keystone-sda.ch (ALEXANDRA WEY)
Il PPD «dovrebbe avere il coraggio di decollare», ha affermato il presidente Pfister nel corso dell'assemblea dei delegati.
SVIZZERA
05.09.20 - 11:400
Aggiornamento : 13:44

Il PPD «dovrebbe avere il coraggio di decollare»

Gerhard Pfister: «Vogliamo aprirci a tutti coloro che condividono i nostri valori»

BADEN - Il PPD dovrebbe «avere il coraggio di decollare». Lo sostiene il suo presidente Gerhard Pfister, che oggi all'assemblea dei delegati di Baden (AG) ha illustrato gli obiettivi a lungo termine del partito.

Il consigliere nazionale di Zugo ha ribadito più volte il concetto di "centro", presentando nuovamente la proposta del cambio di nome da Partito Popolare Democratico ad "Alleanza del Centro", che tuttavia dovrà prima essere accolto dalla base.

«Vogliamo rimanere la forza politica nazionale del centro e aprirci a tutti coloro che condividono i nostri valori», ha aggiunto Pfister di fronte ai circa 200 delegati muniti di mascherina.

C'è un numero considerevole di elettori elvetici che sostengono la politica del partito ma non votano perché non sono né cattolici né particolarmente religiosi, ha rilevato il presidente del PPD, sostenendo che potenziali sostenitori percepiscono negativamente il riferimento cristiano - che in italiano è tuttavia stata abbandonato da tempo - presente nel nome.

Alleanza del Centro - Il processo per il cambiamento di denominazione deve essere «il più trasparente e il più equo possibile», ha ribadito il presidente, ricordando gli obiettivi che il Partito Popolare Democratico vorrebbe raggiungere nei prossimi anni.

La futura Alleanza del Centro, ha spiegato Pfister, vuole raggiungere la quota del 20% di consensi e recuperare nel 2027 il secondo seggio in Consiglio federale, perso da Ruth Metzler nel 2003 a favore dell'UDC Christoph Blocher. Secondo un sondaggio, il partito ha un potenziale decisamente maggiore rispetto all'11% raccolto nelle elezioni federali dello scorso autunno.

Covid-19 come il muro di Berlino - Nel suo discorso, Pfister ha sostenuto che la pandemia di coronavirus rappresenta un "Game-Changer", così come la caduta del Muro di Berlino nel 1989 e gli attentati dell'11 settembre 2001 a New York.

«Il Covid è una svolta, poiché la pandemia innesca un cambiamento di paradigma. Ciò che era inamovibile sta impazzendo», ha affermato il presidente del PPD, aggiungendo che i parametri fondamentali della vita economica e lavorativa dovrebbero essere messi in discussione. L'economia è diventata dipendente dalla globalizzazione, rendendola «vulnerabile», ha sottolineato.

No a "Per imprese responsabili" - 117 voti contro 56: è con questo scarto, dopo un'animata discussione, che i delegati del PPD, riuniti oggi in assemblea a Baden (AG), raccomandano a popolo e Cantoni di bocciare l'iniziativa popolare "Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente", che sarà posta in votazione il 29 novembre.

I delegati hanno dunque seguito le raccomandazioni della direzione del partito e del gruppo alle Camere federali. La proposta di modifica costituzionale mira a garantire che le aziende svizzere - ad esempio quelle attive nell'estrazione di materie prime - siano ritenute responsabili delle violazioni dei diritti dell'uomo e dei danni ambientali causati dalle loro filiali all'estero. Il no all'iniziativa di fatto spiana la strada al controprogetto indiretto.

Anche se le domande poste dai promotori sono quelle giuste, le risposte sono sbagliate, ha detto durante la discussione il consigliere agli Stati vallesano Beat Rieder. Al dibattito hanno partecipato una ventina di oratori, che si sono espressi dopo un faccia a faccia tra la "senatrice" democristiana lucernese Andrea Gmür (contraria all'iniziativa) e la consigliera nazionale ecologista bernese Aline Trede (favorevole). I maggiori applausi raccolti dai sostenitori del testo non si sono poi tradotti in voti.

I fautori hanno posto l'etica al centro delle loro argomentazioni. Se il PPD vuole rimanere fedele ai suoi valori fondamentali, l'iniziativa va sostenuta, ha affermato un delegato, sottolineando che il testo non può essere considerato nocivo per l'economia. Altri delegati hanno insistito sulla poca consistenza del controprogetto a livello di legge.

Gli oppositori hanno invece sottolineato soprattutto le conseguenze economiche e giuridiche dell'iniziativa. A loro avviso, la maggior parte delle imprese svizzere si comporta in modo corretto all'estero. La sicurezza giuridica in Svizzera non deve essere indebolita, hanno ammonito.

Sull'iniziativa "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico", pure sottoposta a votazione alla fine di novembre, non vi è stata discussione: 161 delegati ne hanno raccomandato la bocciatura, 25 l'accettazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 1 mese fa su tio
decollare..... ieri si trovavano davanti al precipizio, oggi faranno un passo in avanti ! decollo col vento in poppa verso gli abbissi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
BERNA
7 ore
Il Video del Consiglio federale: «Rispettate le misure anti-covid!»
L'invito è ovviamente a reagire. I modi sono quelli noti: «Distanze e igiene».
SCIAFFUSA
11 ore
64enne morto dopo essere stato coinvolto in una rissa
Il decesso non sarebbe direttamente legato alla scazzottata
SVIZZERA
11 ore
Può essere Covid? L'autovalutazione la fai online
L'UFSP, in base ai sintomi, invia una raccomandazione sulla necessità di fare o meno il tampone
SVIZZERA
12 ore
Philipp Wyss nuovo presidente della direzione di Coop
Simultaneamente muta anche la presidenza del cda
SVIZZERA
12 ore
Flixbus si ferma dal 3 novembre
«La decisione non è stata facile. Ma è necessaria per arginare la diffusione esponenziale del coronavirus»
BERNA
12 ore
«Potrebbero essere necessarie misure più drastiche»
Gli esperti federali aggiornano circa l'evoluzione del virus in Svizzera
ARGOVIA
12 ore
Ladri allontanati a colpi di pistola
Ignoti avevano tentato di svaligiare un negozio di armi. Ma il titolare è stato allertato dall'impianto di allarme
ZURIGO
13 ore
Pacco sospetto davanti al consolato francese
Dopo i fatti avvenuti ieri in Francia, la polizia ha preso sul serio la potenziale minaccia, isolando subito la zona
SVIZZERA
14 ore
Contagi e ricoveri stabili, ma crescono i morti
Il virus continua a circolare molto: il 24.1% dei 38'211 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo.
FOTO
SVIZZERA
14 ore
Altro raddoppio per casi e decessi settimanali
Tra il 19 e il 25 ottobre sono state annunciate 39'441 nuove infezioni. La settimana prima erano 19'478.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile