il Consiglio federale dovrà tuttavia adottare misure per attenuare gli effetti soglia.

La sinistra ha tentato ancora una volta di estendere l'indennità per lavoro ridotto a persone con contratti a tempo determinato o su chiamata. Si tratta di decine di migliaia di persone, soprattutto nel campo della cultura, ha sottolineato - invano - Katharina Prelicz-Huber (Verdi/ZH).

Le altre divergenze con la Camera dei Cantoni sono state eliminate tacitamente. Il progetto ritorna al Consiglio degli Stati. Se i senatori dovessero ribadire le loro posizioni, sarà necessaria una conferenza di conciliazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Friborgo
5 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
7 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
9 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
9 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
9 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
10 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
11 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
12 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
12 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
13 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile