Keystone
BERNA
22.08.20 - 11:370
Aggiornamento : 12:25

Assemblea PLR: Gössi si scaglia contro le politiche rosso-verdi delle città

Andrebbero contro libertà e responsabilità individuale. I delegati si stanno incontrando virtualmente.

BERNA - Aprendo oggi l'assemblea digitale dei delegati del PLR, la presidente del partito Petra Gössi ha deplorato il crescente influsso dell'ente pubblico, in particolare nei centri amministrati da municipi rosso-verdi, a scapito della libertà e responsabilità individuali. Ha lanciato un vibrante appello «contro la denigrazione» dei valori liberali.

La consigliera nazionale svittese, criticando le politiche antiliberali, ha fatto anche l'esempio dei pacchetti federali di aiuto finanziario per attenuare la crisi del coronavirus. Le misure, sebbene benvenute, rischiano di falsare la concorrenza a medio e lungo termine. E lasciano dietro di loro «un debito abissale per le generazioni future».

Gössi ha espresso preoccupazione per «la crescente richiesta di una maggiore regolamentazione statale di tutti gli aspetti della nostra vita. La responsabilità e l'autodeterminazione, l'essenza stessa dei nostri valori liberali, sono messe in discussione».

La presidente dei liberali radicali ha puntato il dito contro le politiche perseguite nelle grandi città guidate da maggioranze di sinistra dove, a suo dire, a determinare l'azione politica sono «clientelismo» e rappresentazioni ideologiche del «buon» stile di vita.

Gössi ha poi espresso l'auspicio che quella di oggi sia l'ultima assemblea virtuale. Quella in calendario in ottobre dovrà permettere ai delegati di guardarsi negli occhi.

Oggi i delegati formuleranno le loro raccomandazioni di voto su tre oggetti su cui il popolo è chiamato a esprimersi il prossimo 27 settembre, ossia il decreto federale concernente l'acquisto di nuovi aerei da combattimento, la modifica di legge sul congedo paternità e quella relativa al trattamento fiscale delle spese per la cura dei figli da parte di terzi. La piattaforma di voto on line è aperta fino alle 16.30.

Le raccomandazioni di voto - Nel suo discorso Gössi ha posto l'accento sui nuovi jet. «La crisi attuale (legata alla pandemia di Covid-19) dimostra che dobbiamo sempre essere preparati all'imprevisto e che dobbiamo pensare anche all'impensabile. Questo vale anche per le minacce aeree», ha detto.

La svittese ha poi sottolineato la necessità di respingere l'iniziativa "Per un'immigrazione moderata", pure sottoposta al voto tra un mese abbondante e su cui il PLR ha già raccomandato un no in gennaio. Gössi ha messo in guardia, in questi tempi di insicurezza, contro «esperimenti ad alto rischio» che mettono in pericolo le nostre relazioni con i nostri vicini. La consigliera federale Karin Keller-Sutter, in un messaggio video, ha espresso un parere assolutamente analogo.

Ieri sera la conferenza dei presidenti delle sezioni cantonali del PLR, dal canto suo, ha invitato gli elettori ad accogliere la revisione della Legge sulla caccia, pure in votazione alla fine di settembre, con 18 voti favorevoli, tre contrari e un'astensione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
22 min
Verso il divieto di dissimulare il volto in tutta la Svizzera
Scatta la procedura per l'attuazione nel Codice penale della misura approvata in votazione lo scorso 7 marzo
SVIZZERA
59 min
Legge Covid-19, c'è chi sospetta che il voto verrà truccato
Alcuni sostenitori del no raccomandano di controllare da vicino i conteggi effettuati nei Comuni.
SVIZZERA
12 ore
Berset vuole fare un "regalo" ai non vaccinati
Certificato di un anno per i guariti. E test sierologici parificati ai molecolari. La proposta è sul tavolo, ma...
SVIZZERA
13 ore
Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa
L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.
SVIZZERA
16 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
19 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
19 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
21 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
21 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
22 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile