Keystone
SVIZZERA
02.08.20 - 08:560
Aggiornamento : 09:29

«La Svizzera sia più ferma nei confronti della Cina»

Così si è espresso Ignazio Cassis, riferendosi alla precarietà dei diritti dell'uomo e alla crisi di Hong Kong.

Per il ticinese va rafforzato il diritto internazionale e il sistema multilaterale.

BERNA - Il responsabile della diplomazia elvetica, Ignazio Cassis, auspica che la Svizzera assuma una posizione più ferma nei confronti della Cina. Si tratta, a suo avviso, di tenere conto in particolare della situazione sempre più precaria dei diritti dell'uomo e della crisi di Hong Kong, che compromette l'attività di molte aziende elvetiche.

I rapporti tra Berna e Pechino sono attualmente messi a dura prova: «Vediamo che la Cina si sta allontanando dalla via dell'apertura», afferma il consigliere federale in un'intervista pubblicata oggi dal SonntagsBlick.

«In 70 anni di relazioni con la Cina siamo riusciti a costruire un rapporto costruttivo ma critico», sottolinea il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Lo stato di diritto e i diritti fondamentali hanno sempre fatto parte del dialogo tra i due Paesi, aggiunge.

Berna sfrutti il diritto internazionale - Con la Cina «prima abbiamo stabilito relazioni economiche e poi abbiamo parlato di diritti umani», precisa il "ministro" liberale radicale ticinese. Ma la Cina è cambiata, ed è per questo che «la Svizzera deve difendere i suoi interessi e i suoi valori in modo più fermo, in particolare rafforzando il diritto internazionale e il sistema multilaterale».

La Svizzera pensava che si sarebbe «emancipata un po' dall'Europa» grazie all'accordo di libero scambio con la Cina entrato in vigore nel 2014, ma «la storia è più turbolenta del previsto». In Cina «le violazioni dei diritti dell'uomo sono in aumento». Inoltre, se la Cina abbandona il principio «un paese, due sistemi» con Hong Kong, ciò si ripercuoterà su molte aziende svizzere che vi hanno investito.

Impegno per accordo quadro con Ue - Il capo del DFAE ritiene che, in un mondo così incerto e complicato, la Svizzera non possa permettersi una relazione non regolamentata con l'Unione europea (Ue). Non solo ha relazioni economiche di prim'ordine con essa, ma condivide anche importanti valori fondamentali.

Se il 27 settembre l'iniziativa "Per un'immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)" dell'UDC fosse respinta, Cassis ritiene che Berna presenterà a Bruxelles entro la fine dell'anno proposte per eliminare i punti controversi del progetto di accordo quadro istituzionale tra Confederazione e Ue.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Il primo lockdown può aver salvato fino a 35'000 vite
È quanto emerge da uno studio dell'Università della Svizzera italiana, analizzato anche dalla NZZ am Sonntag
BERNA
4 ore
La “variante inglese” mette un'altra scuola in quarantena
Martedì inizierà la formazione a distanza per i 350 allievi di Wangen an der Aare
SVIZZERA
8 ore
Covid detector in aeroporto: perché non con i cani
I risultati non sarebbero ancora sufficienti per permettere l'addestramento e l'impiego su larga scala
BASILEA CAMPAGNA
11 ore
Auto fuori strada, 18enne in ospedale
Le altre due persone presenti nell'auto hanno riportato solo ferite lievi
SVIZZERA
11 ore
La seconda ondata ha "steso" un giovane su tre
Depressione e stress in aumento tra gli svizzeri dai 14 ai 24 anni. Lo dice uno studio dell'Università di Basilea
SVIZZERA
15 ore
Berset ai ferri corti con Chiesa
Il ticinese e il consigliere federale si sono incontrati per un chiarimento. Ma le posizioni restano «inconciliabili»
BERNA
16 ore
Coronavirus: più controlli alle frontiere e più test
Sono alcune delle previsioni in merito alle decisioni di mercoledì del Consiglio federale.
FOTO
SVIZZERA
17 ore
Oggi il suffragio femminile a livello federale compie 50 anni
Ed è impossibile non domandarsi: come mai così tardi? Ma ci sono cantoni che l'hanno introdotto prima e altri dopo
SVIZZERA / ITALIA
1 gior
I figli alla scuola privata di Zurigo, ma vogliono le norme italiane
Un gruppo di genitori si è rivolto a Repubblica per denunciare l'applicazione delle misure del Cantone anziché del Dpcm
FOTO
VALLESE
1 gior
Si stacca una valanga sopra Nendaz: un morto e un ferito
La grossa slavina ha travolto una guida alpina e uno dei suoi clienti. Stavano sciando fuori-pista.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile