Keystone
SVIZZERA
02.09.20 - 11:080

Iniziativa per i ghiacciai: un «sì» (limitato) al controprogetto

Il Governo sostiene la riduzione delle emissioni di CO2, ma è contrario al divieto di principio dei combustibili fossili

BERNA - No a un divieto di principio dei combustibili fossili, sì invece alla riduzione delle emissioni di CO2 il cui saldo entro il 2050 dovrà essere pari a zero. È quanto si propone il Consiglio federale che oggi ha inviato in consultazione fino al 2 di dicembre il controprogetto diretto all'iniziativa popolare "Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)".

Il controprogetto, elaborato dal Dipartimento dell'ambiente (DATEC), persegue lo stesso obiettivo dell'iniziativa popolare circa la riduzione delle emissioni a effetto serra.

Tuttavia, precisa una nota governativa odierna, alcuni aspetti dell'iniziativa per i ghiacciai sono problematici: la proposta di modifica costituzionale prevede che, a partire dal 2050, non sia più possibile immettere sul mercato svizzero combustibili o carburanti fossili (p. es. petrolio, gas, benzina o diesel). Sarebbero possibili deroghe per applicazioni per le quali non esistono alternative tecniche.

Un'esigenza quest'ultima che l'esecutivo contesta sia per ragioni di sicurezza nazionale che di sostenibilità economica, ma anche per motivi legati alla particolari condizioni delle regioni di montagna e periferiche.

Il controprogetto stabilisce quindi in un nuovo articolo costituzionale che la sicurezza nazionale non debba essere compromessa. Esercito, polizia o servizi di salvataggio devono, se necessario, poter utilizzare carburanti fossili per le operazioni di protezione e di soccorso.

Quale complemento alla sostenibilità sociale, il controprogetto integra nella carta fondamentale anche la situazione particolare delle regioni discoste. Queste zone sono generalmente meno ben servite dai trasporti pubblici e beneficiano di condizioni di accesso meno favorevoli ai sistemi di approvvigionamento energetico come ad esempio il teleriscaldamento.

L’iniziativa per i ghiacciai, depositata il 27 novembre 2019 dall’Associazione svizzera per la protezione del clima con oltre 110 mila adesioni, chiede che a partire dal 2050 la Svizzera non emetta quantità di gas serra superiori a quelle che possono trattenere i pozzi di assorbimento naturali e tecnici.

Poiché in Svizzera il potenziale di stoccaggio permanente del CO2 effettivamente realizzabile è limitato a causa delle condizioni tecniche, economiche, ecologiche e sociali, il controprogetto lascia in sospeso la questione se nel 2050 le emissioni di CO2 residue dovranno essere compensate mediante pozzi di assorbimento nella Confederazione o all’estero.

Oltre all'Associazione svizzera per la protezione del clima, fondata nel 2018, il testo dell'iniziativa è sostenuto da organizzazioni ambientaliste, chiese e ricercatori, nonché da esponenti di tutti gli schieramenti politici, compreso quello borghese.

L'Iniziativa per i ghiacciai vuole sensibilizzare la politica sugli obiettivi dell'Accordo di Parigi, che devono essere iscritti nella Costituzione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Che bello , autostrade trasformate in piste ciclabili, per chi ha firmato l'obbligo della termopompa, pannelli fotovoltaici, auto elettriche e camini sigillati.
sedelin 1 anno fa su tio
SÌ all'iniziativa
seo56 1 anno fa su tio
Meglio di niente.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
7 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
7 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
9 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
11 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
12 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
14 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
14 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
15 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
23 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile